Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 06 Marzo |
San Julián di Toledo
home iconChiesa
line break icon

Lupa o drago? La basilica di San Giorgio al Velabro

cge2010 | Shutterstock

Marinella Bandini - pubblicato il 18/02/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

La basilica di San Giorgio al Velabro deve probabilmente il suo nome alla zona in cui sorge, a poca distanza dal Tevere, un tempo paludosa o comunque soggetta a inondazioni. Qui, secoli prima, si sarebbe arenata la cesta in cui erano stati abbandonati Romolo e Remo, i gemelli all’origine della fondazione di Roma. La lupa che li ha allattati è ancora oggi il simbolo della città.

La basilica è stata costruita nel VI secolo e più volte modificata, anche se già da prima è attestata la presenza di una diaconia, ovvero un centro per le opere di carità e assistenza ai poveri. Nel XIII secolo furono aggiunti il campanile romanico e il portico.

In origine la chiesa era dedicata a S. Sebastiano, ma il culto di S. Giorgio prese piede quando Papa Zaccaria (741-752) fece arrivare la reliquia della testa del santo, ancora oggi conservata sotto l’altare. Più tardi la chiesa fu intitolata a entrambi, anche se il culto del santo guerriero, che combatte contro il demonio sotto l’aspetto di un drago, divenne prevalente.




Leggi anche:
Una chiesa italiana ospita i resti di un santo che uccise un drago… e anche del drago stesso!

San Giorgio è invocato contro i serpenti velenosi, la peste, la lebbra e la sifilide.

Come lui, siamo chiamati ogni giorno a combattere il male e a far vincere il Signore nella nostra vita.

Vedi, io pongo oggi davanti a te la vita e il bene, la morte e il male. Scegli dunque la vita perché viva tu e la tua discendenza (Dt 30, 15.19)

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
chiese stazionaliquaresimasan giorgiostazioni quaresimali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
5
MADONNA
Maria Paola Daud
La curiosa immagine della Vergine Maria protettrice dal Coronavir...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
Gelsomino Del Guercio
“Solo tu potevi capire Maria”. Lettera di Don Tonino Bello a San ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni