Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Un tentato stupro e la fossa: la rabbia del diavolo contro la beata Emmerick

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/02/21

E' uno dei casi di vessazione più clamorosi nella storia della Chiesa. I documenti sono riportati negli scritti della mistica tedesca e negli atti del suo processo di beatificazione

Un tentativo di stupro, un’aggressione in presenza del crocifisso. E poi veglie notturne dolorose, un cane che tentava ripetutamente di aggredirla. La beata Anna Caterina Emmerick è una delle mistiche cattoliche che ha subito gli assalti più violenti del diavolo.

Lo spiega Don Marcello Stanzione nel libro La beata Anna Caterina Emmerick” (edizioni Segno). Le azioni del maligno nei confronti della mistica tedesca sono raccapriccianti. Le fonti sono tratte dagli scritti della Emmerick e dagli atti del processione di beatificazione.

Wikimedia

La beata Anna Katharina Emmerick è una religiosa agostiniana tedesca nata nel 1774. A partire dal 1799 sente i dolori della corona di spine, accompagnati da perdite di sangue che ebbero luogo ogni venerdì. Poi sopraggiunsero dolori nelle mani e nei piedi. Invisibili da principio, le stimmate finirono per apparire sul corpo. Inoltre una croce avrebbe fatto la sua comparsa sul petto; raddoppiava nelle dimensioni nel tempo di Natale. Molti sacerdoti e medici vennero a visitarla per verificare la veracità di queste ferite. Uno dei dottori del convento cercò di curarle, senza però mai riuscirci.

Le veglie notturne quando era bambina

Il diavolo ha attaccato la beata Emmerick sin da bambina. Quando Anna Caterina iniziò le sue veglie notturne, gli attacchi dello spirito maligno divennero sempre più intensi e più frequenti. Cercò di terrorizzarla allontanandola dalle sue preghiere con terribili rumori ed apparizioni, persino con colpi.

Mani di ghiaccio

Spesso lei sentiva mani fredde come il ghiaccio che l’afferravano dai piedi, sbattendola a terra, e lanciandola in alto nell’aria. Ma, nonostante fosse bloccata dal terrore, la bambina non perse mai il coraggio. Continuava la sua preghiera con fervore raddoppiato, fin quando Satana non era costretto ad abbandonare.

A volte Emmerick ritornava nel luogo in cui era stata maltrattata dicendo: “Miserabile disgraziato! Tu non mi manderai via. Non hai potere su di me! Non ostacolerai la mia preghiera!”.




Leggi anche:
Le false profezie di Malachia e della Emmerich sui “due papi”

L’aiuto delle anime del Purgatorio

Questi attacchi si rinnovavano quando pregava per le anime del Purgatorio o quando faceva penitenza. Ma lei sapeva sempre come resistere al nemico e le anime amate spesso erano visibili e la ringraziavano per il sollievo che dava loro.

L’aggressione della bestia

Stanzione nel libro racconta un episodio particolarmente drammatico. La beata Emmerick, a volte, di notte andava a pregare davanti ad un rozzo crocifisso che stava verso il centro del suo villaggio, Coesfeld,. La strada si incrociava con uno stretto sentiero laterale sul quale c’era ad affrontarla quella che viene descritta come «un’orribile bestia come un cane con una testa enormemente grande».

Questa bestia ha tentato di aggredirla più volte mentre lei camminava. Ma presto facendosi coraggio diceva a se stessa: “Perché scappi davanti al nemico?”. Poi con il segno della croce premeva repentinamente vicino a quel cane rabbioso. Il cane fermava la sua ira. Il nemico incapace di sopportare la sua sconfitta, spiccava il volo e spariva nel nulla.




Leggi anche:
La visione degli Arcangeli e del Paradiso avuta dalla beata Emmerich

Il lancio nella fossa

Poiché il diavolo non poteva obbligarla con le apparizioni a desistere dalla penitenza, istigava un miserabile ad attaccarla vicino al crocifisso. Ma aiutata dal suo angelo, coraggiosamente difendeva se stessa e l’obbligava a ritirarsi.

Una volta il diavolo cercò di spingere la beata Emmerick giù da una scala a pioli. Ancora la gettò in una profonda fossa, spingendola ripetutamente verso il fondo per farla annegare. Ma il suo angelo la tirò fuori e la pose sul bordo sana e salva.

PIEKŁO
Pedro juan/Wikipedia | Domena publiczna

Una delle presunte visioni del diavolo avute dalla Emmerick, rappresentata dal Perugino.

Soffriva ed espiava i peccati commessi da altri

Questi attacchi, sostiene l’autore de “La beata Caterina Emmerick”, avevano un profondo significato che forse non può essere capito subito. Scopriamo in essi non soltanto la rabbia e la malizia del maligno che vuole distruggere lo strumento scelto da Dio, ma anche la parte essenziale della missione a lei assegnata.

Questa era infatti di attirare su di sé la furia del maligno, di esporsi ai suoi assalti, quindi di allontanarlo da alcune altre anime i cui peccati le renderebbero impotenti a resistere. Lei prendeva il posto di quelli che avevano subito castighi. Soffriva per quelli che si esponevano al pericolo di perdersi. Pagava i loro debiti con i suoi combattimenti.




Leggi anche:
I voli in cielo con gli angeli della beata Katharina Emmerich

Le malattie corporali

La beata Emmerick come assunse su di sé le malattie corporali del suo vicino per liberarlo da esse (si allettò da giovanissima per una serie di gravi patologie concatenate e incurabili ndr), così sopportò anche al posto suo gli attacchi del diavolo. Fino a guadagnare la vittoria, se pure tra molte sofferenze.

La tentata violenza sessuale

L’apice degli assalti del demonio si ebbero quando spinse i suoi schiavi maligni a tentare violenza contro la giovane vergine. Un tentativo di stupro a tutti gli effetti. Ma con il coraggio di una leonessa, la beata Emmerick reagì e buttò a terra i malfattori. “Il mio Signore e il mio Dio non mi abbandona!” disse. “Lui è più forte del nemico!”. Questa fiducia nella protezione divina era il suo scudo, la protezione che la difese dagli attacchi.


VATI VISIONE FILM EMMERICK

Leggi anche:
Documentario su Anna Caterina Emmerick: tra Cielo e Terra

Tags:
beata emmerichdiavolo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni