Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Casimiro
home iconStorie
line break icon

L’esorcista: mutismo, tosse, chiodi vomitati. Così reagisce chi è posseduto

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 13/02/21

Intervista del portale Idea Web al parroco esorcista della diocesi di Alba, che racconta come svolge i suoi esorcismi e gli effetti che provocano

«Il vomitare chiodi, ferro e grovigli di fili spinati e i casi di levitazione a cui ho assistito durante gli esorcismi sembrano un segno evidente anche all’esorcista più razionale. E io mantengo in genere una buona razionalità: non ho scelto questo servizio. Non lo avrei mai chiesto». A parlare è in un’Intervista esclusiva al portale Idea Web.tv (12 febbraio), il parroco esorcista della Diocesi di Alba.

“Paura? Mai”

«Mi capita di sussultare davanti a reazioni improvvise della persona per cui sto pregando. Ma paura, no. E pensare che non sono particolarmente coraggioso», dice l’esorcista, che vuole mantenere l’anonimato sul nome.

EXORCISM
Shutterstock-itsmejust

Come avviene il rituale dell’esorcismo

Il sacerdote spiega come avviene un esorcismo, una volta appurato che quella persona che gli viene sottoposta, sia veramente vessata da demonio e non soffre di disagio psichico.

«Di per sé si tratta di un atto liturgico, una antica forma di preghiera. Si inizia con l’accoglienza della persona, sempre accompagnata da qualcuno, e con il segno di croce. Seguono le litanie dedicate a Maria e ai Santi, si pregano alcuni salmi, si ascolta il Vangelo. Segue un’imposizione delle mani e un’invocazione a Dio, si rinnovano le promesse del Battesimo dove si chiede alla persona di rinunciare a Satana, al male e a ogni forma di occultismo. Segue la professione di fede della persona attraverso il “Credo”. A questo punto si entra nel vivo dell’esorcismo».


EXORCIST

Leggi anche:
Così la diocesi di Milano trova gli indemoniati su cui praticare gli esorcismi

Le due grandi preghiere

L’esorcista spiega che «è composto da due grandi preghiere: una parte invocativa in cui chiedo a Dio di spezzare i legami con il male, nella quale solitamente vado a braccio, e una parte imperativa in cui mi rivolgo direttamente a Satana e gli ordino di andarsene. Questa è la parte di maggior sofferenza per la persona, se il suo malessere è di carattere spirituale, perché avviene un confronto diretto con la forza che lo disturba».

© udra11 / Shutterstock

Le reazioni della persona posseduta

Le reazioni della persona a queste preghiere formulate dall’esorcista «vanno dal mutismo, al grande fastidio, alla tosse, fino alla deformazione del volto e all’avversione all’acqua benedetta. Per evitare che ci si lasci suggestionare a volte l’acqua non è benedetta, a volte si prega in silenzio e si osserva se ci sono reazioni».




Leggi anche:
Ecco cosa sentono le persone che stanno subendo un esorcismo

Gli escamotage del demonio

Il demonio risponde agli ordini che gli impartisce l’esorcista e «cerca di distrarre dalla preghiera. Talvolta si esprime in lingue straniere sconosciute alla persona. Rivendica eventi passati come se ne fosse l’artefice, sbeffeggia i presenti, mi ri­volge minacce di morte. Spesso mi ripete che sto perdendo tempo e che quella persona è sua. Oppure può rivelare presunti segreti o azioni sconvenienti legate ai presenti. Ma siccome Gesù stesso lo definisce “menzognero”, tutto questo vie­ne considerato per quello che è, ovvero inficiato dalla falsità».

Tentazione e corruzione

Infine l’esorcista, dopo aver completato il rituale di liberazione (non sempre è sufficiente una sola seduta), evidenzia che la il posseduto torna gradualmente ad un atteggiamento di normalità, che si manifesta anche nella sua vita quotidiana.

Inoltre, spiega che il demonio non per forza deve manifestarsi con una possessione. «Tentazione» e «corruzione» sono due modi in cui il diavolo può condizionare una persona e allontanarla da Dio.


EMOTIONAL

Leggi anche:
Avete bisogno di guarigione? Un esorcista raccomanda questa preghiera di sole 11 parole

Tags:
esorcismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni