Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Santi Luigi Versiglia e Callisto Caravario
home iconStorie
line break icon

“Viaggio a Lourdes”, il libro del medico che si è convertito ed è diventato un Premio Nobel

ALEXIS CARREL

Public domain

Dolors Massot - pubblicato il 12/02/21

Alexis Carrel voleva mostrare che i miracoli di Lourdes erano falsi. Salì su un treno di pellegrini malati e... In “Viaggio a Lourdes” racconta il suo processo di conversione

“La locomotiva fischiò”. Così inizia il libro di Alexis Carrel, un giovane medico francese di 30 anni che nel luglio 1903 voleva verificare con i propri occhi cosa accadesse nel santuario di Lourdes, convinto che i miracoli non fossero autentici. Carrel non credeva in Dio, solo nella ragione.

Il medico decise di salire su un treno di pellegrini malati sostituendo uno dei suoi colleghi, e lì iniziò a osservare tutto con l’attenzione di uno scienziato che prende appunti sul suo taccuino. Sul treno viaggiavano 300 malati.

Anni dopo apparve “Viaggio a Lourdes”, un breve racconto autobiografico di quello che era accaduto: la sua conversione alla fede cattolica. Carrel era il protagonista della storia, ma scrisse in terza persona e si chiamò dottor Lerrac (le lettere del suo cognome al contrario).

LOURDES
DyziO | Shutterstock

Il Carrel agnostico e scettico si guardava intorno: “Il treno si fermò prima di entrare nella stazione di Lourdes. I finestrini si riempirono di volti pallidi, estatici, felici, in un saluto alla terra promessa, dove avrebbero dovuto scomparire tutti i mali… Un grande desiderio di speranza nasceva da questi sentimenti, da quell’angoscia e da quell’amore”.

Quando i pellegrini giunsero all’Ospedale di Nostra Signora Addolorata, a Lourdes, il dottor Boissarie propose a Carrel-Lerrac la visita a una malata in particolare:

“Alle due e mezza devo esaminare Marie Ferrand, la ragazza malata di peritonite tubercolosa di cui ti ho parlato, le cui condizioni continuano ad aggravarsi. Se si riprende sarà un piccolo miracolo. Vieni a vederla con me”.

“Morirà presto”

Marie Ferrand in realtà era Marie Bailly. “Apparve”, scrisse, “il corpo indebolito di Marie Ferrand, con le costole che sporgevano dalla pelle e il ventre gonfio… Era la forma classica di peritonite tubercolosa”. Egli stesso lo riferì dettagliatamente al suo collega: “Si trova all’ultimo grado della cachessia. Il cuore batte senza ordine. Osserva la sua magrezza e il colore del volto e delle dita. Morirà presto. Può vivere forse qualche altro giorno, ma è condannata”.

L’infermiera che accompagnava il pellegrinaggio chiese se potevano portare Marie a una delle piscine in cui si immergevano i malati, ma Carrel-Lerrac risposte:

“E se muore lungo il percorso cosa farà lei?”

Lerrac andò a fare una passeggiata per vedere i malati nelle piscine e la grotta di Lourdes.

Visto che non la potevano immergere in una piscina, versarono tre brocche di acqua di Lourdes sul ventre di Marie e la portarono alla grotta sulla barella. Lerrac andò di nuovo a vederla e si trovò di fronte a una grande sorpresa: “Lo sguardo di Lerrac si posò su Marie Ferrand, e gli sembrò che il suo aspetto fosse cambiato. Si sarebbe detto che i riflessi lividi del suo volto erano scomparsi e che la sua cute era meno pallida. Sono allucinato, si disse. È un fenomeno psicologico interessante, e forse sarebbe necessario prenderne nota”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
conversionelourdesmedico
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni