Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconApprofondimenti
line break icon

Il parere di alcuni economisti cattolici su Draghi: aspettiamo fatti concreti

Quirinale Press Office / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 10/02/21

Il nuovo presidente incaricato di formare il Governo sarà all’altezza su temi come famiglia e giovani? Le proposte cattoliche saranno prese in considerazione? E’ presto per dirlo, come spiegano Belletti e Bruni

Mario Draghi verrà incontro alle aspettative e alle richieste degli economisti cattolici? Per ora quest’ultimi sono prudenti, come dimostrano le dichiarazioni di Francesco Belletti e Luigino Bruni al settimanale Famiglia Cristiana. Nessuna corsa ad “abbracciare Draghi”, ma si attendono fatti concreti rispetto alle battaglie del mondo cattolico. In particolare sugli interventi per famiglia e giovani.

Francesco Belletti: basta parlare di Recovery Plan

«Basta parlare di Recovery Plan, parliamo piuttosto di Next Generation EU L’Europa stessa chiede che tutte le ingenti risorse messe a disposizione per ripartire, dopo la pandemia e la connessa crisi economica, siano a servizio delle generazioni future. E siamo convinti che anche Mario Draghi, grazie alla sua preziosa e indiscussa esperienza europea, condivida l’idea che ogni sostegno alla famiglia non sia spesa assistenziale, ma investimento sul futuro».

Questa l’istanza di Francesco Belletti, direttore del Cisf, Centro Internazionale Studi Famiglia, espressa nel Primo Piano sul numero, in edicola dall’11 febbraio, di Famiglia Cristiana. Istanza che contiene anche il condivisibile timore che i traguardi raggiunti dal tema famiglia, l’approvazione del Family Act, un piano organico di sostegno alle famiglie, e soprattutto l’introduzione dell’assegno unico per figlio, vengano ridiscussi.

PRESS CONFERENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
L'economista Francesco Belletti.

200 euro mensili per ogni figlio under 21

«Chiediamo al premier incaricato Mario Draghi e a tutti i partiti che sosterranno un nuovo progetto di governo» del Paese di mantenere l’impegno a erogare «un assegno di almeno 200 euro mensili per ogni figlio sotto i 21 anni» continua Belletti.

«Con un nuovo Governo, la sensazione che molti impegni potranno e dovranno essere ridiscussi non fa stare tranquille le famiglie italiane, troppo spesso illuse da mirabolanti promesse e poi disilluse da concreti impegni assolutamente marginali», scrive ancora il direttore del Cisf.




Leggi anche:
Chiamato al Colle per un nuovo governo, ma chi è Mario Draghi?

“La nascita di un figlio non sia una preoccupazione”

Ma per le famiglie non basteranno le erogazioni in denaro per vedere riconosciuto e promosso il loro importante ruolo nella società. «Serviranno anche investimenti in asili nido, in servizi per la conciliazione famiglia lavoro, sostegni importanti per promuovere la digitalizzazione del lavoro a domicilio e la didattica a distanza, supporti per i giovani in cerca di lavoro. Servirà soprattutto un contesto sociale, economico e culturale in cui la nascita di un figlio tornerà a essere soprattutto una gioia, e non una preoccupazione».

POLONA AVANZO

Luigino Bruni: aspetterai a beatificare Draghi

«Io aspetterei a beatificare Draghi prima di vederlo all’opera. Su quali basi possiamo dire che da un premier con questa formazione, con questa mentalità finanziaria, arriveranno attenzione ai corpi intermedi e vantaggi per le fasce sociali più deboli? Non abbiamo nessun elemento serio per pensare ora che Draghi sarà più sensibile al terzo settore, alla sussidiarietà e alla tradizione della Dottrina sociale della Chiesa di quanto non lo sia stato Conte o i suoi predecessori».

Il coro del mondo cattolico in favore di Mario Draghi e del suo presunto cattolicesimo sociale viene interrotto – in un’intervista a Famiglia Cristiana – da un economista molto ascoltato da papa Francesco, Luigino Bruni, esponente dei Focolari e promotore dell’incontro globale di Assisi “The Economy of Francesco“, con giovani imprenditori e manager di tutto il mondo.




Leggi anche:
Mario Draghi: l’investimento nei giovani è essenziale per la crescita

Da CL all’Accademia delle Scienze

«Mi sorprende quest’esultanza di tanti cattolici per l’avvento di Mario Draghi al Governo. Certo, si è parlato dei suoi studi dai gesuiti, della sua partecipazione ai riti della parrocchia romana di San Bellarmino, della laurea honoris causa all’Università Cattolica, della conferenza al Meeting di Rimini di Comunione e liberazione, dell’appartenenza alla Pontificia Accademia delle Scienze».

«Tutto questo può essere incoraggiante ma non lo rende automaticamente un protagonista e un fautore del cattolicesimo sociale. Anche perché ci sono altri aspetti della sua carriera che fanno pensare che possa andare in direzione diversa, se non opposta”, prende le distanze Bruni, autorevole studioso del Terzo settore».

Sybrig Andringa
Luigino Bruni, professore ordinario di Economia politica presso l’Università Lumsa

“Non ti viene in mente il pensiero cattolico applicato all’economia”

La Chiesa, osserva Bruni, «non ha mai espresso simpatia per la grande finanza. Anche papa Francesco, nel solco dei suoi predecessori, ha detto di tutto e di più sui suoi limiti quando la finanza finisce per diventare prima dimensione dell’economia»,

«Se pensi a Draghi – continua l’economista cattolico – non ti viene in mente il pensiero cattolico applicato all’economia ma il suo ruolo di grand commis, di tecnico della finanza, di economista serio e preparato di fama internazionale, di banchiere. Tutte grandi cose, ma che non ci fanno automaticamente pensare a un economista di formazione cattolica».

Insomma, «finché questo governo non opererà e farà cose concrete non abbiamo elementi per sapere se farà cose peggiori o migliori degli esecutivi precedenti». In altre parole, conclude Bruni, «non diamo premi prima dell’inizio della gara» (ANSA, 10 febbraio).




Leggi anche:
“È come in guerra. Serve più debito pubblico”. Parla Draghi

Tags:
economia giusta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni