Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconStorie
line break icon

Arrestato di nuovo l’assassino di Livatino. Il suo prete: mi sento tradito

Rosario Livatino

Public Domain

Il giudice Livatino.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 10/02/21

Antonio Gallea, già mandante dell’omicidio del giudice beato, in regime di semilibertà stava ricostruendo la mafia agrigentina. Don Raffaele Grimaldi, suo direttore spirituale: gli avevo dato fiducia, veniva a messa e aiutava i poveri

La riabilitazione in carcere era servita a poco. Arrestato nuovamente per mafia Antonio Gallea, uno dei mandanti dell’omicidio del giudice Rosario Livatino.

Dopo aver scontato 25 anni per l’assassinio del giovane magistrato, trucidato il 21 settembre del 1990 e da poco proclamato Beato da Papa Francesco, il boss, già condannato all’ergastolo, era stato ammesso alla semiliberta’ dal tribunale di sorveglianza di Napoli il 21 gennaio del 2015. Gallea aveva mostrato la volontà di collaborare con la giustizia (Grande Angolo Agrigento.iit, 2 febbraio).

“Prego per lui”

In realtà è stato un bluff. «È una grande delusione, gli avevo dato tutta la mia fiducia. Ma prego per lui», dice ad Avvenire (6 febbraio)don Raffaele Grimaldi, il sacerdote che aveva accoltoGallea, accusato di essere tornato a guidare la “stidda” agrigentina malgrado l’ergastolo.

“Dai permessi alla semilibertà”

Don Raffaele, per 23 anni cappellano nel carcere di Secondigliano, lo conosce da 11 anni. «Abbiamo iniziato un percorso in carcere, poi diedi la mia disponibilità all’accoglienza nel Centro Regina Pacis della Caritas a Giugliano. Cominciò ad avere permessi di uno o due giorni. Poi 5 anni fa ha ottenuto la semilibertà. Stava nel nostro centro e, le assicuro, era un volontario modello».

Il duro decreto della Dda di Palermo

Nel decreto di fermo della Dda di Palermo si legge, citando proprio «l’attività di volontariato» con la Caritas, che «la lunga carcerazione per l’omicidio del giudice Rosario Livatino non ha avuto alcun effetto di resipiscenza nel Gallea che, anzi, ha sfruttato la normativa premiale, prevista anche per i detenuti ergastolani, al fine di reinserirsi nel contesto criminale di appartenenza e tentare di ri-affermarsi, sotto il profilo mafioso/stiddaro, con i metodi che caratterizzano le associazioni mafiose».




Leggi anche:
Rosario Livatino: credente e credibile, fino alla morte

Il cammino spirituale

Don Raffaele gli aveva affidato l’orto dietro al centro che ha accolto molti detenuti in permesso, «frutto dell’attività pastorale a Secondigliano. Si occupava di distribuire i pasti alla mensa dei poveri, anche durante il lockdown. Mi fidavo di lui. Apriva e chiudeva il centro».

Il mandante dell’omicidio Livatino «veniva a Messa e agli incontri di preghiera. Si confrontava con me e io come padre spirituale ho fatto di tutto per lui. Sono sacerdote, devo dare la forza per riprendere il cammino».

Cosa pensava l’assassino del giudice Livatino

Il sacerdote rivela cosa gli aveva detto Gallea sull’omicidio di Livatino. «Ne abbiamo parlato tante volte. Ma faceva parte del suo passato, ammetteva l’errore. Diceva sempre “Don Raffae’, peccato che avevo solo vent’anni”. Mi spiegò che lo avevano ucciso perché era integerrimo, non si faceva corrompere, anche grazie alla sua fede. E per questo è stato molto contento per la beatificazione, anche perché aveva testimoniato al processo canonico».


Rosario Livatino

Leggi anche:
Rosario Livatino sarà beato, martire della mafia “in odium fidei”


Rosario Livatino

Leggi anche:
Papa Francesco: mi ritrovo nel rapporto che il giudice Livatino aveva con Dio

Tags:
omicidiorosario livatino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni