Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Esci dalla porta sul retro e ama il prossimo tuo come te stesso

HOMELESS, STREET, ALONE

olesea vetrila | Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 05/02/21

Un'umanità ferita e abbandonata aspetta fuori dalla porta sul retro del convento: coi loro gesti eloquenti ricordano che dobbiamo ricollegare il cuore al cielo.

Di Giovanni Micco, parroco dell’Annunciazione di Maria Vergine, a Vienna

Spesso lascio il “convento” uscendo dalla porta sul retro: è più comodo per buttare la spazzatura, prendere la bici o la macchina per andare a scuola. Ormai non è più un vero e proprio convento e, in quegli spazi ampi e luminosi, oggi c’è la nostra casa di missione e la sede della Caritas di Vienna.


BUSINGYE, TOMMASI, MEETING

Leggi anche:
Non vedo un povero ma un uomo dal valore infinito

Cosa si incontra uscendo dal retro

È qui che, soprattutto nei mesi caldi, si incontrano diverse persone, il più delle volte con una tazza di caffè in mano e una sigaretta. Passeggiano, parlano tra loro, passano la giornata nel parcheggio seduti su panchine recuperate chissà dove. Tra loro, si possono distinguere due categorie di persone: gli assistenti (sociali) e gli assistiti. Questi ultimi hanno molte cose in comune: sono senzatetto, stranieri, malati. E non hanno un’assicurazione medica.

Da circa due anni, vivono nelle stanze della Caritas, che li raccoglie per strada e li ospita. Henry viene dalla Slovacchia: mi ferma per chiedermi una sigaretta e lo fa in italiano. Gli chiedo dove abbia imparato la mia lingua. “A Trieste, padre” risponde. “Ho trascorso sette anni in prigione in Italia, mi hanno trattato proprio bene”. Racconta con nostalgia episodi del suo passato e lamenta la sua cattiva salute: i dolori alle gambe, un‘operazione chirurgica che forse si farà.

MEAL
Shutterstock | addkm

Insomma, è difficile passare dalla porta sul retro senza incontrare i bisogni di queste persone. Noi cerchiamo di aiutarli in qualche modo: ogni tanto gli si regala un pacchetto di sigarette, gli si procura un paio di scarpe, si scambiano due parole, ci si ferma ad ascoltare le loro storie.

Le gambe dimenticate sotto il treno

Thomas arriva sulla carrozzella: stringe una lattina di birra tra le gambe che gli arrivano solo al ginocchio, le due protesi con le scarpe da ginnastica bianche abbandonate vicino alla panchina. “Cosa ti è successo alle gambe?” gli chiedo. “Le ho dimenticate sotto il treno, avevo bevuto troppo”.

Domanda se abbiamo un vecchio computer da dargli per scrivere delle mail. È di origine polacca come i suoi amici, un piccolo gruppo guidato da Marco, che si muove aiutandosi con un carrello. Anche lui parla bene l’italiano, ha lavorato in un ristorante vicino a Roma e racconta di conoscere diverse ricette. Mi chiede un telefonino. “Chi vuoi chiamare?”. E lui risponde: “No, li vendo per comprare la vodka”. Mi sorprende il loro senso dell’ironia, una certa sincerità che sopravvive pur nella drammaticità della situazione che vivono.

Voglio suonare per loro

Spesso sono accompagnati da medici che fanno volontariato e offrono loro le cure strettamente necessarie. Rosa viene dalla Jugoslavia: avrebbe bisogno della fisioterapia ma è troppo costosa. Allora, proviamo ad organizzare degli eventi culturali per raccogliere denaro da utilizzare per le loro necessità. Durante la preparazione di un concerto, mentre faccio l’elenco delle persone da invitare per sostenere l’iniziativa, l’artista Marie mi dice: “Non voglio suonare per raccogliere soldi per loro, voglio suonare per loro! Non possiamo invitarli?”.

WOMAN PLAYING THE ORGAN,
Gaia Conventi | Shutterstock

Detto, fatto. La sua osservazione mi ha ricordato che queste persone hanno le stesse mie esigenze, che la musica e la compagnia non sono solo strumenti per raccogliere soldi ma dimensioni che arricchiscono il cuore. Al mio primo pensiero: “Devo fare qualcosa per loro”, se ne aggiunge un secondo: “Potrei essere uno di loro e sarei proprio contento se mi invitassero al concerto”. Pian piano, questi incontri sporadici si sono trasformati in rapporti di amicizia.


Lucia Ercoli,

Leggi anche:
La dottoressa dei poveri di San Pietro: una vita accanto ai più vulnerabili per amore di Dio

Ricollegare il cuore al cielo

Da un anno, invitiamo alcuni di loro il mercoledì a pranzo a casa nostra. “Il mercoledì per me è la domenica”, dice Luise. Cuciniamo assieme, ci scambiamo ricette, cerchiamo di comunicare nelle diverse lingue. Prima di mangiare, Marta, che arriva sempre con qualche arancia o dei cioccolatini, ci ricorda con gesti eloquenti che dobbiamo ricollegare il cuore al cielo. È commovente vedere la serietà di queste persone che si alzano in piedi attorno al tavolo, si tolgono il berretto, congiungono le mani e si affidano con semplicità al Signore.

Pian piano, condividendo con loro qualche momento, si riaffaccia all’orizzonte anche per noi una nuova possibilità di guardarli attraverso le parole di Gesù: ama il prossimo tuo come te stesso. Se guardo a queste persone come ad una parte di me, forse quella che più volentieri dimentico, ogni estraneità è tolta. Percepisco nella loro vicinanza la prossimità alla mia vita del Signore che spesso, per entrare, sceglie la porta sul retro.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Tags:
caritamissionepovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni