Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Febbraio |
Beata Anna Michelotti
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Può diventare santo chi ha commesso peccati gravi come l’omicidio?

Jacques Fesch

STF | AFP

Jacques Fesch, in cammino verso gli altari nonostante il passato da assassino. La storia della sua conversione è straordinaria.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/02/21

Sembra paradossale...ma la risposta è affermativa. L'esperto di Cause dei Santi cita alcuni esempi di santi dalla vita sregolata, violenta e dall'istinto omicida

Un nostro lettore ci chiede se possono diventare santi anche peccatori gravi, che poi si sono convertiti. Di seguito il testo della sua domanda.

Una persona che nella vita abbia compiuto peccati mortali (da quelli gravi come il divorzio, atti omosessuali ecc.. a quelli gravissimi come satanismo, pedofilia) una volta pentitosi di cuore, e aver condotto una vita da quel momento in poi “santa”, (definiamola così), potrebbe un giorno essere dichiarato santo? Parlo proprio a livello di canonizzazione. Oppure i loro precedenti atti, pur perdonati, invalidano per sempre tale possibilità. E’ una cosa che mi sono sempre chiesto!”.

«La risposta secca è “sì” – sentenzia don Ennio Apeciti, responsabile dell’Ufficio per le Cause dei Santi della diocesi di Milano e rettore del Pontificio Seminario Lombardo – ma sono inevitabili una serie di considerazioni su come si arriva alla sua santità».

Santi peccatori: il caso di un donnaiolo assassino 

Tra i santi peccatori convertiti, c’è un iter di beatificazione emblematico in corso. Si tratta del Servo di Dio francese Jacques Fesch, ultimo ghigliottinato in Francia l’1 ottobre 1957.

«E’ un caso emblematico – dice Don Ennio – perché il suo processo di beatificazione è in dirittura d’arrivo presso la Congregazione delle Cause per i Santi. Per lui molto probabilmente si prospetta un futuro da beato. E poi si proseguirà con la canonizzazione. Jacques incarna a pieno il peccatore moderno. Ha una vita sregolata, problemi in famiglia, si sposa ma tradisce continuamente la moglie, si separa. E’ un donnaiolo. ha un figlio illegittimo, è finanche un assassino. Eppure sarà santo».  

JACQUES FESCH YOUNG SAINT
©Public domain

Una famiglia complicata

In effetti la vita del parigino Jacques ha dell’incredibile. Con il padre ha un rapporto difficile. Lui è un dirigente di banca, si occupa poco del figlio e non pensa alla sua educazione. Jacques cresce così legato ad una madre. Che dal canto suo non è una donna capace di prepararlo alla vita. Frequenta un collegio privato cattolico, ma senza combinare nulla. Dopo il servizio militare sposa Pierette, una ragazza di Saint-Germain, di origine ebrea. Ha una figlia, ma presto litiga con il suocero e lascia moglie e lavoro.




Leggi anche:
Figlio di assassino e figlio di santo, intervista con Gérard Fesch

L’omicidio del poliziotto

Il ragazzo da quel momento inizia una vita vissuta tra donne, la ricerca disperata di soldi. Fino al punto di diventare un ladro. Il 25 febbraio 1954 arriva persino ad aggredire a Parigi, con un martello, un cambiavalute: prende del denaro e fugge.

Di santi peccatori ce ne sono diversi, ma Jacques si comporta come un vero e proprio criminale. Rivoltella in pugno, si copre la fuga ferendo un passante. Il poliziotto Georges Vergnes gli dà la caccia fino al Boulevard des italiens. Il bandito, sul punto di essere preso, spara all’agente e lo uccide. Anche se c’è chi sostiene che il colpo sia partito accidentalmente mentre cadeva a terra. Qualche ora dopo, l’autore della rapina e dell’omicidio è catturato e assicurato al carcere.


JACQUES FESCH

Leggi anche:
Un assassino in vista dell’esecuzione: “Tra 5 ore vedrò Gesù”

Il cappellano

Il processo è rapido e la condanna scontata nonostante si fa difendere da un avvocato importante chiamato dal padre. Tra le sbarre della “Santè”, il penitenziario della capitale francese, conosce il cappellano a cui inizialmente dichiara di essere un senza-Dio, per poi stringere con lui un rapporto più aperto.

Il prete gli dice di scrivere un diario in cui “confessarsi”, raccontare la sua vicenda e gli lascia dei libri sulla vita di santa Teresa d’Avila e “Storia di un’anima” di santa Teresa di Gesù Bambino, che ancora ragazza, convertì con la sua preghiera ardente il criminale Pranzini, poche ore prima della ghigliottina. Jacques legge, medita e si affascina a Gesù. 

Fanny Flesch
STF / AFP
Jacques fesch, 24 ans, fils de banquier, accusÈ d'avoir assommÈ un agent de change de la rue Vivienne le 25 fÈvrier 1954 pour lui dÈrober 300 000 F et d'avoir tuÈ un gardien de la paix, s'apprÍte ‡ rencontrer le juge d'instruction le 4 mars 1954 ‡ Paris. Il sera condamnÈ puis guillotinÈ le 1 octobre 1957. / AFP / STF

L’incontro con Dio

Dopo il primo anno di detenzione scrive: «Mi ha percosso un intenso dolore dell’anima che mi fatto molto soffrire; bruscamente in poche ore, ho posseduto la fede, una certezza assoluta. Ho creduto e non capivo più come facevo prima a non credere. Gesù mi ha visitato e una grande gioia si è impossessata di me, soprattutto una grande pace. Tutto è diventato luce in pochi istanti. Era una gioia fortissima».




Leggi anche:
Grandi convertiti: perché è più importante la pecora smarrita delle 99 ‘buone’

Un altro uomo

Comincia da quel momento una conversione impressionante. Si confessa, prende la Comunione tutti i giorni. e intanto il cappellano, che è anche insegnante di religione, inizia a raccontare il suo caso. Jacques scrive ai suoi studenti, diventa incredibilmente il loro “apostolo”. Poi si riavvicina alla moglie, le dice di sentire Dio accanto. E’ un altro uomo.




Leggi anche:
Ladro, assassino e possibile santo?

“Apostolo” per i giovani

Al contempo, il processo va avanti. Viene condannato in appello e Cassazione, e il presidente della Repubblica non firma la grazia richiesta dal suo avvocato. Il suo è ormai un caso nazionale. Qualche ora prima della condanna a morte scrive l’ultima frase sul diario: “Attendo nella notte e nella pace. Attendo l’Amore“.

«La sua morte ha contribuito in maniera decisiva all’abolizione della ghigliottina», commenta don Ennio.

Jacques è morto da martire, da esempio di un uomo che ha subito una incredibile conversione. «Il suo è stato un passaggio da agnosticismo schietto a fede profonda e documentata – aggiunge l’esperto di cause dei santi – parlava come i mistici, come il cardinale Newman, di cui non conosceva gli scritti».

John Henry Newman
Public domain

John Henry Newman.

Le condizioni per la canonizzazione di Jacques Fesch

Don Ennio ricorda che per una canonizzazione sono tre gli elementi di cui si tiene conto. «La vita vissuta, la fama, cioè cosa il popolo di Dio pensa di quella persona; cosa ha seminato; il miracolo, che, come ha ricordato Papa Benedetto XVI è considerato un segno di Dio, una sorta di garanzia. Per miracolo non si intende solo una guarigione, ad esempio, ma un atto fuori norma, collegabile alla preghiera e rivolto verso Dio. Nel caso di Jacques Fesch è stato incredibile il suo misticismo, collegabile solo ad una profonda fede».

Santi peccatori: il caso di Sant’Ignazio

Nella storia dei santi peccatori, poi convertiti, c’è sicuramente un caso più noto di Fesch. E’ quello di Sant’Ignazio di Loyola, che prima di essere il fondatore dei gesuiti, era uomo d’armi, soldato di ventura, combattente. «Amava leggere, ma libri per così dire “leggeri”, romanzi rosa e cavallereschi. Poi un giorno inizia a leggere libri religiosi solo perché non ne ha di diversi. La conversione, come nel caso di Fesch attraversa solo la seconda parte della sua vita».

LOYOLA
Facebook-Santuario de Loyola
Sant'Ignazio.

I martiri francesi

Durante la rivoluzione francese, poi, «sono stati arrestati numerosi cattolici in flagranza di colpa, molti dei quali colti in case chiuse con delle prostitute. Altri sono stati torturati e hanno bestemmiato. Di contro gli è stata rifiutata la confessione, facendogli balenare l’idea della condanna a morte con la dannazione. Era un modo per fargli rovinare la fama, per ricattarli, eppure loro non hanno ceduto e sono morti da martiri, quindi sono beati, senza mai rinunciare a vivere la propria fede».


SAINT MARY OF EGYPT

Leggi anche:
5 peccatori scandalosi diventati grandi santi

Il “peso” degli ultimi tempi vissuti

Questo, aggiunge don Ennio, «per dire che se fino all’ultimo si dice di credere in Dio, se l’atto di fede è così profondo, grande è anche la Misericordia di Dio E nella beatificazione assume un aspetto prioritario proprio l’Amore verso di Dio e una fede esemplare. Il peccato è sempre remissivo, e lo ricorda spesso anche Papa Francesco. Si può aver avuto anche una vita devastata, ma contano, in vista di un processo di beatificazione e canonizzazione, gli ultimi tempi vissuti».

La giustizia divina

Eppure sembra paradossale che i santi peccatori convertiti, vengano trattati alla stregua di chi ha vissuto una vita attenta, morigerata, di profondo legame con Dio.

«Ma la Giustizia di Dio è il suo Amore. Da un punto di vista “umano” l’obiezione è comprensibile, ma se si recupera la fede anche in extremis, Dio è pronto a bagnare con il suo Amore quella persona», evidenzia il sacerdote.




Leggi anche:
7 armi spirituali che ci offrono i santi per vincere la battaglia contro il peccato

Il peccatore in punto di morte

Al contrario se una persona ha vissuto nel segno della fede, di un profondo amore con Dio e magari sul letto di morte bestemmia, o vive nel peccato uno scorcio finale della sua vita, senza riabbracciare Dio, allora il processo canonico è escluso. «A meno che non si dimostri che il suo sia stato un cedimento temporaneo e che nella vita ha appropriato a sé le virtù cristiane». 

La dannazione è per nessuno

Va detto, prosegue don Ennio, «che la Chiesa si sente in diritto di proclamare i santi. Ma al contempo non ha mai evocato la dannazione per alcuno, finanche se satanista o pedofilo. Questo accade perché c’è un mistero di Misericordia che sfugge anche a noi. Sulla dannazione, sulla condanna, non si osa dire nulla, sin dall’antichità. La firma di Papa Vigilio per la condanna dei “Tre Capitoli”, l’editto dell’Imperatore Giustiniano contro presunti vescovi eretici, fu condannata dalla Chiesa e da tutti i vescovi».

D’altro canto anche il peccatore più incallito, sin dall’antichità, «in punto di morte aveva il diritto di ricevere l’Eucaristia, come a dire: “non si lascia questo mondo senza aver preso il Corpo di Cristo”»


OSTATNIE CHWILE FRYDERYKA CHOPINA

Leggi anche:
La toccante conversione di Frédéric Chopin sul letto di morte

Il santo che era stato scomunicato

La Chiesa non è solo clemente con i santi peccatori. E non esclude nessuno, neppure uno scomunicato. «In punto di morte, il parroco ha la potestà del Papa, per eliminare la scomunica stessa».

C’è un caso, ricorda don Ennio di uno scomunicato in vita proclamato poi santo: San Giovanni della Croce, due volte processato dall’Inquisizione e una volta condannato e messo in carcere per otto mesi, per un incidente accaduto in convento, nonché sospeso a divinis. Fu beatificato nel 1675 e proclamato santo da papa Benedetto XIII nel 1726.

San Giovanni della Croce.
San Giovanni della Croce - AVERE UNA GUIDA "Colui che vuole restare solo senza il sostegno di un maestro e di una guida, è come un albero solo e senza padrone in un campo, i cui frutti, per quanto abbondanti, verranno colti dai passanti e non giungeranno quindi alla maturità".

ŚWIĘTY JAN OD KRZYŻA

Leggi anche:
L’evasione prodigiosa di San Giovanni della Croce con l’aiuto della Vergine Maria 

Tags:
peccatosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni