Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconFor Her
line break icon

Quel dolore che non ti devono spiegare ma aiutare a vivere

Zulmaury Saavedra|Unsplash CC0

Costanza Miriano - Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 04/02/21

E' il cammino di una vita educarsi a riconoscere la volontà di Dio come buona e benefica; le croci che incontriamo e che fanno tanto male non sono fortuite né prive di senso. Impariamo docilmente a lasciarci scolpire ed entriamo in un'intimità nuova col Signore.

Di Costanza Miriano

Dolori

Quando ti raccontano di un dolore serio, di quelli che ti spaccano il cuore in due – succede, neanche troppo raramente negli ultimi tempi – vorresti trovare qualcosa di sensato da dire, ma il rischio di ferire, di sembrare superiori, di essere superficiali è… diciamo che più che un rischio una certezza. Non per nulla sono campionessa europea di messaggio cancellato.

È per questo che ho scritto Niente di ciò che soffri andrà perduto, perché so che per messaggio non sono capace di dire, in poco tempo,

“la tua croce è terribile, amico carissimo, ma sono certa che porta con sé un bene che ora non vediamo”.

Non misurare le croci

Uno dei rischi più comuni è sentirti dire che tu non puoi capire, perché la tua vita non ha niente che non vada, ma, come ho scritto nel mio libro,

“misurare le croci nostre con quelle degli altri non ha senso: non è che la vita sia come giocare alla roulette russa e se ti va male sono fatti tuoi. Il caso non esiste, siamo figli amati, e la croce, anche se rimane un mistero, è pensata per noi. E fu così – ho trovato scritto nel Monastero della Beata Colomba a Perugia, in fondo alla chiesa – che la saggezza infinita dall’inizio dei tempi pensò di donarti questa croce, come un dono prezioso la vide, con il suo sguardo sapiente la concepì, con il suo divino intelletto permeandola di celeste generosità la misurò, affinché le sue dimensioni non eccedessero di un solo millimetro, ne calcolò il peso fino all’ultimo grammo, la tua croce unta dalla sua grazia divina, impregnata dalla sua celeste consolazione, la tua croce scese dal cielo come un saluto del padre, come un obolo prezioso del suo generoso amore”.




Leggi anche:
Costanza Miriano e il suo libro, impossibile e necessario, sul senso della sofferenza

Scolpiti come capolavori

Fa male ma ti scolpisce, può fare di te un capolavoro, può portarti a un livello di intimità col Signore che gli altri manco si sognano.

“La prova è per noi un deserto, ma l’Esodo è, per il popolo di Israele, il momento della conoscenza di sé; anche l’Apollo delfico ti invita a conoscere te stesso, ma se non è Dio a rivelartelo, ti manca un pezzo. La Bibbia rappresenta la conoscenza di sé come un lungo viaggio: c’è dapprima il momento dell’autoconoscenza, quello in cui arriva la manna, cioè lo stretto necessario che coincide con la bontà di Dio. Poi segue il momento della rabbia dell’uomo, il non detto fra noi e Dio. L’uomo ha paura di Dio, tremendum et fascinans, e ci vuole tempo per educare la nostra libertà a cercare la volontà di Dio, che è conoscibile e ti fa bene, ma te ne devi convincere. Educare la libertà è un processo lungo, che l’Esodo racconta attraverso la storia del popolo che cerca Dio. La Bibbia è la lettera d’amore che Dio ha scritto all’uomo. Abramo ci dice: “Staccati dalle tue sicurezze”. L’Esodo è il libro sulla conversione, Dio vuole che tu sia libero: distaccati, cammina e scopri chi sei. (…) Siamo vivi e siamo liberi, e invece perdiamo un sacco di tempo per non fare l’incontro più importante. Luca grazie a una malattia che sembrava una tragedia l’ha fatto”,

Gabriella invece attraverso un tradimento che ha squarciato il suo matrimonio come un Frecciarossa che ti entra in salotto.


WOMAN

Leggi anche:
Niente di ciò che soffri andrà perduto, lo sai?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG DI COSTANZA MIRIANO

Tags:
crocedolore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni