Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconStorie
line break icon

Vede la “Reginella santa” in estasi: il sogno del frate diventa un quadro

Jack Vellutino | Facebook

Il nuovo quadro di Jack Vellutino con la "Reginella Santa" in estasi.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/02/21

Esposto per la prima volta a Napoli, il nuovo quadro della beata Maria Cristina di Savoia. L'opera è stata realizzata dopo un sogno di un devoto frate francescano, e fatta dipingere da suo fratello, il “pittore dei santi"

La beata Maria Cristina di Savoia, la regina delle Due Sicilie, era in estasi, circondata da luce. «Più volte l’ho sognata”, dice fra Antonio Vellutino, guardiano della chiesa di San Pasquale a Chiaia, nel cuore di Napoli.

Il frate, come molti napoletani, è legatissimo alla figura della regale beata, le cui spoglie terrene riposano nella Basilica di Santa Chiara. Nel sogno, confida a Famiglia Cristiana (2 febbraio). «La vedevo estatica, sempre in silenzio e avvolta di luce, ma era come se mi stesse chiedendo di portarle delle persone per avvicinarle alla gloria del cielo, alla fede e quindi alla vita eterna».

“Un ritratto nel cielo”

Così fra Antonio parla al confratello, fra Carlo D’Amodio. «Che ne dici se facciamo realizzare un quadro diverso della Beata Maria Cristina? – ha spiegato fra Antonio -. Non un altro ritratto di lei nel suo percorso terreno, ma in cielo, pronta ad accogliere le preghiere e a intercedere col Signore cui dedicò tutta se stessa».
Un quadro da collocare a Santa Chiara, che esegue suo fratello, il “pittore dei santi” Jack Vellutino. Un omaggio a Maria Cristina di Savoia, che è stato inaugurato e presentato il 2 febbraio 2021, alla presenza di tanti devoti della santa.

Santi e madonne dipinti da Vellutino

La borsa per fare la carità

La Maria Cristina di Jack Vellutino guarda estatica la Luce divina e ai suoi piedi ci sono simboli ben precisi. Come la corona da regina, la borsa che portava sempre con sé per fare la carità (è conservata tuttora, con una foggia particolare e coperta di perline), Santa Filomena, di cui conservava le reliquie, il Gesù bambino in ricordo del suo profondo trasporto per il Presepe, San Leucio, il Vesuvio.

Morta a soli 24 anni dopo il parto

Figlia di Vittorio Emanuele I e Maria Teresa d’Asburgo, fu la prima moglie di Ferdinando II di Borbone. E morì, neppure ventiquattrenne, il 31 gennaio 1836, per i postumi del parto, nel dare alla luce l’unico figlio Francesco, che sarebbe salito al trono e che sarebbe stato l’ultimo re del regno delle Due Sicilie.

La Regina fu tra le prime a dare il via a un concetto nuovo di carità. Non più il semplice obolo, ma l’adoperarsi per dare ai bisognosi l’opportunità di una vita migliore. Aprì mobilifici e maglifici nei quartieri più abbandonati di Napoli.




Leggi anche:
Maria Cristina di Savoia, la beata “reginella poverella” dei Napoletani

Il miracolo decisivo

Il nuovo quadro a Napoli a Maria Cristiana di Savoia è un ringraziamento alla beata per i tanti miracoli che vengono segnalati a Napoli, per sua intercessione. Alcuni ne sono allo studio. Abbondano le testimonianze di giovani partorienti che si sono sentite aiutate da lei.
Il miracolo decisivo per la beatificazione risale al 1888. E’ la guarigione di Maria Vallarino una genovese, da un carcinoma alla mammella, lo stesso male che aveva ucciso l’adorata madre della “Reginella Santa”.


Santa Elisabetta di Ungheria

Leggi anche:
La principessa santa la cui vita può ispirare i giovani d’oggi

La preghiera di intercessione

Ecco perchè tanti donne vanno alla basilica di Santa Chiara a Napoli a chiedere grazie davanti alla tomba (e dal 2 febbraio anche davanti al nuovo quadro), pregando Maria Cristina di Savoia.

«O Dio, che hai ornato di sollecita e sapiente carità la beata Maria Cristina, perché contribuisse all’edificazione del tuo Regno, concedi anche a noi, sul suo esempio e con la sua intercessione di operare il bene attingendo alla vera ricchezza del tuo amore. Per sua intercessione ottienici la grazia che con fiducia invochiamo. Per Cristo nostro Signore. Amen».


ELIZABETH

Leggi anche:
La regina che venne umiliata dal marito, lo curò quando era malato ed è diventata santa


MARIANNA

Leggi anche:
Il prodigio che lega una suora carmelitana, i Savoia e l’arcangelo Raffaele

Tags:
fedepittura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni