Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconFor Her
line break icon

Kolbe is not dead: per non dimenticare

SAINT MAXIMILLIAN KOLBE

Public Domain

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 27/01/21

L’esempio di san Massimiliano Maria Kolbe, sacrificatosi per salvare la vita a un padre di famiglia, ci ricorda che si può portare luce anche nella notte più fitta e buia se ci si affida all’amore di Dio.

by BAT-man, il nostro inviato dalla provincia di Barletta-Andria-Trani, Salvatore Zingaro

La prima impressione che ho avuto dopo aver letto il libro di Elie Wiesel, La notte, proposto dalla prof di italiano alle medie, è stata di smarrimento, abbandono, sfiducia totale in Dio per quello che è potuto accadere al popolo ebraico e di delusione per quell’umanità che è potuta arrivare a compiere un tale abominio.

Un’opera che ha segnato la mia adolescenza e che ha finito per lasciare delle cicatrici profonde nel mio cuore.

Grazie a un film, Vita per vita, ho capito però che queste ferite possono essere risanate e che l’unica vera soluzione non può che nascere da un’esigenza d’amore, da una fiamma che resta viva persino nel momento più buio dell’anima.

Il sacrificio di San Massimiliano Maria Kolbe

Questa la storia: Jan, interpretato da un giovane Christoph Waltz, fugge dal campo di Auschwitz e per punizione i nazisti condannano a morire di fame dieci prigionieri, fra cui un giovane padre che si dispera. A quel punto un frate francescano polacco si offre di sostituirlo. È Massimiliano Maria Kolbe.




Leggi anche:
Salvo grazie al sacrificio di Massimiliano Kolbe. «Per anni ho provato rimorso»

Dopo la fuga, Jan, venuto a sapere dell’accaduto, è perseguitato dai sensi di colpa, così, in cerca di pace, arriva a Niepokalanow, un convento-cittadella dedicato alla Madonna, fondato proprio da Kolbe assieme ad altri suoi confratelli.

Ma chi era questo Kolbe? E perché aveva deciso di sostituirsi a un altro prigioniero, decidendo di morire? Non gliene importava della sua vita? Molte sono le domande che Jan si pone.

Attraverso la voce di chi lo aveva conosciuto, capisce che ciò che lo caratterizzava era di essere un uomo di fede:

Penso sia stato semplicemente un credente, un vero credente. Ecco perché ha avuto un effetto tale sulle persone.

L’esempio di quest’uomo, sacrificatosi per salvare la vita a un padre di famiglia, non è stato soltanto frutto di un atto eroico, di un gesto di rassegnazione e accettazione al male, ma di una più profonda e sempre più radicata convinzione, e cioè che si può portare luce anche nella notte più fitta e buia se ci si affida all’amore di Dio.

I nazisti pensavano che sarebbe bastato qualche giorno per vedere scannarsi quei prigionieri, tra cui Kolbe, rinchiusi senza provviste di cibo e acqua, e invece i loro occhi increduli e malvagi hanno trovato davanti non degli esseri regrediti a bestie ma uomini che non soltanto hanno resistito, ma hanno vissuto nel senso più pieno del termine, lodando il Signore con canti, preghiere e ringraziamenti.

“il vero amore per gli altri significa perdonare”

E Kolbe risponde a tutti noi, in questo periodo così drammatico. Si, perché può essere sorprendente scoprirsi parte di un progetto e di un amore più grandi in grado di restituire senso a ogni cosa e situazione.

Persino al nostro passato. Così capisci che niente nella tua vita è da buttare. Ecco perché, quasi paradossalmente, in questi momenti si sperimenta ancora di più la presenza di Dio.

Voglio che vi ricordate una cosa – afferma Kolbe in una delle sue omelie, mostrata nel film attraverso un sapiente uso del flashback – Ricordate che i cavalieri dell’Immacolata non risparmiano i propri cuori. Né per se stessi, né per le loro famiglie, né per gli amici e i connazionali. I cavalieri dell’Immacolata abbracciano tutte le persone con i loro cuori, abbracciano il mondo intero, perché tutte le persone sono fratelli e sorelle. E ricordate sempre che il vero amore per gli altri significa perdonare. Un perdono completo e immediato.


DEPORTED,

Leggi anche:
10 poesie per non dimenticare l’Olocausto

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAI MIENMIUAIF – MIA MOGLIE ED IO

Tags:
giornata della memoriasan massimiliano maria kolbe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni