Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconFor Her
line break icon

10 poesie per non dimenticare l’Olocausto

DEPORTED,

Desi H. Sitorus | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 27/01/21

Una raccolta di poesie scritte dietro il filo spinato testimonia più di tanti discorsi che sanno di retorica l'esperienza del Male assoluto

Con l’approssimarsi annuale della Giornata della Memoria mi sono chiesta come poter dare un senso autentico a questa ricorrenza, fuggendo dal rischio di una “celebrazione” scontata dell’orrore della Shoah.

Poesie per non dimenticare l’Olocausto

Questo moto di fastidio interiore nell’ascoltare parole sempre uguali, che alla fine raccontano oggi molto poco di quanto vorrebbero ricordare, mi ha spinto a cercare altro e ad imbattermi in una bellissima raccolta di poesie curata da Valeria M.M. Traversi: “Margherite ad Auschwitz”, apparsa nel 2014 per i tipi di Stilo Editrice.

Nella corposa introduzione intitolata: “L’arte come resistenza: scrivere la Shoah” è lei stessa a spiegare come è nato il titolo del volume.

Nel visitare una mostra fotografica su Auschwitz, la colpirono alcune immagini di bellissime margherite che crescono intorno al Lager, e contemporaneamente l’autore le spiegò che

(…) da un laghetto che si forma lì nei pressi del campo riemergono continuamente frammenti di ossa, vestigia dei corpi carbonizzati… ossa e margherite dal Lager!
DAISIES,
BlueSnap | Shutterstock

La parola come forma di resistenza

Il leit-motiv su cui si impernia questa illuminante introduzione, e che giustifica la proposta editoriale, sta nella considerazione che l’arte, la poesia in questo caso, ha rappresentato per quanti hanno vissuto sulla loro pelle il dramma della deportazione una forma di resistenza – quella della parola – alla disumanizzazione che precedeva la “soluzione finale”.

Molti sopravvissuti ricordano che uno dei motivi principali per cui si moriva all’arrivo in un Lager era la mancata comunicazione, ossia lo smarrimento di trovarsi in una vera e propria babele linguistica in cui la maggior parte dei prigionieri, provenienti da ogni parte d’Europa, era ormai ammutolita, e i soldati tedeschi gridavano ordini in una lingua incomprensibile: la demolizione dell’essere umano partiva da qui, da quella che Levi definisce “l’eclissi della parola” perché “se non trovi nessuno (con cui parlare) la lingua ti si secca in pochi giorni e con la lingua il pensiero”.




Leggi anche:
Giornata della Memoria. I bambini e l’Olocausto.

Il valore vitale della scrittura

Ecco perché per molti, in quelle condizioni drammatiche, il gesto della scrittura ha assunto un valore vitale, tanto da far dire allo scrittore israeliano Aharon Appelfeld che l’aver potuto scrivere su un pezzetto di cartone i nomi dei suoi familiari ha scacciato in lui il dubbio che la famiglia da cui proveniva non fosse mai esistita, che fosse solo frutto della sua fantasia, confermando a se stesso la sua identità e il suo valore.

Dunque la parola scritta ha un potere evocativo, creativo, serve a mantenete viva e positiva la funzione della memoria; allo stesso tempo ha rappresentato per i prigionieri un modo per riconoscersi ancora esseri umani, in una funzione propriamente umana che non fosse solo quella di soddisfare le esigenze e i bisogni corporali.

Nello stesso tempo queste testimonianze scritte rappresentano per noi la memoria viva, in carne ed ossa, di esistenze che altrimenti rimarrebbero senza volto, inghiottite nella impersonale ricostruzione della Storia o nella retorica dell’Olocausto.

La Storia, dunque, da sola non può bastare perché, come dice la poetessa polacca Wislawa Szymborska, “La storia arrotonda gli scheletri allo zero. /Mille e uno fa sempre mille./Quell’uno è come se non fosse mai esistito”. Di fronte a sei milioni di persone sterminate non potremo mai dire di aver conosciuto tutto, e se qualcuna di loro ha lasciato tracce del suo passaggio nel mondo è davvero difficile pensare di potercene disinteressare, perché nulla più delle storie individuali, personali – e perciò uniche – può raccontarci la verità.

La considerazione che l’arte “è sostanza, è mezzo di espressione, è memoria”, come viene sottolineato nell’introduzione…

(…) ce l’hanno insegnato proprio coloro che hanno trovato il modo di far arrivare le loro voci dall’interno dell’inferno o nelle sue strette vicinanze: i bambini che hanno scritto poesie e fatto disegni; i musicisti che hanno composto e suonato; i prigionieri anonimi che hanno rubato fogli e matite per scrivere una poesia; Primo Levi che si astrae per qualche minuto dall’orrore recitando i versi sull’Ulisse dantesco.
HOLOCAUST,
diy13 | Shutterstock

La composizione del libro

I testi proposti in questa ampia raccolta sono divisi in tre sezioni.

La prima – “I testimoni diretti. Voci dai ghetti e dai Lager” – comprende le poesie scritte dietro il filo spinato da quanti hanno voluto così testimoniare la loro esperienza di internamento ed estremo degrado.

La seconda sezione – “I testimoni indiretti. Voci fuori dal filo spinato”- raccoglie i versi di tre grandi poeti di lingua tedesca: Nelly Sachs, Paul Celan e Peter Weiss, che riuscirono a sottrarsi alla catturama vissero traumaticamente la loro sopravvivenza e si assunsero il doloroso compito di dare voce a chi era stato cancellato dal mondo.

Nella terza sezione sono stati inclusi i testi di poeti, quasi tutti non ebrei, che nel tempo si sono confrontati con l’enormità di questo evento, offrendo ciascuno una prospettiva particolare di quella tragedia grazie agli strumenti unici della poesia.

10 poesie per non dimenticare l’Olocausto

Qui di seguito nella galleria fotografica vi offriamo alcune di queste testimonianze che, a differenza degli storici che perseguono la realtà oggettiva dei fatti…

sono in grado di trasmettere la parte di verità (la realtà soggettiva) a cui i superstiti hanno potuto accedere, ossia comunicano l’essenziale esperienza del Male radicale.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

MARGHERITE AD AUSCHWITZ,
Stilo Editrice

Tags:
giornata della memoriapoesie

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni