Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Santi che trasmettono allegria e buonumore (FOTOGALLERY)

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/01/21

Alcuni esempi di santità ci possono aiutare a tenere il sorriso e l'allegria anche nei giorni più difficili

Quando i santi trasmettono allegria e buonumore. Se una qualità non può mancare nel “bagaglio” del cristiano, questa è la gioia, di cui il buonumore è specchio, marchio di riconoscimento. Lo dicono le agiografie, lo confermano i testi di riflessione spirituale, non moltissimi in verità, lo ripetono fino alla noia i parroci. «Un cristiano non può essere triste».

Il santo – scrive papa Francesco nell’Esortazione apostolica Gaudete et exsultate «è capace di vivere con gioia e senso dell’umorismo. Senza perdere il realismo, illumina gli altri con uno spirito positivo e ricco di speranza» (Avvenire, 28 maggio 2018). Ecco, di seguito, alcuni tra i santi più allegri.

San Josemaria Escriva

Instagram | St. Josemaria Institute

«L’ottimismo cristiano non è ottimismo dolciastro – ha scritto san Josemaria Escrivá de Balaguer, fondatore dell’Opus Dei – e neppure la fiducia che tutto andrà bene. Affonda le sue radici nella coscienza della libertà e nella sicurezza del potere della grazia; un ottimismo che porta a essere esigenti con noi stessi, a sforzarci per corrispondere in ogni momento alla chiamata di Dio».




Leggi anche:
Opus Dei, è morto il prelato Echevarria

San Giovanni Bosco

FATHER GIOVANNI BOSCO
Domaine Public

Tra i santi più allegri c’è san Giovanni Bosco. Si dice che fosse particolarmente gioviale anche nei giorni delle prove più dure. Nel “Giovane provveduto”, un manualetto di formazione cristiana, don Bosco, scriveva: «Due sono gl’inganni principali, con cui il demonio suole allontanare i giovani dalla virtù. Il primo è far loro venir in mente che il servire al Signore consista in una vita malinconica e lontana da ogni divertimento e piacere. Non è così, giovani cari. Io voglio insegnarvi un metodo di vita cristiano, che sia nel tempo stesso allegro e contento, additandovi quali siano i veri divertimenti e i, veri piaceri. Tale appunto è lo scopo di questo libretto, servire al Signore e stare sempre allegri”.




Leggi anche:
La formula segreta di san Giovanni Bosco per vincere alla lotteria

La società dell’allegria

Ad esempio nell’animare l’oratorio Don Bosco fondò la “Società dell’allegria”, con l’intento di organizzare giochi, tenere conversazioni, leggere libri che contribuissero all’allegria di tutti. Era vietato tutto ciò che produceva malinconia, specialmente la disobbedienza alla legge del Signore. Chi bestemmiava, pronunciava il nome di Dio senza rispetto, faceva discorsi cattivi, doveva andarsene dalla Società.

San Domenico Savio

Public Domain

San Domenico Savio – quando siete trattati ingiustamenteMorì di malattia a 14 anni ed è santo patrono di chi è accusato ingiustamente per aver imitato Gesù, che rimase in silenzio quando venne accusato in modo ingiusto.

Per Domenico Savio, santo ragazzino, allievo di Don Bosco, «noi facciamo consistere la santità nello stare molto allegri e nel fare bene il nostro dovere».

Nel tempo libero, Domenico era l’animatore del gioco e dell’allegria. La sua maniera di comportarsi, di parlare, faceva del bene a tutti. Anche nel pieno dell’allegria era gentile e ben educato. Se uno parlava, non lo interrompeva. Ma quando poteva, prendeva lui in mano la conversazione. Sapeva contare mille storie allegre, come anche discutere di storia e matematica. Se la conversazione scivolava verso il basso, come borbottare di qualche cosa, parlar male di qualcuno, Domenico sapeva farla tornare in su.




Leggi anche:
15 anni, puro, allegro, apostolo: San Domenico Savio, una vita che stupisce

Battute e serenità per tutti

Gettava là una battuta, raccontava una favola buffa, e tutti ridevano e dimenticavano i discorsi maligni. Il pensiero di fare del bene a tutti lo accompagnava sempre.

La sua serena allegria, la sua mite vivacità lo rendevano caro anche ai ragazzi che in fatto di preghiera e di chiesa la pensavano molto diversamente da lui. Ognuno provava piacere a stare con lui, e vedeva nei suoi suggerimenti l’interessamento di un amico (Don Bosco Land).

San Tommaso Moro

© DR

Tommaso Moro, apostolo del buonumore, fu un santo che trasmise allegria anche sul patibolo dove finì decapitato. Diceva così: «Qualunque cosa avvenga, per quanto cattiva appaia, sarà in realtà sempre per il meglio».

La lezione è chiara: non esiste nulla che impedisca un sorriso, che giustifichi il pessimismo o il cattivo umore.




Leggi anche:
Preghiera per chiedere gioia nella sofferenza, di San Tommaso Moro

San Filippo Neri

San Filippo Neri – per rimanere gioiosiQuesto amato apostolo di Roma è stato sacerdote, missionario e fondatore della Congregazione dell'Oratorio. Era solito chiedere: “Quando inizieremo a diventare migliori?”

Lo scopo centrale della spiritualità di San Filippo Neri si fondava sul trinomio: allegria, preghiera, attività. In queste tre parole era contenuto tutto il segreto della santità che esigeva dai suoi ragazzi.

San Filippo aveva un’immagine della fede e della religione non come una serie di obblighi e doveri da rispettare ma come un abito da portare. E quest’abito era sempre quello della festa e della gioia. Voleva che i suoi ragazzi fossero sempre allegri e trascoressero il tempo, oltre che in preghiera, in buone ricreazioni o in attività ludiche.

“Scrupoli e malinconia….”

Sono sue le espressioni quali: “scrupoli e malinconie :fuori da casa mia” oppure “la santità consiste in tre dita” toccandosi la fronte. Un detto per indicare che la strada maestra per raggiungere la metà del Regnum Coelorum non era fatta di digiuni ascetici con volti malinconici bensì con penitenze e volto allegro in quanto l’uomo da solo può far ben poco. E Filippo,sorridendo, aveva fatto suo questo modo di essere (Aci Stampa, 26 maggio 2016).




Leggi anche:
5 aneddoti divertenti su san Filippo Neri

Tags:
allegriasan giovanni boscosan tommaso moroSanti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni