Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

A noi non spettano i miracoli, ma di mostrarci cambiati dall’incontro con Dio

HAPPY, SMILING, GIRL

Paul Castanié | Unsplash

Martha, Mary and Me - pubblicato il 25/01/21

Avere fede non ha nulla a che fare con la garanzia di una vita facile, ma essere sostenuto dalla presenza del Bene in ogni istante, dentro ogni fatica e gioia.

C’è una narrazione del cristianesimo secondo cui sembra che la provvidenza sia un supermercato dei desideri, le preghiere un ordine su Amazon e la fede un gigante ombrello blocca disgrazie. In poche parole, se credi davvero, stanne certo, nulla ti scalfirà perché Dio punisce gli infedeli e protegge i devoti.


RAGAZZA, PROFILO, SERIA

Leggi anche:
Accogliere il mistero di ogni giorno e sentirsi tra le braccia di Dio

Un incontro che apre gli occhi

Che questo sia falso è chiaro, e che la fede non sia un percorso a premi o una partita a Trivial Pursuit in cui chi prende più lauree è il più bravo, è altrettanto certo.
La fede è null’altro che un dono, un incontro che ti apre gli occhi, la mente ed il cuore e ti pone di fronte alla realtà di un Dio che si è fatto uomo e che ci ha permesso di andare in paradiso. Ma avere fede nulla ha a che fare con la garanzia di una vita facile e a portata di novene. La fede cambia il tuo cuore, il tuo modo di porti di fronte alla realtà, a ciò che accade, che sono una realtà e un qualcosa che sarebbe accaduto in ogni caso, che tu avessi conosciuto Dio o meno.
L’avere fede è simile all’arruolarsi nell’esercito, il comprendere che si è in battaglia e il desiderio di fare la propria parte, senza garanzia di vittoria.
Pensate all’epoca, quando arrestarono Giovanni Battista, Gesù era suo cugino e suo amico, e quel fatto non era certo una vittoria, un trampolino di lancio per presentarsi sulla scena pubblica. Eppure così avvenne, Gesù iniziò la sua predicazione. Questo per insegnarci che chi ha fede sa che è proprio nel momento più buio, più difficile, più ostico che bisogna reagire, affidarsi, fidarsi e andare avanti.

Seguire, nella lotta e nella gioia

Ma quindi non c’è un premio, un asterisco che rimanda ad una postilla che dice: stai tranquillo, se credi in Dio nessuno potrà farti del male, avrai come uno scudo invisibile? No non c’è, anzi le difficoltà sono assicurate, le cadute certe e se la tua fede è davvero viva vedrai che dal mondo ti arriveranno tante di quelle sassate che non immagini.
Ma allora perché? Perché credere, perché seguire il Bene, perché rispettare i comandamenti e vivere i sacramenti?
Perché insieme alla lotta c’è la gioia grande, quella vera che ti fa battere il cuore. Perché Dio ti stupirà con effetti speciali inattesi, ti sorprenderai a riguardare pezzi della tua vita trascorsa e ad accorgerti che ogni cosa ha avuto un suo senso e sebbene tu sia ancora fragile e intriso del peccato originale, sei anche forte e quella spinta a rincorrere il Bene non la potrai mai ignorare perché ce l’hai scritta nelle vene, in ogni tua singola cellula, perché la fede altro non è che adesione, piena e reale, al Vero.


Venite dietro a me: vi farò diventare pescatori di uomini.


JESUS,APOSTLES
Raphael circa 1515 | Public Domain
A noi non spettano i miracoli, le grandi opere, i gesti plateali. Noi siamo chiamati a fare solo una cosa, difficilissima, ma una: andare dietro a Lui. Sotto le bombe, sotto gli insulti, in tempo di guerra, in tempo di persecuzione, in tempo di terrorismo. Dobbiamo andarGli dietro, non dice che dobbiamo arrivare a camminarGli davanti, ci perderemmo, significherebbe che avremmo fatto a meno di Lui, che ci sentiremmo così saggi da poter istruire persino Dio. E sai quante volte succede, tutte le volte che ci sentiamo superiori alla Chiesa e che crediamo di sapere tutto quello che serve.

Al nostro posto

Allora arriva Gesù e ci dice, nel suo modo calmo: venitemi dietro, non vi garantisco una vittoria sul mondo visibile e immediato, ma vi farò diventare pescatori di uomini. Gesù chiaramente si riferiva ai primi apostoli, ai predecessori dei sacerdoti, ma tutti siamo chiamati a seguirlo e tutti, nel nostro piccolo, possiamo pescare uomini, donne, ragazzi e portarli di fronte a Lui, così che lo conoscano, facciano questo incontro che ti cambia la vita.
E no, non dobbiamo andare in piazza o in cima ad un pulpito, neanche questo. Il posto migliore, quello in riva al lago, dove stabilirsi e predisporre tutto il necessario per la pesca, è quello dove ci troviamo, lì tra le tasse da pagare, la casa da pulire, i pannolini da cambiare. Lì dobbiamo sederci e avere la certezza vera che se lo stiamo seguendo Lui metterà in ordine ogni cosa al Suo passaggio.
Tags:
fedevita quotidiana
Top 10
See More