Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il grande avvenire della devozione a san Giuseppe (9/9) 

saint joseph

© Fallaner, CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons

Joseph-Marie Verlinde - pubblicato il 25/01/21

Fondatore e priore della comunità monastica della Famiglia di San Giuseppe, padre Joseph-Marie Verline ci introduce alla grande figura di san Giuseppe, a cui papa Francesco ha consacrato un anno speciale in occasione del 150º anniversario della sua proclamazione a patrono universale della Chiesa. Benché Tardiva, la devozione a san Giuseppe ha un bell’avvenire davanti a sé. Che ne avesse o meno l’intenzione, a Cana Maria ha ripreso le parole che la Genesi riporta rivolte al Patriarca Giuseppe: «Qualunque cosa dovesse dirvi, fatela» (Gen 41,55). 

La devozione a san Giuseppe si è sviluppata tardivamente, ma potrebbe essere proprio sul punto di sbocciare. Spiegava il cardinal Pie (1815-1880):

Il velo che copre il nome e la potenza del venerabile Giuseppe durante le prime età cristiane appare essere come il prolungamento del silenzio nel quale egli ha avvolto la sua carriera mortale; è la continuazione di questa vita ascolta, i cui splendori dovevano tanto più meravigliare l’intelligenza e il cuore dei fedeli, che la rivelazione ne sarebbe stata più lungamente contenuta.

A questo punto tutti dobbiamo «tornare a Nazaret» (Lc 2,39).

Tornare a Nazaret

Meditando sul mistero della vita nascosta, dobbiamo comprendere che, se Gesù ha passato trenta lunghi anni a Nazaret, non è stato solamente per preparare la sua vita pubblica, ma soprattutto per indicarci la strada da seguire. Gesù è infatti per noi «la via, la verità e la vita» (Gv 14,6) fin dal primo momento del suo concepimento, e non soltanto durante i tre anni della sua vita missionaria. Restando così sotto l’autorità di Giuseppe e di Maria, Nostro Signore ci invita a fare lo stesso: è a Nazaret, alla scuola dei genitori di Gesù, che il germe della vita divina ricevuto nel battesimo, può crescere, maturare, espandersi fino a portare tutto il frutto che Dio è in diritto di attendersi. Tutti dobbiamo essere molto desiderosi di crescere, come Gesù e con lui, «in età, sapienza e grazia davanti a Dio e agli uomini» (Lc 2,52), alla scuola della Santa Famiglia.

«Qualunque cosa dovesse dirvi, fatela»

Maria a Cana ha ripreso per Gesù le parole del Faraone riguardo al patriarca Giuseppe per invitarci a seguire suo figlio Gesù: «Qualunque cosa dovesse dirvi, fatela» (Gv 2,2). Ella non cessava mai di meditare nel suo cuore tutte le parole dell’Antico Testamento. Quando comprese che Dio le chiedeva di sposarsi con Giuseppe, Maria ripensò certamente e subito a tutte le parole dell’Antico Testamento che non avevano cessato di nutrire la sua giovinezza, e specialmente quelle consacrate al patriarca Giuseppe, venduto dai suoi fratelli a una carovana di ismaeliti diretti in Egitto, rivenduto a un funzionario egiziano, inviato dal Faraone a interpretare i sogni delle sette vacche grasse e delle sette vacche magre, guadagnandosi alla fine la fiducia totale del Faraone, che lo stabilì come suo primo ministro dandogli «autorità su tutto il paese d’Egitto».

Durante i sette anni di abbondanza, Giuseppe «raccolse all’interno delle città il cibo che veniva dalla campagna. Così Giuseppe stipò un’incalcolabile quantità di grano, come la sabbia del mare – veramente senza misura!». Ora, al capitolo 41 della Genesi leggiamo:

I sette anni d’abbondanza che c’erano stati nel paese d’Egitto finirono e cominciarono a venire i sette anni di carestia, come Giuseppe aveva detto. Ci fu carestia in tutti i paesi, ma in tutto il paese d’Egitto c’era del pane. Poi la carestia si estese a tutto il paese d’Egitto e il popolo gridò al faraone per avere del pane. Il faraone disse a tutti gli Egiziani: «Andate da Giuseppe e, qualunque cosa dovesse dirvi, fatela».

Gen 41,53-55

Giuseppe, intercessore

Sono precisamente le parole che Maria avrebbe ripreso a Cana riferendosi a Gesù. In un certo senso, Maria è la prima che ci invita a rivolgerci a Giuseppe, a pregarlo, a fare quel che dovesse dirci, se vogliamo stare col figlio Gesù. Con Maria, con papa Francesco, andiamo dunque a incontrare Giuseppe; meditiamo con lui gli eventi della Santa Famiglia di Nazaret, imploriamo la sua protezione, domandiamo il suo aiuto, lasciamoci guidare da lui: egli intercederà presso il figlio Gesù per noi e per le nostre famiglie.




Leggi anche:
Giuseppe, lo strumento della promessa annunciata dai profeti (1/9) 


SAINT JOSEPH

Leggi anche:
Quel che ci dice il silenzio di Giuseppe (2/9) 




Leggi anche:
Perché san Giuseppe si sposò giovane? (3/9) 


saint joseph

Leggi anche:
Quel che si può dire della bellezza di san Giuseppe (4/9) 




Leggi anche:
San Giuseppe, vero padre di famiglia (5/9) 


mort de saint joseph

Leggi anche:
Anche san Giuseppe ha conosciuto delle prove (6/9)


Mariage de Joseph et Marie

Leggi anche:
San Giuseppe prefigurò il nuovo Adamo (7/9) 




Leggi anche:
San Giuseppe, il più grande santo della cristianità (8/9) 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
devozionesan giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni