Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconNews
line break icon

Vaccino anti covid, il Vaticano protesta: la distribuzione favorisce i ricchi

VACCINE

PhotobyTawat | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/01/21

La Pontificia Accademia per la Vita: servono protocolli uguali per tutti. No a vantaggi per gli Stati più ricchi

Vaccino anti covid, duro richiamo del Vaticano. Di fronte ai gravissimi problemi che si stanno presentando in ordine alla produzione ed alla distribuzione del vaccino, la Pontificia Accademia per la Vita ribadisce con forza l’urgenza di individuare opportuni «sistemi per la trasparenza e la collaborazione» tra gli Stati.

VACCINO CORONAVIRUS
M-Foto | Shutterstock

Il richiamo del Papa

C’è troppo antagonismo e competizione e il rischio di forti ingiustizie, affermano Mons. Vincenzo Paglia, Presidente e Mons. Renzo Pegoraro, Cancelliere.

Papa Francesco già nel Messaggio Urbi et Orbi, nel giorno di Natale, 25 dicembre scorso, aveva rivolto una richiesta pressante: “Chiedo a tutti: ai responsabili degli Stati, alle imprese, agli organismi internazionali, di promuovere la cooperazione e non la concorrenza. E di cercare una soluzione per tutti: vaccini per tutti, specialmente per i più vulnerabili e bisognosi di tutte le regioni del Pianeta. Al primo posto, i più vulnerabili e bisognosi!”.




Leggi anche:
Covid, il Papa bacchetta i negazionisti: senza vaccino ti giochi la salute

“No” al “nazionalismo vaccinale”

Il Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale e la Pontificia Accademia per la Vita hanno emanato il 29 dicembre scorso un apposito documento sull’importanza della vaccinazione e sulle modalità perché il vaccino anti covid sia un bene comune di tutti.

Il Vaticano, in quel documento, chiedeva, tra l’altro, di superare la logica del «nazionalismo vaccinale». Che è intesa come tentativo dei diversi Stati di avere il proprio vaccino anti covid in tempi più rapidi, procurandosi comunque per primi la quantità necessaria per i propri abitanti.

© Vatican Media

Accordi internazionali per gestire i brevetti

Vanno promossi e sostenuti accordi internazionali per gestire i brevetti, in modo da favorire l’accesso di tutti al prodotto. Ed evitare possibili cortocircuiti commerciali, anche per mantenere il prezzo calmierato pure in futuro.

La produzione industriale del vaccino anti covid, secondo il Vaticano, dovrebbe diventare una operazione collaborativa tra Stati, imprese farmaceutiche e altre organizzazioni in modo che possa essere simultaneamente realizzata in diverse zone del mondo.




Leggi anche:
Quali sono le controindicazioni alle vaccinazioni?

Come evitare i vaccini in ritardo

È una occasione straordinaria per un nuovo futuro più solidale. Questo è stato possibile – almeno in parte – per la ricerca. Con lo stesso spirito si deve avviare una sinergia positiva valorizzando gli impianti di produzione e distribuzione disponibili nelle diverse aree in cui i vaccini verranno somministrati, sulla base del principio di sussidiarietà.

È quindi da evitare, sentenzia il Vaticano, che alcuni Paesi ricevano il vaccino anti covid molto in ritardo a causa di una riduzione di disponibilità, dovuta all’acquisto previo di ingenti quantitativi da parte degli Stati più ricchi.


PERU

Leggi anche:
È cristiano vaccinarsi contro il coronavirus?

“Tutti, fratelli e sorelle”

La distribuzione del vaccino anti covid, conclude la Pontifica Accademia per la Vita, richiede una serie di strumenti che vanno precisati e realizzati per raggiungere gli obiettivi concordati in termini di accessibilità universale. Un sollecito ai governi nazionali e alle organizzazioni dell’Unione Europea e dell’OMS per attivarsi in questo senso, appare sempre più forte ed urgente. In questo modo si rende concreto l’appello del Papa: tutti, fratelli e sorelle!


FLU,SHOT,WOMAN,DOCTOR

Leggi anche:
Veramente la Chiesa era stata contraria ai vaccini?

Tags:
covidvaccino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni