Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconNews
line break icon

Don Patriciello: “Genitore 1 e Genitore 2 mi ricorda le addizioni in prima elementare”

DON MAURIZIO PRATICIELLO

TV2000|Youtube

Intervista a Padre Maurizio Praticiello a TV2000. La storia della sua vocazione

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/01/21

Bufera sulle parole del parroco giornalista di Caivano per aver bocciato il provvedimento del ministero dell’Interno che cancella “madre” e “padre” su alcuni documenti dei minorenni

Don Maurizio Patriciello nell’occhio del ciclone per avere espresso contrarietà a alla nuova dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “madre” e “padre”, da apporre su alcuni documenti per minori. Insorge l’Arcigay Napoli. Lui replica: “Mi preoccupa questo germe di odio contro chi ha idee diverse”.

Tutto nasce con un annuncio della ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese. Nei giorni scorsi, Lamorgese ha spiegato che sulla carta di identità per i minori di 14 anni o sui moduli di iscrizione a scuola dei bambini, verranno cancellati i nomi “madre” e “padre” per tornare agli anonimi “genitore 1” e “genitore 2”.

GENDER THIRD
LvNL I Shutterstock

“Sono nato da una padre e una madre”

«Sono nato da un padre e una madre – afferma Patriciello – Mio padre si chiamava Raffaele, mia madre Stefania. Mio padre era maschio, mia madre femmina. Sono loro eternamente grato per il dono immenso della vita. Genitore 1 e genitore 2 mi ricordano le prime addizioni alla scuola elementare. Un obbrobrio. Smettiamola. Facciamo le persone serie. E badiamo ai veri problemi del Paese».

Queste le parole di Don Maurizio Patriciello, entrato in seminario dopo anni di lontananza dalla Chiesa cattolica, lasciando il suo lavoro di paramedico a seguito di un incontro con un frate francescano. Il sacerdote divenne parroco al quartiere di Parco Verde nel Comune di Caivano (sempre in provincia di Napoli) nella Terra dei Fuochi. Da anni è impegnato nella lotta per la tutela di quel territorio denunciando le morti per tumore dovute alle discariche industriali inquinanti e radioattive (Voce Contro Corrente, 16 gennaio).

“Da manicomio”

«Da manicomio – ha postato su Facebook don Patriciello – Gli architetti, i ministri, ecc. di sesso femminile hanno – giustamente! – preteso e ottenuto di essere chiamate architette, ministre, ecc. Adesso alle mamme (mamma: da sempre stupendo genere femminile) viene chiesto di retrocedere a un patetico e retrogrado “genitore” dal sarcastico e becero sapore maschilista. Vi pare normale? Donne di tutto il mondo, unitevi. E pretendete i vostri inalienabili diritti. Solo per fare un esempio, perché “genitore” e non “genitrice”?”, continua Patriciello.

L’attacco dell’arcigay Napoli

Immediata la risposta del Presidente dell’Arcigay di Napoli, Daniela Lourdes Falanga: «Don Patriciello continua a confondere sè stesso con lo Stato. Continua a diffondere quella cultura eteronormata che silenzia la verità dei fatti, di famiglie che semplicemente vanno tutelate, e della tutela essenziale».


Luca Argentero

Leggi anche:
Luca Argentero: l’ossessione per la gender equality ha ucciso il romanticismo!

La replica di Don Patriciello

In un intervento su Famiglia Cristiana, la replica di Don Patriciello sulla questione Genitore 1 e Genitore alla presidente dell’Arcigay Napoli.

«Avevo scritto questo post – che riporto – sulla mia pagina Facebook dopo aver letto su Avvenire la bella intervista di Luciano Moia allo psicologo Camillo Regalia dal significativo titolo “Madri e padri irrinunciabili”, differenze anche nominali indispensabili per la costruzione dell’ identità dei figli. In quello precedente ironizzavo sul fatto che gli architetti di sesso femminile hanno – giustamente! -preteso e ottenuto di essere chiamate architette mentre adesso alle mamme (mamma: da sempre genere femminile) viene chiesto di retrocedere a un patetico e retrogrado “genitore” dal sarcastico e becero sapore maschilista. Concludevo con un simpatico appello: “Donne di tutto il mondo, unitevi. Un simpatico abbraccio a tutti e a tutte”. Mai una parola di offesa. Non è il mio stile. Chiunque può guardare la mia produzione pubblicistica (libri, articoli, post) e sa che non ho mai offeso nessuno, perché anche chi si critica merita rispetto».


RODZICE

Leggi anche:
Essere genitore aiuta a comprendere meglio la paternità di Dio

Le frasi di “guerra”

Poi Don Patriciello richiama «il grido di guerra» di Falanga: “Siamo pronti a una manifestazione a Caivano. Gli speculatori sociali e i seminatori di odio come Maurizio Patriciello sono uno dei veri problemi del Paese”. “Padre Patriciello è un piccolo Trump del vesuviano che chiama a raccoltai suoi contro le famiglie Lgbt”.

«Sono addolorato per questo fratello – conclude il parroco di Caivano – che ha bisogno di ricorrere alla menzogna per affermare qualcosa che è solo nella sua mente. Infine minaccia di segnalare l’ intervento, indovinate a chi? Al vescovo? No, al Papa. Lascio a chi mi legge il compito di giudicare e di stabilire chi è l’ odiatore. Ha minacciato persino di venire a fare una manifestazione a Caivano. Dovrò avvertire la Questura? Sono rimasto allibito. L’ intolleranza dei tolleranti è così spropositata verso chi esprime una sua opinione che mi preoccupa e mi fa pensare a un pensiero integralista che nasconde una visione totalitaria».

“Non è questa la strada da percorrere”

«Naturalmente – la chiosa di don Patriciello – non smetterò di esprimere le mie opinioni. E di volere bene a tutti. Sono un cristiano, un prete, un cittadino Italiano. Questogerme di odio mi preoccupa: davvero un prete non può esprimere nemmeno un’ opinione? Non è questa la strada da percorrere».


EMILY RATAJKOWKSI

Leggi anche:
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio figlio a 18 anni quando ce lo dirà lui

Tags:
genitori e figliideologia gender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni