Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconFor Her
line break icon

Ballerina amputata: vi prego datemi una protesi per danzare sulle punte!

POLLYANNA HOPE,

Christopher Hope

Silvia Lucchetti - pubblicato il 15/01/21

L’appello della 15enne inglese Pollyanna Hope lanciato insieme con un video straordinario in cui danza con una protesi che però non le permette di volteggiare sulle punte dei piedi.

Quando ieri sera mi sono imbattuta nella storia di Pollyanna Hope ho avuto nei suoi confronti un immediato moto di simpatia. Prima cosa: il nome. Come non pensare immediatamente alla mitica Pollyanna di Eleanor Hodgman Porter?

E poi la sua storia che mi ha ricordato in qualche modo Frida Kahlo. Come nella vita della pittrice c’è in quella della quindicenne inglese un incidente, tanta passione e determinazione.

Che poi sono gli ingredienti della riuscita in qualunque attività umana che necessiti di grande impegno, tanto più se la persona che affronta la sfida parte con uno svantaggio fisico o mentale.

La storia di Pollyanna Hope riportata ieri dal Corriere della sera è al riguardo emblematica.

L’incidente che le cambia la vita

Dodici anni fa un autobus la travolse su un marciapiede mentre era con la mamma, rimasta come lei gravemente ferita, e la nonna che morì sul colpo.

Le fu amputata la gamba destra sotto il ginocchio, ma chi per una imperdonabile distrazione l’ha privata di un arto non è riuscito a toglierle la speranza di realizzare i suoi sogni.

Pollyanna ha fatto del suo cognome, “Hope”, speranza appunto, la cifra del suo destino.

Pollyanna Hope e l’amore per la danza

Come molte bambine ha iniziato ad appassionarsi alla danza da piccolissima, ma a differenza di quello che avviene per la maggior parte di loro questa “febbre” non l’ha mai abbandonata nonostante i limiti fisici dovuti alla menomazione.

Nel 2012 rimase stupefatta dalle protesi in titanio che permisero a Pistorius di correre e vincere le Paraolimpiadi, per cui la madre – che aveva cercato di ottenerle senza successo dal sistema sanitario britannico – le acquistò privatamente spendendo 5000 sterline ed iniziando una battaglia perché questi ausili diventassero mutuabili per i giovani amputati.

Grazie a ciò nel 2016 fu istituito in Gran Bretagna un fondo di 1,5 milioni di sterline per dotare i primi 500 bambini sfortunati di protesi idonee per praticare le più varie attività sportive.

La protesi per ballare sulle punte

Nel 2018 Pollyanna partecipò ad un programma della Bbc sulle invenzioni più geniali, “The big life fix”, dopo il quale un giovane ingegnere, Yusuf Muhammad, si impegnò a realizzare una protesi per permetterle di ballare sulle mezze punte.

Osservarla volteggiare con i capelli raccolti, body e gonnellino al vento è uno spettacolo emozionante e stupefacente.

Ma questa ragazzina piena di grinta non si accontenta più di danzare solo sulla punta del piede sinistro: vorrebbe farlo con entrambi gli arti come tutte le ballerine del mondo.


Virginia e Martina Di Carlo

Leggi anche:
Virginia nata con la tetraparesi: “non camminerà” e invece balla e ha aperto una scuola di danza!

Il video di Pollyanna Hope

Da qui un video di un suo balletto rimbalzato sui social e accompagnato da questo appello del padre :

Qualcuno può aiutarci? Può farci una protesi con il piede a punta per nostra figlia che ha una gamba amputata?

L’iniziativa ha ricevuto finora oltre 360.000 visualizzazioni e una grande quantità di suggerimenti.

La risposta è stata “meravigliosa”, commenta Cristopher, il padre di Pollyanna, giornalista del Daily Telegraph, che combatte insieme alla figlia per aiutarla a realizzare i suoi sogni, e aggiunge:

I social media hanno una cattiva reputazione, ma la reazione è un’indicazione che in realtà ci sono persone davvero empatiche là fuori che vogliono aiutare. (today.it)

La determinazione di questa adolescente che non si arrende di fronte una menomazione così grave, continuando a coltivare la passione per la danza, offre tanta speranza a quanti vivono condizioni di svantaggio simili incitandoli a non darsi mai per vinti.


CARLA FRACCI,

Leggi anche:
Carla Fracci: sento la Madonna come una madre e la invoco ogni giorno. È il mio tutto!

Tags:
danzadisabilità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni