Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Chi era realmente Giuseppe di Nazaret?

CC / Le Passant

Salvador Aragonés - pubblicato il 13/01/21

In quest'anno che la Chiesa cattolica sta dedicando allo sposo di Maria e padre putativo di Gesù, molti stanno ricorrendo all'“intercessore di tutto”

I racconti evangelici, soprattutto quello di Matteo, presentano Giuseppe di Nazaret come un “uomo giusto” (Mt, 1, 19) – ovvero santo –, pio, che ha fatto da padre a Gesù ed è stato lo sposo di Maria.

È stato un uomo che ha sempre confidato in Dio malgrado le tante difficoltà che ha dovuto affrontare, come il fatto di venire a conoscenza della gravidanza della Vergine senza sapere che veniva da Dio, che colui che sarebbe nato sarebbe stato chiamato Figlio di Dio e che avrebbe dovuto dargli il nome Emmanuele.

Dio ha usato i Suoi angeli per comunicare la Sua volontà a Giuseppe: la rivelazione della verginità di Maria, la fuga in Egitto, il ritorno dall’Egitto…, e lui ha sempre confidato in Dio.

Non ha mai espresso la minima lamentela, nonostante le difficoltà che il Signore gli metteva davanti, come quando ha “perso” Gesù a Gerusalemme e lo ha ritrovato nel Tempio a parlare con i dottori della Legge dopo averlo cercato affannosamente per tre giorni insieme a sua moglie Maria.

Un giovane artigiano

ST JOSEPH,STATUE
Shutterstock

Giuseppe di Nazaret, anche se i Vangeli non lo dicono, era un uomo giovane, non un anziano come a volte viene rappresentato per sottolineare la verginità di Maria.

Per fare ciò che ha fatto, Giuseppe aveva bisogno di forza, spirito di iniziativa, fermezza, di essere saldo e non piegarsi di fronte ad alcuna difficoltà. La sua obbedienza non era cieca, ma piena di senso di iniziativa e responsabilità.

Dio ha voluto che colui che doveva fare da padre a Suo Figlio Gesù (e Giuseppe è stato un vero padre) non fosse un uomo nobile, che viveva in un bel palazzo, o che faceva parte dell’aristocrazia sacerdotale dell’epoca.

Come dicono i Vangeli, Giuseppe era un artigiano, come tanti altri della sua epoca, con un buon temperamento, allegro e gioviale.

Aveva inoltre iniziativa ed era un lavoratore. Quando è andato a Betlemme, poi in Egitto e infine a Nazaret, non poteva nutrire la sua famiglia con la carità, ma col suo lavoro.

Allestì sicuramente dei laboratori dove si trovava, cosa che richiese una grande adattabilità alla volontà di Dio e al fatto di vivere in ogni momento nell’ambiente che gli era toccato, senza lamentarsi degli abitanti del luogo e della diversità delle loro abitudini rispetto alle proprie.

Non si è lamentato. Si è adattato.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
san giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni