Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconStorie
line break icon

Il prete: benedivo senza olio i malati gravi, mi chiamavano “Don Covid”

COVID

Shutterstock | Alexandros Michailidi

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 12/01/21

Don Piero Cesco, prete della diocesi di Concordia-Pordenone è diventato il "cappellano" del reparto covid durante il periodo del suo ricovero. Perciò è stato ribattezzato don Covid per il suo supporto ai malati

Ospedale di Pordenone. E’ il 10 novembre e viene ricoverato per coronavirus don Piero Cesco, prete della diocesi di Concordia-Pordenone, che di lì a poco sarà ribattezzato “don Covid”.

Sul settimanale Il Popolo della diocesi di Concordia-Pordenone, “don Covid” racconta la sua incredibile esperienza della degenza in ospedale. Una testimonianza, scrive Agensir (11 gennaio), intensa di un momento di sofferenza che si è tramutato in occasione di aiuto e sostegno ai quanti erano ricoverati nello stesso reparto.

OLD WOMAN,
C.Lotongkum | Shutterstock

L’ultima carezza del Creatore

Nei primi momenti del ricovero il prete nota un certo smarrimento. A colpirlo sono quelli che non ce la fanno a superare la malattia e spirano nell’anonimato più assoluto. «Ma mi son chiesto: può un Padre, il Creatore che ti ha accompagnato fin qui non esserti accanto e non consegnarti l’ultima calda e tenera carezza, la carezza del Padre? E mi son sentito non più estraneo a questi miei fratelli e mi son fatto padre, madre, fratello, sorella».

“Il rispettoso e sofferto comportamento degli infermieri”

Da quel momento “don Covid” è un punto di riferimento nel reparto. Ha un rapporto speciale con i malati più gravi e porta nel cuore gli infermieri. «Mi ha sorpreso il rispettoso e sofferto comportamento degli infermieri: loro stessi – con evidente leggibile commozione – mi hanno invitato ad esprimere un breve preghiera di accompagnamento. “Sia breve, don Covid – così mi chiamavano familiarmente – dobbiamo lavorare”».

«Non erano lacrime di familiari quelle che scendevano dai loro occhi – sentenzia “don Covid” – ma lacrime ancor più preziose di ignoti fratelli ma figli dello stesso Padre».


JULIAN LOZANO

Leggi anche:
“Due minuti per dare la comunione”. La corsa contro il tempo (e il coronavirus) del prete del Sacco

“Non mi ero attrezzato come Dio comanda”

I giorni passavano, il personale di servizio si turnava e la novità di don Covid si era diffusa. «Non volevo sostituire certo il piccolo-grande don Bernardino, ma essendo l’unico prete in reparto facevano riferimento a me. Non mi ero attrezzato come Dio comanda: olio per l’unzione degli infermi, particole consacrate stole o altri paramenti».


FATHER JOHN FIELDS

Leggi anche:
Muore sacerdote che si era offerto volontario per testare il vaccino contro il Covid-19

L’Assoluzione generale

Nel massimo rispetto delle regole (mascherine, igienizzazione delle mani), «accompagnato da qualche infermiere, raggiungevo le varie stanze e, con il mio stile, annunciavo che avrei dato a quanti lo desideravano l’Unzione degli Infermi “secca” (per mancanza di olio santo), l’Assoluzione generale accompagnata dalla benedizione papale».


CELESTE MAGGIO

Leggi anche:
«Dio, perché mi mandi al reparto Covid?». La risposta nella profezia di un sacerdote

Le battute di don Covid

Il sarcasmo a volte, spezzava la tensione. «A livello di battuta, proponevo sconti speciali per tutti, proprio perché il Signore non vuole lasciare nessuno senza l’abbondanza del suo amore e della sua misericordia. Mai – chiosa don Piero – avrei pensato di aggiungere alla già mia ricca esperienza di prete anche questo titolo di don Covid».


PADRE JOSE LUIS

Leggi anche:
La prima web radio in un ospedale covid. La fonda un giovane prete

Tags:
covidpreteunzione infermi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni