Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconStorie
line break icon

Prima droga e allucinazioni, poi frate. La sua conversione diventa un film

da droga a frate

Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/01/21

“Dal nero al marrone”: l’incontro con il saio francescano di un giovane prete ex eroinomane. La conversione? E' avvenuta con la messa di Mozart

L’esperienza come marinaio, la lotta contro l’eroina, poi un ritornello quasi ossessivo: la Messa da Requiem di Mozart. E’ stato quello il momento della conversione che ha rivoluzione la vita di Antonio Salinaro, ora frate Antonio, giovane prete francescano che ha sostituito droga e sballo con l’amore per il Signore.

Oggi Frate Antonio, classe 1969, presta servizio come aiutante parrocchiale a San Martino Siccomari, vicino a Pavia ma diocesi di Vigevano. Il regista Pino Lenti ha girato un film sulla sua vita, “Dal nero al marrone”, che sarà nei cinema nel 2021.

“Qualcuno mi ha aiutato. Dio esiste”

Famiglia Cristiana qualche tempo fa ha raccontato la sua storia della conversione del frate, e quella incredibile trasformazione dalla droga al saio francescano.

«Sono l’esempio vivente che risorgere non è nell’ultimo giorno, perché puoi risorgere anche nella vita reale. Accade quando vieni fuori da una situazione di morte e dici: “Ce l’ho fatta e non sono stato solo, Qualcuno mi ha aiutato, Dio esiste”», racconta frate Antonio al settimanale cattolico.

Le canne sulla navi

«Se mi dicessero che Dio è una finzione io non ci crederei mai, perché ne ho fatto esperienza vera, viva». Quando faceva il marinaio «le canne giravano a bordo. Ho cominciato così, un po’ per gioco, un po’ perché lo facevano gli altri. Quando ci hanno fatto i controlli non immaginavo neppure che potesse risultare qualcosa. E invece… ho perso un lavoro che mi piaceva, mi sentivo un fallito».

Dagli spinelli all’eroina

Sbarcato dalla Marina resta per un po’ senza lavoro, senza meta e senza senso. Lavori precari, poi l’apertura di una piccola cartoleria. I soldi non gli mancano. Non gli mancano le uscite, le donne, le cattive compagnie. Dagli spinelli un consumo progressivo di sostanze fino all’eroina. La conversione del futuro frate Antonio è lontana perchè in quegli anni la dipendenza dalla droga la fa da padrona.

“Volevo dire basta all’assunzione di droga”

«Volevo uscirne a ogni costo e volevo farlo con le mie forze. Ho chiesto a mia madre di aiutarmi nei momenti più difficili, quando non dormi, quando vomiti, quando hai le allucinazioni. Andare in comunità l’ho lasciata come una seconda scelta. Sapevo di avere la forza di volontà per dire definitivamente no all’assunzione di droghe».


BRENTON WINN, BAPTISM

Leggi anche:
Brenton Winn è stato battezzato nella chiesa che aveva distrutto da drogato

La depressione. Poi quel “leitmotiv” incessante

Antonio smette di bucarsi e di “tirare”. Riprende il suo lavoro di piccolo commerciante. Ma con un vuoto dentro. «Quando smetti di usare sostanze stupefacenti», confessa il frate, «vai in depressione. Anche perché hai necessità di allontanarti da tutti i contesti che avevano animato la tua vita fino a quel momento. La mia giornata era casa-lavoro-casa. Il mio leitmotiv la Messa da Requiem di Mozart. Ce l’avevo in testa, nelle cuffiette, tutto il giorno. Ascoltavo e leggevo, ma la mia vita era diventata piatta».




Leggi anche:
La conversione delle leggende di Hollywood: tormentate dai loro demoni quasi fino alla fine

La conversione del futuro frate

La droga è finalmente lontana, mentre si avvicina il momento della conversione del futuro frate francescano. Il “miracolo” accade una sera di gennaio del 1992.

Antonio sente forte la necessità di parlare. Uscendo dal lavoro entra in una chiesa, «forse un retaggio di quando da bambino andavo in parrocchia. Cerco qualcuno per parlare, per confessarmi. E incontro questo giovane prete di poco più grande di me che mi fa sentire subito accolto. Quella confessione è stata per me la svolta. Quella confessione è stato il riappropriarmi di me stesso, di quello che sono. Da lì è cominciato anche il mio percorso di riappropriazione della fede».

Come è avvenuto il discernimento di Antonio

Da lì si apre, man mano, la strada della vocazione. Comincia la frequentazione assidua della parrocchia, la Messa tutti i giorni, l’animazione del gruppo in cui giocano i giovanissimi. «Dopo quattro anni chiedo a quel confessore, che intanto era diventato il mio padre spirituale, di farmi fare un’esperienza dai frati benedettini. Comincio con loro un percorso di discernimento, ma sentivo che avevo bisogno di una vita di fraternità e non solo di silenzio e preghiera».

Nel dicembre del 1997 entra nei Francescani «a dicembre e a giugno do finalmente gli esami per il diploma che non avevo mai preso».


SHOEK; RAPPER; GOSPEL; CRISTIANO

Leggi anche:
Dalla polvere al cielo, la storia della conversione di Shoek, gospel rapper

…ed ora è un sacerdote amato dai giovanissimi

Poi la professione perpetua, nel 2005 e l’ordinazione sacerdotale nel 2010. Intanto conclude la tesi presso l’Istituto di Teologia ecumenico-patristica San Nicola di Bari. Diventa viceparroco, si occupa dei frati in formazione, poi parroco da settembre del 2016. Infine la nuova esperienza in provincia di Pavia del “nuovo” Antonio.

Quella di questo giovane frate è una storia di conversione che insegna come il Signore può allontanarti dal tunnel della droga e portarti sulla sua strada anche quando vedi tutto nero davanti a te.




Leggi anche:
Vecchio anarchico, ateo imbruttito, Alain Mejiar racconta la sua conversione

Tags:
conversionedrogaprete
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni