Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconChiesa
line break icon

Perché san Giuseppe si sposò giovane? (3/9) 

Wikipedia | Domena publiczna

Joseph-Marie Verlinde - pubblicato il 08/01/21

Fondatore e priore della comunità monastica della Famiglia di San Giuseppe, padre Joseph-Marie Verline ci introduce alla grande figura di san Giuseppe, a cui papa Francesco ha consacrato un anno speciale in occasione del 150º anniversario della sua proclamazione a patrono universale della Chiesa. Certamente Giuseppe non era vecchio quando sposò Maria: era probabilmente un giovane uomo nel pieno del vigore, che formava con Maria una coppia apparentemente normale, per nascondere, custodire e proteggere il segreto di Dio da ogni male e da ogni curiosità. 

È san Matteo che dà a san Giuseppe lo spazio maggiore, nel suo racconto. È probabile che, per scrivere il suo Vangelo, egli sia ricorso al “libello di famiglia” di san Giuseppe, come san Luca a quello della Vergine Maria, visto che ognuno degli evangelisti ci presenta gli eventi ritenuti in maniera tale che possiamo coglierne il significato utile alla nostra salvezza.




Leggi anche:
Giuseppe, lo strumento della promessa annunciata dai profeti (1/9) 


SAINT JOSEPH

Leggi anche:
Quel che ci dice il silenzio di Giuseppe (2/9) 

Nel pieno delle forze

Contrariamente a un’iconografia simbolica assai diffusa, sicuramente Giuseppe non era vecchio quando sposò Maria. Al momento di diventare “lo sposo di Maria”, Giuseppe doveva essere un giovanotto nel pieno delle forze, insomma verosimilmente un uomo sulla ventina: il Talmud, che esplicita la tradizione giudaica, raccomanda infatti di sposarsi presto. Vi si raccomanda l’età di diciott’anni, a condizione che il futuro sposo e padre sia capace di provvedere ai bisogni materiali di una famiglia: «Un uomo deve anzitutto costruirsi la casa, quindi piantare una vigna, infine sposarsi». L’età avanzata di Giuseppe, in una certa iconografia come nel Protoevangelo di Giacomo (9,2) [che dell’iconografia è causa e fondamento], è un linguaggio simbolico che vuole indicare l’assenza di relazione carnale tra gli sposi, ma non intende assolutamente suggerire che il san Giuseppe storico fosse un vegliardo al momento di sposare Maria.

Per preservare Maria

Lo scrupolo di sottolineare la filiazione divina del Cristo e il suo concepimento verginale nel grembo di Maria si trova negli apocrifi, che hanno contribuito a nutrire il culto di san Giuseppe, ma che l’hanno talvolta avviato su delle piste poco feconde: il Protoevangelo di Giacomo, lo Pseudo-Matteo, il Libro della Natività di Maria, la Storia di Giuseppe presentano così san Giuseppe coi tratti di un vegliardo vedovo che aveva già figli e figlie. Oltre al fatto, però, che il Talmud condanna severamente un’eccessiva differenza di età fra gli sposi, un tale matrimonio non avrebbe adempiuto al suo ruolo provvidenziale, cioè quello di preservare agli occhi degli uomini l’onore e la dignità di Maria. Nelle catacombe, Giuseppe è invece rappresentato come un uomo giovane e pieno di vigore, e mai sotto le sembianze di un vegliardo. Quando poi si manifestò nei secoli a seguire, come ad esempio nel 1660, a Cotignac, apparendo a Gaspard Ricard, si presentò – stando al racconto del veggente – sotto la forma di un uomo robusto e “di statura imponente”.

Per proteggere il segreto di Dio

Giuseppe avrebbe nascosto, custodito e protetto da ogni male e da ogni curiosità, nel silenzio, il segreto di Dio. Nella sua seconda omelia “Super Missus est” (sulle glorie della Vergine Maria), san Bernardo aggiunge un argomento meno scritturistico ma pure assai interessante:

Era necessario che Maria fosse fidanzata a Giuseppe, poiché quello era il mezzo per sottrarre ai cani un mistero santo, di far constatare la verginità di Maria proprio dal suo sposo e di gestire al contempo il pudore e la reputazione della Vergine. Mediante ciò, i segreti disegni di Dio hanno un testimone, si trovano sottratti al riconoscimento del nemico e l’onore della Vergine Madre è conservato immacolato.

San Bernardo, Super Missus est II,13.

I “cani” non sono altri che i demonî; il “nemico” identifica Satana, che conveniva tenere all’oscuro del Mistero. Conoscendo la profezia di Isaia – «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio» (Is 7,14) – egli avrebbe subodorato che la Vergine Maria, ove fosse stata incinta senza alcuna relazione col matrimonio, fosse la ragazza designata dal profeta. Il demonio non avrebbe troppo badato a una giovane coppia in dolce attesa: cosa poteva esserci di più ordinario? E così, senza il santo matrimonio di Maria e di Giuseppe,

i demonî non avrebbero ignorato quel che avrebbero avuto modo di conoscere. Bisognava invece che il Principe di questo mondo non fosse avvertito, almeno per qualche tempo, dei disegni di Dio. Non che Dio avesse timore – ove avesse agito in maniera scoperta – di essere impedito dal demonio nella propria opera, ma Egli fa tutto ciò che vuole non solo con potenza, bensì pure con sapienza, e volle nell’opera meravigliosa della nostra redenzione far risplendere la sua prudenza non meno che la sua potenza, di modo che in tutte le sue opere Egli si degnò di osservare certe convenienze nelle cose e nei tempi, nell’interesse della bellezza dell’ordine stesso.

Ibid.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cristianesimo delle originiebraismosan giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni