Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconChiesa
line break icon

Migliaia di ebrei salvati dall’Olocausto grazie a due Papi e un cardinale

Czesława Kwoka

Public Domain

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 07/01/21

Crolla la leggenda del Vaticano “disimpegnato” per salvare gli ebrei dai massacri dei nazisti. Un nuovo libro svela come sono andate le cose

Due Papi e un cardinale hanno contribuito a salvare gli ebrei dall’Olocausto. Cade definitivamente la “leggenda nera” del Vaticano che avrebbe coperto i crimini nazisti contro gli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nell’ultimo libro di Johan IcksLe Bureau. Le Juifs de Pie XII” (Il Bureau. I giudei di Pio XII), pubblicato in francese, e basato su documenti ufficiali, si evidenziano le 2800 richieste di intervento e aiuto al Vaticano che vanno dal 1938 al 1944. Coinvolti migliaia di ebrei.

Twitter

A sinistra Johan Ickx.

Perché Ickx è così informato?

Ickx è da trenta anni a Roma, e da dieci a capo dell’Archivio della Seconda Sezione della Segreteria di Stato vaticana. È stato responsabile dell’enorme lavoro di digitalizzare e mettere a disposizione degli studiosi gli archivi del periodo del pontificato di Pio XII, aperti lo scorso marzo.


FR HUGH O'FLAHERTY

Leggi anche:
Passaporti vaticani fittizi per fuggire dall’Italia: così monsignor O’Flaherty ha salvato 6500 prigionieri

Gli sforzi di Papa Pio XII

Spiega Ickx, che «gli sforzi e le intenzioni» del Vaticano erano «volti a salvare ogni singolo essere umano», durante l’Olocausto, «a prescindere dal colore e dal credo». Non solo cattolici, ma anche ebrei e persone appartenenti ad altre minoranze religiose.

A leggere le carte dipanate da Ickx, scrive Aci Stampa (7 gennaio), si scopre che in quegli anni Papa Pio XII era perfettamente informato nei territori ad Est, proprio come lo erano gli inglesi e gli americani. Anzi, fu proprio Myron Tylor, rappresentante del presidente Roosevelt presso la Santa Sede, a portare all’attenzione della Segreteria di Stato una informativa su quello che stava accadendo.

Public Domain

Una “condotta diplomatica”

Allo stesso tempo, la Santa Sede doveva prestare attenzione a non essere usata da nessuna delle forze in guerra, a mantenere una sua imparzialità. Era una condotta diplomatica prudente, non un silenzio, tanto che nel suo messaggio di Natale del 1942, Pio XII denunciò la situazione in termini certamente cauti, ma sufficientemente chiari da non lasciare spazio ad ambiguità.

Pio XII decise di non intervenire direttamente per non compromettere né vite umane ne azioni umanitarie portate avanti dalla Santa Sede.




Leggi anche:
La verità su Olocausto, nazismo, ebrei: Papa Francesco fa aprire gli archivi su Pio XII

L’unico al mondo

Scrive Ickx: «Per quanto ne so, sempre molto limitatamente, la segreteria di Stato del Vaticano era l’unico ministero degli Esteri al mondo con un ufficio apposito e una completa rete internazionale destinata al soccorso delle persone perseguitate durante la Seconda guerra mondiale. Oggi, la serie Ebrei ne è la dimostrazione».

ILE GETT STWORZYLI NIEMCY
Wikipedia | Domena publiczna

Transport zwłok w getcie warszawskim.

Le cifre degli ebrei protetti

Ne sono la dimostrazione, prosegue Aci Stampa, anche le cifre già a disposizione. Secondo cui dei supposti 9.975 ebrei presenti a Roma nel giorno della Liberazione al termine della Seconda Guerra Mondiale, 6.381 erano stati aiutati e protetti da Pio XII, le istituzioni vaticane e il Vicariato. E così sono scampati all’Olocausto.

Come lo dimostra anche il lavoro della Rome Escape Line, la via di fuga guidata da padre Hugh O’Flaherty, religioso irlandese che sempre sfuggì alla Gestapo.

FR HUGH O'FLAHERTY
Courtesy of Hugh O'Flaherty Memorial Society

Non vi sfuggì, invece, Anselmus Muster, agostiniano, che fu prelevato dai nazisti in spregio ad ogni extraterritorialità vaticana nella Basilica di Santa Maria Maggiore, dove si era rifugiato, e fu torturato, ma mai tradì i compagni. La sua storia, il modo in cui la Santa Sede dovette affrontare la situazione dal punto di vista diplomatico, sono una delle parti più interessanti del libro di Ickx.




Leggi anche:
Aperti gli archivi segreti su Pio XII. Ha davvero coperto i crimini dei nazisti?

Un altro Papa e un cardinale

Anche altri importanti personaggi del Vaticano hanno aiutato ebrei a scampare al massacro durante l’Olocausto. Angelo Giuseppe Roncalli, allora amministratore del Vicariato Apostolico di Istanbul e futuro Papa Giovanni XXIII, fu coinvolto in alcune operazioni di salvataggio di ebrei. Il Cardinale Aloizije Stepinac, beato, anche lui come Pio XII vittima di una leggenda nera, si spende a Roma per evitare che gli ebrei siano discriminati, e riesce solo ad evitare che gli ebrei convertiti non siano costretti a portare la stella gialla.

© Patriarcado de Venecia

Storie da contestualizzare

Tutte le storie del libro di Ickx vanno contestualizzate, come la prudenza del Vaticano alle prime segnalazioni dei campi di concentramento ad Est, che una polemica recente ha voluto spacciare per pregiudizio antisemita. Vanno contestualizzate le scelte di Pio XII, che voleva prima di tutto salvare vite umane ed era consapevole del ruolo delicato che aveva la Santa Sede. Solo così si può dare una lettura nitida al libro di Ickx e agli interventi del Vaticano.




Leggi anche:
“Hitler voleva rapire il Papa”. Il piano segreto del Vaticano per salvare Pio XII

Tags:
olocaustopapa giovanni XXIIIpapa pio xii

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni