Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Febbraio |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Cosa significa farsi pane per gli altri? Voler bene

GIRL, BREAD, JAM

Firma V | Shutterstock

Giuseppe Corigliano - pubblicato il 05/01/21

Voler bene e basta. Adattarsi allo stomaco degli altri. Essere allegri e genuini. Essere commestibili.

È tradizionale parlare dell’imitazione di Cristo nella cultura cristiana. Una delle immagini non molto usate è quella di farsi pane per gli altri come Gesù ha fatto per noi. Pane e anche vino.

Cosa vuol dire farsi pane per gli altri?

In questi giorni sto vivendo una particolare accoglienza nei confronti di Gesù, ben sapendo che pur essendo piccolo e indifeso, è lui che conduce il gioco. E allora come la mettiamo questo farsi pane per gli altri?

Credo che l’importante sia farsi aiutare meglio da Lui. Intanto farsi pane significa voler bene.

Il pane, quello buono, non quello sofisticato che dura solo un giorno ma quello genuino, un po’ paesano: sembra comprensivo e disponibile. Sa aspettare il momento in cui io, che mangio più del necessario, torno ad avere appetito e lui è lì che mi aspetta.

Ricordo che da ragazzi in Calabria giocavamo con gli amici e veniva un momento nel pomeriggio in cui il ragazzo che ci ospitava apriva la dispensa e ci offriva pane. Pane e basta.


HOLY COMMUNION

Leggi anche:
Quando annuncio la Parola, vorrei mostrarti l’Incarnato Verbo che nel Pane si nasconde!

Essere genuini e allegri

Ho nostalgia di quel pane e di quella fame. Quindi prima caratteristica: essere genuino. Non farmi trascinare in complicazioni sofisticate. Voler bene e basta. Adattarmi allo stomaco degli altri. Essere allegro, interessato e partecipe. Essere commestibile.

WOMAN, BREAD, HANDS
Africa Studio | Shutterstock

Poi c’è anche il vino. Essere vino potrebbe dire essere spiritoso, non nel senso di chi vuol esserlo a tutti i costi, ma di chi si lascia andare così com’è con la vitalità che Dio mi concede. La persona simpatica è quella in cui si può leggere dentro, sincera.

Non a caso si dice che il vino buono è sincero. Il vino che Gesù fa bere a Cana, trasformandolo miracolosamente dall’acqua, viene lodato per la sua qualità. Un vino senza sofisticazioni e spiritoso, alcolico al punto giusto.

POURING WINE
Shutterstock

Soprattutto se si vuol trasmettere lo spirito di Dio non si può essere pesanti e musoni. I santi quasi sempre erano divertenti o almeno molto interessanti.

Potrei continuare ma mi fermo qui perché pane e vino non possono essere presi in troppa quantità.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA GIUSEPPE CORIGILIANO

Tags:
gesù cristopanevino
Top 10
See More