Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconFor Her
line break icon

Quando ci si rende conto di essere diventati una famiglia?

https://www.shutterstock.com/it/image-photo/unrecognizable-parents-holding-their-newborn-baby-507455749|Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 29/12/20

Chi ha già avuto il dono di un figlio lo sa: c'è un momento particolare in cui si ha la netta percezione che qualcosa sia cambiato per sempre...

C’è un preciso momento in cui nasce una famiglia,

ed è quando il papà apre la porta di casa con la valigia dell’ospedale in mano, dietro di lui entra la mamma con il piccolino nato circa tre giorni prima. I due entrano, posano le loro cose e danno un’occhiata in giro. Può capitare che tutto sia rimasto pressoché uguale a come lo avevano lasciato quando sono corsi in ospedale a inizio travaglio, oppure è passata qualche suocera premurosa a sistemare, prendere i panni sporchi e caricare la lavastoviglie. Fatto sta che i due si guardano intorno e, se sono al primo figlio, si rendono conto che tutto sarà nuovo, diverso, rinnovato. La mamma si siede sul divano, allatta e sarà la prima volta che lo farà nella sua casa, la prima di milioni di volte. In quella casa fino a quel momento abitata soltanto da due persone ora ve ne sono tre.

La nascita di un bambino è un fatto straordinario.

Sconvolge le vite delle persone coinvolte e porta una gioia che non è paragonabile a nulla, ha un senso di eterno e incontrollabile, che certamente a volte spaventa. Se penso a Maria credo che pur nella sua santità possa aver avuto paura, in più occasioni, dell’impossibilità di comprendere pienamente tutto quello che quel figlio annunciato da un angelo rappresentava. Mi immagino quando sono ritornati a casa a Nazareth, che gioia sarà stata per i loro parenti e amici accogliere questo nuovo bimbo. Quando nasce un bambino la festa non si conclude quel giorno, ma prosegue ogni giorno.

Come si onora la Sacra Famiglia?

Festeggiare la sacra famiglia significa rendere onore a quella famiglia che accolse e crebbe il figlio di Dio, il quale scelse di venire a portare il suo vangelo attraverso ciò che c’è di più naturale. Ma come si fa a rendere onore all’Assunta, al padre putativo di Dio e al Messia? Io che nella mia vita non sono riuscita a onorare decentemente neanche mia madre e mio padre come posso rendere onore a chi risiede nell’alto dei Cieli? Non credo di avere molte risposte se non questa: vivendo e mai sopravvivendo, amando e mai odiando, accogliendo la vita e mai uccidendola. Tutto il resto verrà da sé, ma certamente in questa giornata (nella domenica della Sacra Famiglia, NdR) non vi è preghiera più gradita ai grandi del Cielo che ringraziare: per la famiglia che si ha, per quanto essa possa essere complicata, incartata, difficile, ringrazia perché quelle persone sono un dono, sono la tua prima vocazione ad amare, anche quando non ci si capisce, anche quando si vorrebbe fuggire.

Ama chi ti è dato

Torniamo ad amare la famiglia, a dedicare tempo alle persone che ne fanno parte, prima di volgere la nostra attenzione a chi sta fuori dalla finestra preoccupiamoci di ciò che dice, fa, pensa e desidera chi siede accanto a noi a colazione, pranzo e cena. Così avremo onorato la Sacra Famiglia nel modo più alto che esista!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MARTHA MARY AND ME

Tags:
famigliafiglio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni