Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconSpiritualità
line break icon

Natale: in questo anno sofferto, Gesù nasce di nuovo per portare luce e per far ricominciare

CHRISTMAS

Shutterstock | Alexander Kirch

padre Reginaldo Manzotti - pubblicato il 24/12/20

Approfittiamo del Natale per recuperare dentro di noi quello che abbiamo di meglio, e lasciamo brillare nella nostra vita la luce divina del Dio Bambino

Tutti gli anni, la liturgia del Natale crea una “fessura” nel tempo, nella nostra storia. Ieri diventa oggi, e così abbiamo l’opportunità di vivere la nascita di Gesù. Non è semplicemente tornare al passato, ma attualizzare e vivere questa nascita, questo mistero che è molto più grande della nostra comprensione. Ogni anno il mistero è lo stesso, ma gli appelli sono diversi.

In questo 2020 così difficile, ancora una volta, Gesù nasce! Dio si spoglia davanti a noi per portare la luce, la speranza e un nuovo inizio.

Il Natale è la misericordia di Dio. Nessuno ha visto Dio e non Lo vedremo, ma colui che è nell’intimità del Padre, Gesù, ci ha dato l’opportunità di conoscere l’immensità del Suo amore. Gesù – Yeshua era già nella creazione, era già Dio nella Santissima Trinità e in un pieno atto di misericordia, e privandosi di tutti i Suoi attributi è nato in una stalla. È Dio che assume la nostra carne e ci mostra come essere buoni, come spogliarci di noi stessi e obbedire al Padre.

Dal punto di vista messianico, cos’è quel Bambino? Chi garantisce che Gesù sia il Salvatore? I meriti della Sua Incarnazione, Passione, Morte e Resurrezione. Se coniassimo una medaglia per mostrare quel significato, avrebbe da un lato la mangiatoia e dall’altro la Croce. Il Bambino che è nato, non ci sono dubbi, è il Salvatore, come hanno annunciato gli angeli: “Oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è il Cristo, il Signore” (Lc 2,11).

Natale e pandemia

In questo periodo di pandemia impariamo grandi lezioni. Tutto è effimero, e quello che resta è il nostro incontro con Dio. Che senso stiamo dando alla nostra breve esistenza? Iniziamo a vedere la vita in modo diverso, un giorno alla volta. E siamo sinceri, la pandemia ci ha messo in guardia sulle nostre limitazioni e le nostre fragilità umane.

Il Natale viene a farci capire che essendo umani siamo divini. Con l’incarnazione di Suo Figlio Gesù, Dio ha fatto sì che l’essere umano si mescolasse all’eterno.

Uno dei ricordi più belli che custodisco della Terra Santa è quello della grotta della Natività. La basilica è grande, ma la grotta in cui Gesù è nato è così piccola che bisogna entrarci chinati. A Natale, il Signore ci ha inginocchiare e fa cadere un po’ di arroganza e indifferenza. Non conta l’apparenza, il colore della pelle, la condizione sociale… siamo tutti uguali: umani e divini.

Quest’anno la realtà è diversa. Non potremo abbracciare, il nostro sorriso sarà nascosto dalla mascherina, ma potremo dire alle persone che ci sono vicine che per noi sono importanti. Non dobbiamo aver paura di rinascere, di tornare all’essenza della nostra umanità. Approfittiamo del Natale per provare a recuperare dentro di noi il meglio che abbiamo, e lasciamo brillare nella nostra vita la luce divina del Bambino Gesù, che viene a portare la vera pace e a unirsi a noi nell’amore.

Vi auguro un Natale felice e benedetto!

Tags:
natale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni