Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconSpiritualità
line break icon

Mortificazione: una pratica medievale ormai superata?

SAINT FRANCIS

Public Domain

José Miguel Carrera - pubblicato il 23/12/20

Disciplina

Allo stesso modo, gli atleti si sottopongono a programmi esigenti di allenamento fisico per essere competitivi. Tutto questo mirando a vincere, oltre che a conquistare il benessere personale e la qualità di vita.

Essere disciplinati nella vita è un elemento fondamentale dell’esistenza umana. Per realizzare degli obiettivi, indipendentemente dalla motivazione originaria, è indispensabile lo sforzo personale.

La mortificazione, in senso ampio, è questo: lotta mortale a tutto ciò che ostacola il raggiungimento di un ideale, il fatto di arrivare a una meta. Per questo, la mortificazione – intesa come valore positivo della disciplina personale per educare la volontà – è parte integrante dell’educazione umana.

Se in passato, per valorizzare l’anima, il corpo è stato vittima di pratiche esagerate di mortificazione, oggi è l’anima la grande dimenticata, ma anima e corpo sono due dimensioni costitutive della persona umana, e in quanto tali devono essere ugualmente valorizzate.

Nella concretezza della vita quotidiana, uccidere l’“uomo vecchio” implica il fatto di rinunciare a tutto ciò che contraddice il Vangelo. Significa lottare per vivere secondo gli stessi valori che hanno caratterizzato la vita di Gesù, nel rapporto con Se stesso, con la comunità, con la natura e con Dio.

Conversione

Ciò richiede che il cristiano sia determinato e disciplinato, perché lotta contro le proprie fragilità, l’individualismo, la volontà di potere, il consumismo, l’edonismo, la religione di accomodamento e di fuga dall’impegno nei confronti degli esclusi, la cosificazione delle persone e delle relazioni umane, l’immagine distorta di Dio. Insomma, contro tutto quello che è tipico di un’esistenza umana peccaminosa.

La mortificazione non è altro che un’esistenza in conversione continua. È la disciplina necessaria per non sprecare la grazia battesimale. In questo senso, non è qualcosa di passeggero, frutto di un’epoca, ma un imperativo della vita cristiana in tutti i tempi.

La mortificazione rende il cristiano capace di discernere, attraverso uno spirito critico e una vita sobria, le varie e sottili forme di tentazione, che se non identificate e neutralizzate finiscono per condurre a qualche forma di schiavitù.

Lo stesso termine “mortificazione” è assai suggestivo, perché ci ricorda la lotta mortale che dobbiamo intraprendere ogni giorno con l’“uomo vecchio” che ancora abita in noi. Una lotta che durerà tutta l’esistenza.

Risposta partendo da estratti della tesi di dottorato di monsignor José Roberto Palau, originariamente del clero della diocesi di São José dos Campos (San Paolo, Brasile). La tesi, intitolata “La Forza Salvifica della Mortificazione – Proposta di una nuova riflessione teologico-pastorale sulla mortificazione cristiana”, è stata difesa presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro nel 2007.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
mortificazionepenitenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni