Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconFor Her
line break icon

Se ti abbuffi di Dio solo il giorno di Natale che gusto c'è?

FATHER, SON, CHRISTMAS

ballero | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 22/12/20

Abbiamo bisogno di prepararci alla nascita di Gesù, altrimenti il 25 dicembre finiremo per chiederci: "Ma oggi cosa ho fatto?"

Vi è mai accaduto di arrivare alla sera del 25 dicembre e pensare:

Ma oggi che ho fatto?”. A me sì, è successo e potrei dire che non so come sia potuto capitare ma in realtà lo so benissimo, e sicuramente lo sapete pure voi.
Succede che ti svegli tutto felice perché a Natale si è felici e basta, non c’è scampo, poi magari non sappiamo neanche bene perché ma siamo tutti felici, sarà la famosa magia del Natale. Se sei bambino corri sotto l’albero a scartare i regali, se invece sei un po’ più grande corri lo stesso sotto l’albero perché se non hai da scartare ne hai certamente da smistare prima che uno apra il pacco con la borsa dell’acqua calda indirizzata alla nonna invece che lo scavatore col braccio meccanico.

Poi, dipende un po’ dalle tradizioni familiari, ci si prepara e si va alla messa di Natale. Da noi è alle 11 e se sei bravo sai che per andare tranquillo è il caso di presentarsi almeno alle 10,30, altrimenti quest’anno non entri neanche.


CANDLE

Leggi anche:
Viviamo il Natale non come frenetiche lucine, ma come candele accese

Durante la messa fai il pieno di quella sensazione di pace e vittoria sul mondo,

proprie di un Dio che nasce che poi è proprio il tuo Dio quindi ti senti un po’ come un testimone al matrimonio del suo migliore amico. Se non fosse che basta mettere un piede fuori dalla porta per dimenticarsene, perché corriamo a casa che c’è da scaldare i vincisgrassi e il pollo arrosto con le patate. Va bene che quest’anno il Natale sarà giusto con i nonni, a chi va grassa, però è sempre Natale e la prima regola è che a Natale “se magna”. Il pomeriggio si trascorre tra torroni, panettoni, Varnelli, sambuca, caffè, punch, di nuovo torroni e panettoni, con un sottofondo di Michael Bublé.

CHRISTMAS
Miriam Esteban

Arriva sera, siamo pieni come tacchini del ringraziamento americano e ci addormentiamo guardando “Mamma ho perso l’aereo”. Ci svegliamo la mattina del 26 e pensiamo “Ma ieri che ho fatto? Quasi neanche mi sono accorta che era Natale. Per fortuna che oggi è Santo Stefano e vado di nuovo alla messa, visto mai che riesco a recuperare un po’ di quello spirito natalizio che mi sono persa per strada”.

Il fatto è che il 25 dicembre può tranquillamente essere come il 3 di maggio o il 12 di settembre,

un giorno come un altro. Quello che fa la differenza siamo noi.


CHRISTMAS

Leggi anche:
E se a Natale non fossimo tutti più buoni? Ecco come superare i litigi “festivi” in famiglia

Natale è la nascita di Gesù, ma se non c’è una gravidanza, ossia un’attesa, un cammino, non può esserci nessuna nascita. Abbiamo bisogno di prepararci altrimenti non succederà nulla e se cercheremo una sensazione, un sentimento, una magia nell’aria di certo ci perderemo il meglio. Perché quando Gesù nasce per te vuol dire che tutta la tua vita acquista un nuovo significato, ogni tuo respiro, ogni tuo pensiero, ogni tuo desiderio è un battito d’ali diretto in Paradiso, se lo vuoi.

Gesù Bambino è un Re che ti mostra il Regno dove vivere per sempre, un luogo stupendo, inimmaginabile, hai solo da volerlo scoprire. Questo cammino, questa gravidanza, non inizia con il primo giorno d’Avvento, ma è tutti i giorni, tutti i giorni siamo chiamati a cercare la grotta, tutti i giorni c’è una stella cometa che ci mostra un pezzo di strada. Noi dobbiamo solo metterci in cammino e fidarci di Lui.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY & ME

Tags:
famiglianatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni