Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Vaticano: nessun legame morale tra vaccini anti covid e feti abortiti

VACCINE

Shutterstock | Vladimir Zotov-StaniG

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/12/20

La Congregazione per la Dottrina della Fede pubblica un documento in cui spiega perché i vaccini possono essere la soluzione al problema coronavirus, anche se non sono eticamente perfetti

Via libera del Vaticano ai vaccini anti covid. Non ci sono legami morali tra i vaccini stessi, il prelievo di materiale per la realizzazioni degli stessi da feti abortiti, e l’aborto stesso.

Lo chiarisce con un documento della Congregazione per la Dottrina della Fede. «Non si intende giudicare la sicurezza ed efficacia dei vaccini – si legge – pur eticamente rilevante e necessaria, la cui valutazione è di competenza dei ricercatori biomedici e delle agenzie per i farmaci».

Ma soltanto «riflettere sull’aspetto morale dell’uso di quei vaccini contro il Covid-19 che sono stati sviluppati con linee cellulari provenienti da tessuti ottenuti da due feti abortiti non spontaneamente». Il Vaticano rileva 6 punti a favore dei vaccini anti covid.

PERU
Diris Lima Centro

1. Responsabilità “differenziata” di cooperazione al male

Come afferma l’Istruzione Dignitas Personae, nei casi di utilizzazione di cellule procedenti da feti abortiti per creare linee cellulari da usare nella ricerca scientifica, “esistono responsabilità differenziate” di cooperazione al male. Per esempio, “nelle imprese, che utilizzano linee cellulari di origine illecita, non è identica la responsabilità di coloro che decidono l’orientamento della produzione rispetto a coloro che non hanno alcun potere di decisione”.


FATHER JOHN FIELDS

Leggi anche:
Muore sacerdote che si era offerto volontario per testare il vaccino contro il Covid-19

2. La indisponibilità di vaccini eticamente ineccepibili

In questo senso, spiega il Vaticano, quando non sono disponibili vaccini contro il Covid-19 eticamente ineccepibili è moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione.

Ad esempio in Paesi dove non vengono messi a disposizione dei medici e dei pazienti vaccini senza problemi etici. Oppure Paesi in cui la loro distribuzione è più difficile a causa di particolari condizioni di conservazione e trasporto. O, ancora, quando si distribuiscono vari tipi di vaccino nello stesso Paese ma, da parte delle autorità sanitarie, non si permette ai cittadini la scelta del vaccino da farsi inoculare.

VACCINE
PhotobyTawat | Shutterstock

3. Nessun legame tra vaccini e aborto

La ragione fondamentale per considerare moralmente lecito l’uso di questi vaccini anti covid, prosegue il Vaticano, è che il tipo di cooperazione al male (cooperazione materiale passiva) dell’aborto procurato da cui provengono le medesime linee cellulari, da parte di chi utilizza i vaccini che ne derivano, è remota. Il dovere morale di evitare tale cooperazione materiale passiva non è vincolante se vi è un grave pericolo,come la diffusione, altrimenti incontenibile, di un agente patogeno grave.

É da sottolineare tuttavia, che l’utilizzo moralmente lecito di questi tipi di vaccini, per le particolari condizioni che lo rendono tale, non può costituire in sé una legittimazione, anche indiretta, della pratica dell’aborto. E presuppone la contrarietà a questa pratica da parte di coloro che vi fanno ricorso.


messe avec masques

Leggi anche:
Milano, tante adesioni per i primi vaccini nelle parrocchie

4. “No” a problemi di coscienza

Infatti, l’uso lecito di tali vaccini non comporta e non deve comportare in alcun modo un’approvazione morale dell’utilizzo di linee cellulari procedenti da feti abortiti. Si chiede, quindi, sia alle aziende farmaceutiche che alle agenzie sanitarie governative, di produrre, approvare, distribuire e offrire vaccini eticamente accettabili. Che non creino problemi di coscienza, né a gli operatori sanitari, né ai vaccinandi stessi.

SZCZEPIONKA NA KORONAWIRUSA
M-Foto | Shutterstock

5. La moralità della vaccinazione

Nello stesso tempo, appare evidente alla ragione pratica che la vaccinazione non è, di norma, un obbligo morale. Perciò, deve essere volontaria. In ogni caso, dal punto di vista etico, la moralità della vaccinazione dipende non soltanto dal dovere di tutela della propria salute, ma anche da quello del perseguimento del bene comune. Bene che, in assenza di altri mezzi per arrestare o anche solo per prevenire l’epidemia, si può raccomandare la vaccinazione, specialmente a tutela dei più deboli ed esposti.

Chi, per motivi di coscienza, rifiutana i vaccini anti covid prodotti con linee cellulari procedenti da feti abortiti, secondo il Vaticanodeve adoperarsi per evitare, con altri mezzi profilattici e comportamenti idonei, di divenire veicoli di trasmissione dell’agente infettivo.


PERU

Leggi anche:
Le associazioni mediche chiedono una produzione etica di vaccini contro il Covid-19

6. La mancanza di accesso ai vaccini

Infine, il Vaticano solleva la questione “accessibilità” ai vaccini anti covid anche ai Paesi più poveri ed in modo non oneroso per loro. La mancanza di accesso ai vaccini, altrimenti, diverrebbe un altro motivo di discriminazione e di ingiustizia. L’appello è rivolto alle industrie farmaceutiche e ai governi, affinchè questo problema venga affrontato in modo rapido e concreto.




Leggi anche:
Papa Francesco dona vaccini e tamponi alle donne transessuali

Tags:
vaccinovaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni