Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconFor Her
line break icon

Dobbiamo perdonarci tutte le 490 volte che dice Gesù

HUG

polya_olya|Shutterstock

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 21/12/20

Trovarsi in sogno in una improbabile compagnia su un grande divano, insieme ai Coma Cose, lo squalo di Spielberg in formaldeide, Zlatan Ibrahimović e Mike Tyson, e convenire che sì, dobbiamo perdonarci, di continuo.

di Giuseppe Signorin

A Natale siamo tutti più buoni. E quindi dobbiamo perdonare.

Sarà per questo che ho sognato – almeno spero che fosse un sogno – di essere con i Coma_Cose, un duo indie-rap che mi piace molto, Zlatan Ibrahimović, Mike Tyson e lo squalo tigre in formaldeide dell’artista inglese Damien Hirst (un’opera d’arte contemporanea che si chiama The Physical Impossibility Of Death In the Mind Of Someone Living), ed eravamo tutti insieme in un divano gigantesco. Non riuscivamo a metterci d’accordo su cosa guardare in tv. Era un continuo litigare.

Mike Tyson aveva il tipico atteggiamento dei neoconvertiti e a un certo punto ha preso la parola: «Dobbiamo perdonarci».


HELPING

Leggi anche:
Il perdono è una mossa dell’amore, non una teoria

Subito Zlatan Ibrahimović ha storto il naso, il suo naso lungo come nei quadri di Gino De Dominicis (altro artista, ma italiano e già andato all’altro mondo, che dipingeva strani figuri con nasi lunghi). Zlatan Ibrahimović è un duro, anche se quando parla sembra un veggente di Medjugorje, ma a Mike Tyson non puoi dire di no.

Litigare per perdonarsi di nuovo

Ci siamo perdonati. E dopo qualche minuto abbiamo ricominciato a litigare.

The Physical Impossibility Of Death In the Mind Of Someone Living voleva vedere i cartoni animati, perché secondo lui solo i cartoni animati lo calmano. Non era in perfetta formaldeide, quel giorno. I Coma_Cose volevano un horror, Lo squalo di Spielberg, lo guardano due o tre volte al giorno, ha pure ispirato , ma capite che questa cosa ha fatto ulteriormente innervosire The Physical Impossibility Of Death In the Mind Of Someone Living.

All’improvviso è apparso Gino De Dominicis in persona, dall’aldilà, e ci ha chiesto se potevamo tenere la tv spenta e fissare per cinque ore lo schermo nero, fino a quando non avesse cambiato colore (qualcosa di simile a una sua performance dal titolo emblematico Tentativo di far formare dei quadratiinvece che dei cerchi intorno a un sasso che cade nell’acqua, prima che si mettesse a dipingere gli strani figuri coi nasi lunghi). Nessuno di noi era d’accordo.

Mike Tyson ha ripreso la parola: «Dobbiamo perdonarci».

«Quante volte dobbiamo perdonarci?», l’ha incalzato con arguzia il veggente Zlatan Ibrahimović.

«Settanta volte sette».


PEOPLE, WALK, MOUNTAINS

Leggi anche:
Il perdono ridà a un ciascuno la possibilità di camminare da persona libera

Siamo d’accordo: dobbiamo perdonarci settanta volte sette

Lì per lì ci siamo guardati un po’ straniti, ma dopo poco eravamo d’accordo. Non era male. Sempre meglio dell’idea di Gino De Dominicis. Allora abbiamo iniziato a perdonarci tutti insieme, tutte quelle volte lì. Quattrocentonovanta.

Alla fine eravamo esausti e abbiamo ripreso a litigare. Però non è stato male. Gino De Dominicis l’ha vista più che altro come un’opera d’arte contemporanea.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MIENIMIUAIF MIA MOGLIE ED IO

Tags:
perdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
PADRE ALDO TRENTO
Il blog di Costanza Miriano
Se un prete si innamora di una donna. Padre Aldo racconta la sua ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni