Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconStile di vita
line break icon

Cosa fa un single nel Natale della pandemia?

BUYING

Shutterstock | Natalia Deriabina

Cecilia Zinicola - pubblicato il 21/12/20

Approfittare del fatto di essere single e vivere meglio questo tempo festivo come un'opportunità di amare

Quando inizia il periodo delle feste e delle vacanze, per molti i ritmi si allentano e c’è più tempo per pensare ad altro. Affiorano ricordi, sentimenti di malinconia o di tristezza quando ci si rende conto che si hanno progetti stroncati, sogni interrotti o persone care che non sono più con noi.

Stare senza coniuge e figli può farci cadere rapidamente nella tentazione di pensare che essendo un invito all’amore il senso del Natale si sia perso, e come single le possibilità si esauriscano. Se c’è qualcosa di prezioso in quest’epoca dell’anno, però, è il fatto che si tratta di un tempo di grazia che tocca tutti, senza escludere nessuno.

Il Natale non riguarda ciò che ci manca, ma quello che abbiamo, per poterlo condividere e donare come un regalo. È in questo che risiede la vera gioia. L’importante è fare un “aggiustamento”, smettendo di guardare se stessi per concentrarsi sugli altri e trovare modi per attirare allegria e bellezza attraverso atti concreti che “coccolino” il nostro cuore.

La pandemia ha provocato circostanze in cui nessuno è rimasto esente dal sentirsi privo di qualcosa in realtà diverse da quelle desiderate o attese. Durante il lockdown, però, è diventata più chiara la nozione relativa a ciò che siamo capaci di fare in circostanze impegnative.

Anziché trascorrere questo periodo lamentandosi di ciò che non è stato o del fatto che non si può condividere con chi ci sta a cuore, bisogna abbracciare lo spirito natalizio per cercare di non perdere lo sguardo amorevole e scoprire nuovi modi di proiettarci e di vedere con chi possiamo farlo.

1. Arrivare a molte persone

Con più flessibilità oraria è possibile destinare parte del tempo a fare qualcosa per gli altri. I modi per condividere l’amore sono infiniti. Non c’è nulla di più confortante nel periodo natalizio dell’effetto che produce il fatto di portare luce nella vita altrui con piccoli gesti. Un semplice atto d’amore produce una reazione a catena che può toccare più cuori di quanti immaginiamo.

2. Rafforzare i legami familiari

Trascorrere il Natale nella casa dell’infanzia può essere un vantaggio per approfondire i legami. Dedicare più tempo ai parenti anziani o ai nonni è una cosa preziosa in questo periodo di pandemia. Approfittare al massimo del momento per “ricollegarsi” ai membri della famiglia che forse sono stati trascurati durante il momento più impegnato dell’anno è una cosa da vivere come un’opportunità.

3. Inserire la novità

Non avendo la responsabilità di organizzare un periodo natalizio completo per la propria famiglia, c’è libertà di dedicare il tempo agli aspetti divertenti della festa, come cercare una ricetta, incartare i regali con ornamenti divertenti e perché no, avviare nuove tradizioni.

4. Godersi il tempo di qualità

Il fatto di essere single a Natale permette di poter dedicare tempo di qualità ai nipoti, insegnando loro delle capacità manuali o giocandoci insieme mentre i genitori si riposano un po’. I bambini sono i protagonisti principali delle feste. Di persona o virtualmente, le visite o le chiamate apportano un grande valore a questo periodo.

  • 1
  • 2
Tags:
natalesingle
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni