Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconChiesa
line break icon

I consigli del Papa: nei momenti più bui, rivolgiamoci a due "persone"

Pope Audience

Antoine Mekary | ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/12/20

"Nei momenti di dolore, di pena, nei momenti in cui non capiamo niente, nei momenti in cui vogliamo ribellarci", il Papa suggerisce di chiedere aiuto a nostra Madre e nostro Fratello. In che modo?

Nei momenti difficili, di dolore, di crisi Papa Francesco ci offre dei consigli per “accende una luce” nella nostra vita. Ci invita, in particolare, a rivolgerci a due persone: nostra Madre, Maria, e nostro Fratello Gesù. Come? Lo spiega in un passaggio del libro ‘Ti auguro il sorriso per tornare alla gioia‘ (edito da Libreria pienogiorno in collaborazione con l’Editrice Vaticana).

“Il Risorto ti aspetta per ricominciare”

Papa Francesco premette che Dio «è la nostra speranza e la più bella giovinezza di questo mondo (..). Lui è in te, Lui è con te e non se ne va mai. Per quanto tu ti possa allontanare, accanto a te c’è il Risorto, che ti chiama e ti aspetta per ricominciare. Quando ti senti vecchio per la tristezza, i rancori, le paure, i dubbi o i fallimenti, Lui sarà lì per ridarti la forza e la speranza».

Sad Girl
By luxorphoto | Shutterstock

Come rivolgerci a nostra Madre Maria e nostro Fratello Gesù

Così, prosegue il Papa, «nei momenti di dolore, di pena, nei momenti in cui non capiamo niente, nei momenti in cui vogliamo ribellarci», guardiamo «a nostra Madre e, come il bimbo che ha paura, aggrappiamoci alla sua sottana e con il cuore diciamole: “Madre!”. Non siamo soli, abbiamo una madre». E non c’è solo la Madre. «Abbiamo Gesù nostro fratello maggiore. Non siamo soli».

Il consiglio per stare meglio: “Gli occhi della fede”

«Guardiamo al futuro con gli occhi della fede – sentenzia il Papa, dandoci consigli per uscire dalle nostre difficoltà – Il nostro dolore è un seme che un giorno sboccerà nella gioia che il Signore ha promesso a quanti hanno creduto alle sue parole: “Beati voi afflitti, perché sarete consolati” (Mt 5,4). La compassione di Dio, il suo soffrire insieme con noi, offre un significato e un valore eterni ai nostri sforzi».




Leggi anche:
Papa Francesco: cristiani abbiano coraggio di rischiare per portare il bene

Il primo gruppo: i lamentosi

Spesso i nostri momenti di crisi derivano dal fatto che ci fermiamo. Papa Francesco ammette che esiste «la tentazione di fermarsi. Ne abbiamo tanti di cristiani fermi. Hanno una speranza debole. Sì, credono che ci sia il cielo, ma non lo cercano. Seguono i comandamenti, compiono i precetti, tutto; ma sono fermi. E il Signore non può trarre lievito da loro per far crescere il suo popolo».

sad woman
By Vera Petrunina|Shutterstock

Il secondo gruppo: quelli che sbagliano strada

Poi ci sono altri, «quelli che sbagliano strada. Tutti noi alcune volte abbiamo sbagliato strada. Ma il problema non è sbagliare strada. Il problema è non tornare indietro quando ci si accorge che si è sbagliato. È la nostra condizione di peccatori che ci fa sbagliare strada. Camminiamo, ma alle volte prendiamo la strada sbagliata. Tornare indietro si può: il Signore ci dà questa grazia, di poter tornare».




Leggi anche:
Papa Francesco tira le orecchie ai “finti” cristiani e ci spiega come scovarli

Il terzo gruppo: gli erranti

Infine, «c’è un altro gruppo, che è più pericoloso perché si inganna da se stesso. Sono quelli che camminano ma non fanno strada. Sono i cristiani erranti: girano, girano come se la vita fosse un turismo esistenziale, senza meta, senza prendere le promesse sul serio. Quelli che girano e si ingannano perché dicono: “Io cammino”. No, tu non cammini, tu giri!».

La soluzione

Invece, consiglia Papa Francesco, è in momenti difficili e di dolore che dobbiamo sforzarci di ritrovare un equilibrio perchè «il Signore ci chiede di non fermarci, di non sbagliare strada e di non girare per la vita. Ci chiede di guardare alle promesse, di andare avanti con le promesse».


POPE FRANCIS ON CHRISTMAS

Leggi anche:
L’augurio del Papa per questo Natale: “Fatevi stupire dal sorriso di Dio”

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni