Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconStile di vita
line break icon

Maria è andata a Betlemme su un asino?

HOLY,FAMILY,BETHLEHEM

Shutterstock

Philip Kosloski - pubblicato il 18/12/20

I Vangeli non specificano se Maria e Giuseppe siano andati a piedi o abbiano usato un asino per spostarsi

L’immagine più comune di Maria e Giuseppe mentre vanno a Betlemme vede Maria incinta in groppa a un asino, mentre Giuseppe guida la bestia andando a piedi.

È un ritratto autentico di quello che è accaduto davvero? Maria cavalcava un asino?

Il Vangelo non lo specifica, visto che quando è stato composto tutti sapevano come si spostava la gente.

“Tutti andavano a farsi registrare, ciascuno alla sua città. Dalla Galilea, dalla città di Nazaret, anche Giuseppe salì in Giudea, alla città di Davide chiamata Betlemme, perché era della casa e famiglia di Davide, per farsi registrare con Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre erano là, si compì per lei il tempo del parto; ed ella diede alla luce il suo figlio primogenito” (Luca 2, 3-7).

Non si menzionano asino, cammello o altro mezzo di trasporto.

L’origine della tradizione dell’asino

Una delle ragioni principali per le quali l’asino è associato alla storia del Natale è il Protovangelo di Giacomo, un antico racconto non biblico della vita di Maria risalente al II secolo.

“E ci fu un ordine dell’imperatore Augusto affinché tutti a Betlemme di Giudea dovessero essere registrati. E Giuseppe disse: ‘Registrerò i miei figli, ma che farò con questa ragazza? Come la registrerò? Come mia moglie? Mi vergogno. Come mia figlia, allora? Ma tutti i figli di Israele sanno che non è mia figlia’… E sellò l’asino, e la mise a sedere su di esso; e suo figlio lo guidava, e Giuseppe seguiva”.

Questa storia della nascita di Gesù rappresenta San Giuseppe come un uomo anziano, che aveva dei figli da un matrimonio precedente. La scena vede Maria seduta su un asino, guidato dal figlio di Giuseppe.

È possibile che San Giuseppe abbia condotto Maria a Betlemme su un asino. Era il modo comune di viaggiare a quell’epoca, e gli asini erano diffusi tra tutte le classi.

Carovana?

La maggior parte degli studiosi biblici moderni, però, dice che è più probabile che la Sacra Famiglia abbia viaggiato in una carovana.

Chris Mueller, in un articolo per Ascension Press, scrive:

“Maria e Giuseppe non erano gli unici a compiere quel viaggio. Molto probabilmente, le strade tra le città erano affollate di viaggiatori. Nessuno avrebbe pensato di intraprendere un viaggio simile da solo. Non sarebbe stato sicuro, visto che il territorio tra le città non era controllato e i banditi erano una fonte reale di preoccupazione. La gente probabilmente si spostava in grandi carovane per motivi di convenienza e sicurezza. Maria e Giuseppe avranno partecipato alla vasta migrazione di persone. Dev’essere stato incredibile da vedere”.

Questa osservazione è riportata anche in un articolo sul Los Angeles Times:

“E ‘banditi, predoni del deserto e ladri’ erano pericoli comuni sulle principali vie di commercio come quella che Giuseppe e Maria avranno percorso, ha affermato il reverendo Peter Vasko, sacerdote cattolico e direttore della Holy Land Foundation… La minaccia dei malviventi costringeva spesso i viaggiatori solitari a unirsi alle carovane per trovare protezione”.

Probabilmente non sapremo mai che mezzo di trasporto abbiano usato Giuseppe e Maria, ma sappiamo che ci sono molte possibilità. Potrebbero aver usato un asino, camminato o viaggiato con altre persone in carovana.

Ad ogni modo, il viaggio è stato difficile, e la loro esperienza ci incoraggia nel nostro cammino spirituale verso la festa del Natale.

Tags:
san giuseppevergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni