Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

In un villaggio di pescatori un tesoro portato dal mare (o dal Cielo?)

Di Cegli|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 17/12/20

Gli abitanti di Guaca, un piccolo paese di pescatori in Venezuela, da settembre iniziano a trovare oro, gioielli e pepite in riva la mare. Per alcuni è un dono divino, per tanti almeno la possibilità di dar da mangiare ai propri bambini.

Il mare regala oro e gioielli ad un villaggio di pescatori

L’insolita “consegna” di gioielli, pepite d’oro e monili d’argento, va avanti da settembre scorso. Mi piacerebbe conoscere il giorno preciso del primo ritrovamento: si tratta di un medaglione d’oro con l’immagine della Madonna. Settembre, del resto, è un mese intensamente mariano: c’è l’8, natività di Maria SS, il 12 che festeggia il Suo nome Santissimo e il 15 dedicato alla Beata Maria Vergine Addolorata. Poco importa, a qualsiasi titolo si presenti, Maria è la mamma che aiuta, soccorre, risolleva, dona grazie. E ha grande affinità con i gioielli, le medaglie, gli anelli: penso a quelli “spenti” alle sue dita nella apparizione di Rue du Bac poiché rappresentano le grazie che non domandiamo. E alla Medaglia miracolosa ordinata direttamente da Lei alla veggente Caterina Labouré e diffusa in tutto il mondo in un modo tanto pervasivo e capillare che Amazon, scansati. 

La crisi ha impoverito tutti: niente carburante, niente pesca

Ma prima di tutto, i fatti: siamo a Guaca, villaggio del Venezuela, situato sulla penisola di Paria, scoperta da nel XV secolo da Cristoforo Colombo al suo arrivo nelle nuove Indie. La popolazione viveva tutta per la pesca, attività prospera, fino a qualche anno fa, penalizzata tragicamente dalla crisi economica che ha travolto il paese. La mancanza di carburante impedisce da mesi ai pescatori di spingere le proprie imbarcazioni in mare aperto, al punto che qualcuno ha iniziato ad inoltrarcisi a forza di remi. Manca il lavoro, il poco pesce che si riesce a pescare viene comprato a basso prezzo dal governo. Le famiglie che vivevano tutte del ricavato della pesca sono ora una comunità che tira a campare. Ci si arrabatta in qualche modo per arrivare a sera avendo messo qualcosa in tavola almeno una volta al giorno.

Una mattina di settembre il primo “regalo”, un medaglione con l’immagine di Maria SS

Una mattina di settembre però il 25enne Yolman Lares si trovava in riva al mare e improvvisamente ha notato qualcosa di luccicante; ha fatto da setaccio con la mano e si è ritrovato in mano un medaglione d’oro con l’effigie di Maria. Tremava, racconta al New York Times che è venuto a conoscenza della vicenda dopo le prime foto postate su Facebook. Piange di gioia, non ci crede quasi.
“Era la prima volta che mi accadeva qualcosa di speciale”

La notizia corre tra gli abitanti del villaggio e la speranza diventa una corale caccia all’oro, spesso soddisfatta da altri numerosi ritrovamenti preziosi:

Dalla fine di settembre la ricerca ha portato alla luce centinaia di gioielli in oro e argento, ornamenti e addirittura pepite d’oro. E per molti la circostanza è diventata un segno del destino e un messaggio di speranza. Nessuno sa da dove provengano i monili, i gioielli e l’oro ma nella zona ci sono molte leggende che riguardano i pirati dei caraibi e i loro tesori leggendari. (Today)

In passato la località e la costa di cui fa parte sono state un trafficato snodo lungo le rotte di pirati e bucanieri, olandesi e francesi. In tempi più recenti fanno da scalo ai trafficanti di droga e petrolio.

Un dono del Cielo o una maledizione?

Questa inattesa fortuna che si è riversata sulle coste di Guaca ha suscitato nelle persone sorpresa e gratitudine ma anche opposte interpretazioni: c’è chi vede in questi ritrovamenti fortuiti un gesto di generosità divina, chi invece una maledizione. L’oro, il denaro e la ricchezza, si sa, godono spesso di cattiva fama per la rapina che riescono a compiere nei cuori umani. Per questa povera gente hanno voluto dire un po’ di ritrovata serenità. La figlia di Yolman è denutrita e da quando il papà ha potuto vendere qualche gioiello mangia di più, ben due volte al giorno, e ha preso un po’ di peso:

Il tesoro ha permesso alla sua famiglia di tornare a mangiare due volte al giorno. La sua figlia più piccola, Thairy Lares di 2 anni, è aumentata di peso nell’ultimo mese, sebbene sia ancora malnutrita. La televisione adesso è sempre accesa e mostra una nazione felice e prospera, un’immagine molto lontana dalla realtà. Oggi il villaggio è tornato alle attività di sempre mentre Lares ha deciso di conservare un paio di orecchini d’oro decorati con una stella: “È l’unica cosa carina che mi rimane”. Ancora oggi gli abitanti di Guaca trovano piccoli oggetti dorati nella sabbia: al tramonto tornano a setacciare la spiaggia per vedere se è rimasto ancora qualcosa: “Se è successo una volta, accadrà di nuovo”. (Ibidem)

Provvidenza e previdenza: con l’oro di oggi penso al domani

La fonte di sostentamento è e resta la pesca e per questo il giovane papà, il primo ad imbattersi nell’oro portato dal mare, ha deciso di investire nei suoi strumenti di lavoro: reti da pesca. 

Yolman Lares ha venduto tutti gli oggetti che ha trovato per 125 dollari e ha usato il denaro per rifare le reti che usa per pescare ma anche per riparare il suo televisore e comprare un apparecchio radio usato.

Oro europeo del XX secolo

Le analisi effettuate da esperti sui gioielli rinvenuti hanno stabilito che si tratta di oro e lavorati europei di inizio o al massimo metà del XX secolo. Forse di provenienza belga e britannica. Certo, la curiosità di capire come siano arrivati fino alle rive del villaggio resta e lascia ampio spazio alla fantasia: che siano resti di un naufragio del recente passato? Che davvero qualcuno abbia bonariamente voluto mandare un aiuto terreno con un messaggio dalla firma celeste e che porta scritto “abbiate fiducia, non siete soli”? Siamo vicini al Natale e questo fatto ha un’inevitabile eco con i doni preziosi che riceve Gesù bambino: mancano l’incenso e la mirra ma l’oro che spetta alla Sua regalità è ben rappresentato e arriva a destinatari simili a Lui nella condizione di indigenza ed esclusione.

Niente febbre dell’oro, solo un piccolo raffreddore

La mancanza di carburante e le restrizioni agli spostamenti imposte dalla pandemia hanno impedito il diffondersi di una nuova febbre dell’oro. La notizia si propaga senza ostacoli grazie ai social ma le persone non hanno potuto riversarsi in massa sulle rive di Guaca per unirsi alla ricerca. E così la piccola ricchezza inattesa è rimasta a disposizione dei locali. Non hanno cambiato vita però hanno trovato un po’ di sollievo. Forse si ricordano la lezione evangelica, quella che ci ricorda che valiamo più di molti passeri e che il Padre nostro che è nei cieli intende provvedere ai nostri bisogni anche materiali.
Il Padre vostro che è in cielo sa che avete bisogno di tutte queste cose. 33‘Voi invece cercate prima il regno di Dio e fate la sua volontà: tutto il resto Dio ve lo darà in più. 34Perciò, non preoccupatevi troppo per il domani: ci pensa lui, il domani, a portare altre pene. Per ogni giorno basta la sua pena. (dal Vangelo di Matteo)

JESUS IN A CROWD

Leggi anche:
Siamo il tesoro di Gesù, ci affida al Padre chiedendo per noi l’eternità

Tags:
aiutopoverivenezuela
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni