Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

Si spera per il bimbo tunisino tetraplegico, ora è in cura a Roma al Bambino Gesù

MIGRANT, CHILD, FATHER

Magsi | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 17/12/20

Prima su un barcone, poi in quarantena in un hotspot: il viaggio della speranza di un padre che non si è arreso per curare il figlio di 7 anni.

Dire viaggio della speranza è ormai niente più che un’etichetta per indicare le rotte dei migranti, la speranza non c’entra neppure più.

C’entra molto invece con il viaggio che un padre tunisino di nome Marouan ha fatto insieme a suo figlio di 7 anni, dalle coste della Tunisia fino a Roma. Ci ha messo un mese intero, ma oggi la speranza testarda che lo ha motivato ad affrontare insidie e fatiche non è solo una bella parola.


PIETRO FEDERICO, GEMME

Leggi anche:
Padre – di Pietro Federico: «Senza darmi scampo, mia figlia mi costringe a desiderare l’eternità»

Per mare e per terra

Il figlio di Marouan è affetto da tetraparesi spastica a causa di una meningite, il bimbo non riesce neanche a reggersi in piedi. È per lui che il padre ha deciso di attraversare il mare su un barcone, per dargli l’opportunità di essere curato in un ospedale in grado di lenire i dolori della sua patologia e offrirgli strumenti di supporto.

«Il padre ha accudito il figlio in ogni momento – aggiunge Ammatuna [sindaco di Pozzallo – Ndr] – La sua patologia purtroppo non consente altro che forme parziali di riabilitazione». (da La Sicilia)

Quando si sono imbarcati dalla città di Sfax, lo scorso 5 novembre, Marouan non pensava all’Italia come al paese in cui magicamente suo figlio sarebbe guarito, nessuna illusione. La premura era un accudimento più degno di quello a disposizione in Tunisia.

Affrontare il mare su un barcone con un figlio segnato da una patologia che compromette gli arti è un pericolo serio, aver preso questa decisione avrà significato anche fare i conti con l’ipotesi, non poi così remota, di un naufragio. Troppo azzardato mettere a rischio la vita di un bambino fragile nell’ottica neppure sicura di trovare un posto dove curarlo meglio?

Racconta il padre di non avere avuto scelta. Sostiene che quel figlio flagellato dalla meningite meritava altre cure, lontano dal suo quartiere in Tunisia. Ripete di non avere avuto né soldi né buoni agganci per ottenere un permesso e volare in Francia o in Italia, e qui implorare i medici più bravi di prestare le cure migliori al suo bambino. Perciò ha messo nelle tasche degli scafisti un pugno di dinari ed è salito su un barcone. Avrà pensato che rischiare di morire annegati è sempre meglio che sopravvivere senza neanche aver provato a dare al bambino una migliore speranza di vita. (da Avvenire)

In quarantena nell’hotspot

La traversata li ha fatti approdare a Lampedusa, da dove padre e figlio sono stati trasferiti nell’hospot di Pozzallo in cui sono rimasti fino al 25 novembre. Tra i compagni di viaggio c’erano alcune persone che sono risultate positive al Covid, per cui anche Marouan e suo figlio hanno fatto la quarantena. Dal tampone è poi risultato che entrambi erano negativi.

Quando la notizia della loro presenza si è diffusa, in molti hanno cominciato a mobilitarsi per loro. Sapere che un bambino piccolo e con una patologia seria era ospite di un hotspot per adulti, e senza assistenza sanitaria adeguata, ha suscitato perplessità e preoccupazioni. Proprio il sindaco di Pozzallo, da medico, è stato tra i primi a muoversi per trasferire i due tunisini in un ospedale all’altezza.

Per lui si è speso anche il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna, medico che ieri, saputo che comunque per il bimbo era stata trovata infine una soluzione aveva lanciato un monito e un auspicio: «Le autorità sanitarie – aveva detto Ammatuna – che non finirò mai di ringraziare per il grande lavoro che svolgono in questo difficile momento, la prossima volta devono affrontare situazioni simili in modo diverso: soggetti così fragili, devono essere trasferiti subito in strutture adeguate». (da La Sicilia)

La soluzione trovata è stata l’offerta dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma di ospitare per le cure il figlio di Marouan. L’ultima tappa di questo vero viaggio della speranza è stato il volo dalla Sicilia al Lazio e l’arrivo alla struttura del Bambino Gesù di Palidoro (vicino a Roma). Questo è avvenuto il 7 dicembre, a un mese dalla partenza dalle coste tunisine.

Uno accanto all’altro

Anche la Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa ha voluto esprimere la sua gratitudine nei confronti dell’ospedale romano:

La mia personale gratitudine nei confronti dell’Ospedale Bambino Gesù, e in particolare di Mariella Enoc, è grandissima. Sono anche grata al Prefetto Michele di Bari, Capo Dipartimento Libertà Civili e Immigrazione, con il quale ho lavorato in piena sintonia per il trasferimento del bambino, che ha potuto avere luogo immediatamente dopo l’esito negativo del tampone. Ringrazio inoltre quanti hanno provveduto a segnalare e a seguire il caso. Sono certa che ora questo bimbo troverà cure eccellenti e una nuova opportunità di vita. (da Ministero della Salute)
CHILD, HAND, HOSPITAL
Shutterstock

Sapere che padre e figlio sono affidati a medici in grado di farsi carico delle cure di questo piccolo di 7 anni riempie il cuore di gioia. Però manca qualcosa, un dettaglio taciuto. Dov’è la madre? Non ci sono informazioni su di lei nei quotidiani che hanno documentato i fatti. La cosa mi ha lasciato un vuoto, un senso di qualcosa di sospeso.

Ma potrebbe anche essere un segno positivo, il segno di una storia trattata finalmente con pudore. È pessimo quando le persone diventano casi umani in cui ogni elemento del loro vissuto è da ghermire e poi dare in pasto al pubblico. In questo senso, il pudore di non mettere il nome del bambino, il cognome della famiglia, l’identità della madre è sacrosanto.

Nell’anno del padre

L’ipotesi più semplice che ho formulato nella mia testa è che la madre sia rimasta in Tunisia, che abbiano deciso che era più adatto al compito della traversata il padre. Durante il viaggio il bambino sarà sempre rimasto in braccio a lui, non potendo muoversi autonomamente, in caso di emergenza in mare o sulla terra la robustezza di un uomo avrebbe potuto essere decisiva. Sono solo ipotesi, le mie.


VAUGHAN

Leggi anche:
Papà prende 6 aerei pur di passare il Natale con la figlia hostess

Era certamente un compito paterno, simile e opposto a quello di Enea che si caricò il padre Anchise sulle spalle per salvarlo. Padri che portano in salvo i figli, e figli che non possono fare a meno dei padri. Questo è un altro piccolo-grande fatto di cronaca che ci porta a contemplare la presenza che è un padre, proprio mentre cominciamo a camminare in un anno dedicato a San Giuseppe.

A San Giuseppe sento di affidare tutta questa famiglia tunisina, ringranziando che la loro tribolazione mi abbia portato alla storia di Gesù con un pensiero nuovo su cui riflettere. Nel tempo di Natale anche Giuseppe è un uomo in cammino, in silenzio, senza battute da primo attore. È attivo solo perché completamente dedito alla cura e alla protezione di una madre sul punto di partorire.

FLIGHT INTO EGYPT
Gentile da Fabriano | Public Domain

Anche il loro fu un viaggio pieno di incognite. E poi sarebbe venuta la fuga in Egitto. Viaggiare e accudire. Lo fece Giuseppe, lo ha fatto Marouan. La loro parte migliore è accanto al bambino, solerti e in allerta.

Tags:
bambinimigrantipadre
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri fi...
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù m...
Arthur Herlin
Bella, talentuosa, sicura di sé, 26 anni...la...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri fi...
COMPUTER SCREEN
Gelsomino Del Guercio
Avete condiviso questo messaggio del Papa? È ...
Maria Paola Daud
Preghiere a 4 patroni delle cause impossibili...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni