Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconChiesa
line break icon

Il Papa: chi non ama il fratello, non prega seriamente

Papa Francesco

VINCENZO PINTO | AFP

Vatican News - pubblicato il 16/12/20

All’udienza generale il Papa si concentra sulla preghiera di intercessione, esortando a pregare anche per chi ha sbagliato o per chi non prega: “Quando preghiamo - dice - siamo in sintonia con la misericordia di Dio”

E’ un forte invito alla Chiesa, specie a chi ha responsabilità, a pregare per tutti, anche per i peccatori, quello che rivolge Papa Francesco stamani, nella catechesi all’udienza generale che continua a tenersi nella Biblioteca del Palazzo Apostolico per le misure di contrasto al contagio da Covid- 19. E’ la preghiera di intercessione al centro della sua riflessione. Ritirarsi in silenzio per pregare, sottolinea, non vuol dire evadere dalla realtà, non è per non essere infastiditi, ma per ascoltare meglio la voce di Dio. La preghiera, infatti, deve raccogliere le angosce e le speranza dell’umanità altrimenti, ammonisce, “diventa un’attività ‘decorativa’, intimistica”, “da teatro”.

La preghiera si fa cuore e voce di chi non prega

E’ importante “una preghiera concreta, che non sia una fuga”. Perché proprio nella preghiera ogni cristiano è chiamato a diventare “pane spezzato e condiviso”. Bisogna, quindi, tenere aperta la porta del proprio cuore, anche per quelli che non pregano ma portano un grido soffocato, per chi ha sbagliato:

Chiunque può bussare alla porta di un orante e trovare in lui o in lei un cuore compassionevole, che prega senza escludere nessuno. La preghiera è il nostro cuore e la nostra voce, e si fa cuore e voce di tanta gente che non sa pregare o non prega o non vuole pregare o è impossibilitata a pregare: noi siamo il cuore e la voce di questa gente che sale a Gesù, sale al Padre come intercessori. Nella solitudine di quello che prega, sia la solitudine di molto tempo sia la solitudine di mezz’oretta, per pregare, ci si separa da tutto e da tutti per ritrovare tutto e tutti in Dio.

Chi non ama, fa finta di pregare

Quindi, il Papa rimarca il profondo legame fra la preghiera e l’amore:

Chi non ama il fratello non prega seriamente. Qualcuno può dire: in succo di odio non si può pregare; in succo di indifferenza non si può pregare. La preghiera soltanto si dà in spirito di amore. Chi non ama fa finta di pregare o lui crede che prega, ma non prega perché manca proprio lo spirito, che è l’amore. Nella Chiesa, chi conosce la tristezza o la gioia dell’altro va più in profondità di chi indaga i “massimi sistemi”. Per questo motivo c’è un’esperienza dell’umano in ogni preghiera, perché le persone, per quanto possano commettere errori, non vanno mai rifiutate o scartate.

Pregare con umiltà, non da superbi

Bisogna, dunque, pregare non emettendo giudizi di condanna, ma per tutti. E il Papa sottolinea quale debba essere l’attitudine di chi prega: quella di sentirsi peccatore fra peccatori, consapevole di non essere migliore di nessuno, come mostra la parabola del fariseo e del pubblicano e, quindi, chiedendo al Signore di avere pietà di noi. La preghiera, infatti, è feconda quando è fatta con umiltà, non sentendosi superiori. “Questa non è preghiera: questo è guardarsi allo specchio”, rimarca, “truccato per la superbia”.


papa francesco

Leggi anche:
Il Papa: la conversione è aprirsi alla tenerezza di Dio

In sintonia con la misericordia di Dio

Chi prega, poi, porta sulle sue spalle dolori e peccati e prega per tutti. “E’ come se fosse un’ ‘antenna’ di Dio in questo mondo” e in ogni persona “chi prega vede il volto di Cristo”, spiega. Come infatti il Catechismo ricorda: intercedere è “la prerogativa di un cuore in sintonia con la misericordia di Dio”.

Questo è bellissimo. Quando preghiamo siamo in sintonia con la misericordia di Dio. Misericordia nei confronti dei nostri peccati, che è misericordioso con noi, ma anche misericordia con tutti coloro che hanno chiesto di pregare per loro, che [per i quali] vogliamo pregare in sintonia con il cuore di Dio. Questa è la vera preghiera. In sintonia con la misericordia di Dio, quel cuore misericordioso.

Il Papa ricorda che “Cristo davanti al Padre è intercessore, prega per noi, e prega facendo vedere al Padre le piaghe delle sue mani, perché Gesù fisicamente, con il suo corpo davanti al Padre”. Quindi, “pregare è un po’ fare come Gesù: intercedere in Gesù al Padre, per gli altri”.

La catena di oranti grazie alla quale il mondo va avanti

Si tratta di una preghiera centrale per il mondo:

Il mondo va avanti grazie a questa catena di oranti che intercedono, e che sono per lo più sconosciuti… ma non a Dio! Ci sono tanti cristiani ignoti che, in tempo di persecuzione, hanno saputo ripetere le parole di nostro Signore: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno».

Preghiamo gli uni per gli altri

Il Buon Pastore, infatti, rimane fedele anche davanti agli errori della propria gente e persevera nel suo servizio anche “nei confrotni di chi lo porta a sporcarsi le mani”, di chi lo ha fatto soffrire. La Chiesa ha dunque questa missione di praticare la preghiera di intercessione, perché “come Abramo e Mosè”, a volte devono “difendere” davanti a Dio le persone loro affidate, guardandole, in realtà, con gli occhi e il cuore di Dio, “con la sua stessa invincibile compassione e tenerezza”. E il Papa conclude offrendo un’immagine significativa: “Siamo tutti foglie del medesimo albero: ogni distacco ci richiama alla grande pietà che dobbiamo nutrire, nella preghiera, gli uni per gli altri”. “Preghiamo, gli uni per gli altri – rimarca – ci farà bene a noi e farà bene a tutti”.

L’originale su Vatican News

Tags:
papa francescoudienza generale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni