Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La misteriosa croce del capo indiano Toro Seduto

Foto TORO SEDUTO

David Francis Barry (1854–1934)

Sylvain Dorient - pubblicato il 16/12/20

Una famosa foto del capo lo mostra con un crocifisso intorno al collo. Toro Seduto era cristiano?

Il grande Toro Seduto, indiano lakota (sioux) vincitore nel 1876 della famosa battaglia di Little Big Horn, era cristiano?

Il personaggio incarna in tal modo la causa amerindia che l’idea che potesse condividere la religione dei coloni bianchi potrebbe sembrare assurda. Non ha forse detto, del resto, “Preferisco morire da indiano che vivere da bianco”?

Il blogger cattolico statunitense Taylor Marshall sospetta che questa croce fosse sufficientemente scomoda per far sì che i manuali statunitensi di storia la troncassero sistematicamente, restringendo la fotografia del capo indiano… Ma questa croce è parte della storia!

L’amico “Tunica nera”

Toro Seduto diffidava dei coloni e dell’esercito statunitense. Vedeva quanto fossero disprezzati gli amerindi, ed era terrorizzato dalla strage di bufali e dalla distruzione del suo mondo.

Conosciamo la sua frase: “Quando avranno tagliato l’ultimo albero, contaminato l’ultimo ruscello, pescato l’ultimo pesce, allora si renderanno conto che il denaro non si può mangiare”.

Non per questo, però, era diffidente nei confronti di tutti i bianchi. Come molti Sioux dell’epoca, aveva buoni rapporti con i Franco-Canadesi, che commerciavano con la sua gente, e divenne anche amico di uno di questi uomini bianchi, “Tunica nera”, il sacerdote gesuita Pierre-Jean De Smet.

De Smet fu un instancabile missionario amante degli indigeni – nella sua vita avrebbe percorso ben 290.000 chilometri –, e occasionalmente svolgeva il ruolo di arbitro per porre fine ai conflitti tra tribù. Riuscì anche a raggiungere un’importante tregua tra la feroce tribù dei Piedi Neri e quella delle Teste Piatte.

Si interessò alla loro religione e inserì la nozione del “Grande Spirito” nella sua predicazione. Cercò anche di costruire delle “reducciones” (piccoli nuclei di popoli indigeni convertiti al cristianesimo) a Ovest a immagine delle esperienze latinoamericane.

Il sacerdote colpì gli Statunitensi con la sua capacità di circolare tra tribù ostili senza essere minacciato. Il generale Stanley scrisse che “solo padre De Smet, tra tutti i bianchi, poteva andare da quei crudeli selvaggi e tornare sano e salvo”.


BLACK ELK

Leggi anche:
L’indiano Alce Nero era davvero un cattolico convinto o fingeva?

Amico degli indiani

Nel 1851, fu questo sacerdote a convincere i capi sioux a firmare il trattato di Fort Laramie, che li costringeva ad accettare il passaggio dei coloni bianchi ma trasformava in santuario alcuni dei loro territori, incluse le Colline Nere, considerate sacre dai Sioux.

Fu probabilmente durante quegli incontri che il sacerdote diede il crocifisso a Toro Seduto. Purtroppo, il trattato venne violato poco tempo dopo per via della scoperta dell’oro sulle Colline Nere.

Guidati dai capi sioux, dei quali Toro Seduto era il leader spirituale, gli amerindi ottennero la vittoria a Little Big Horn nel 1876. In seguito vennero perseguitati dall’esercito statunitense e finirono per arrendersi.

Toro Seduto e i leader sioux si resero conto che il sacerdote non aveva nulla a che vedere con il tradimento del trattato che li aveva incoraggiati a firmare. Padre De Smet, anziano e malato, fece visita ai Sioux per l’ultima volta nel 1870.

La famosa foto di Toro Seduto che mostra il suo crocifisso risale al 1885, il che dimostra che il capo non rinnegò l’amicizia nei confronti di “Tunica nera”.

Toro Seduto era cristiano?

È tuttavia rischioso affermare che Toro Seduto si fosse convertito al cristianesimo, visto che nessun documento lo testimonia. Padre De Smet battezzò molti amerindi, ma li incluse nel suo registro solo con il loro nome cristiano di adozione, e quindi non si può provare che Toro Seduto sia stato battezzato.

La cosa è anche piuttosto improbabile, visto che, seguendo il costume del suo popolo, il capo indiano era poligamo, avendo avuto fino a cinque mogli e avendone due al momento della morte.

Per il suo carisma e il suo misticismo, Toro Seduto venne riconosciuto come leader spirituale in tutte le tribù sioux federate. Chissà di cosa avrà probabilmente parlato con Tunica nera su Cristo e il Grande Spirito!

Tags:
crocifissoindiani americani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni