Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconFor Her
line break icon

Pregare davanti all'icona di San Giuseppe, ci proviamo in famiglia?

SAINT JOSEPH, ICON

Renata Sedmakova | Shutterstock

Mogli e mamme per vocazione - pubblicato il 15/12/20

Nell'Anno speciale di San Giuseppe, una proposta di preghiera e meditazione per farci accompagnare dalla sua presenza silenziosa ma decisiva.

Nell’iconografia classica, non si trovano tra le icone immagini in cui compare solo San Giuseppe: lo troviamo raffigurato, insieme a Gesù e a Maria, nelle rappresentazioni dei brani evangelici in cui è citato, quindi nelle icone della Natività, della Fuga in Egitto, della Presentazione al Tempio, e sempre in una posizione non centrale.

San Giuseppe, silenzioso ma decisivo

La tradizione ortodossa “minimizza” la figura di San Giuseppe, senza peraltro dimenticarne l’importanza, quasi a sottolineare la sua l’umile accettazione e la sottomissione alla volontà divina; al contrario, i Padri Occidentali hanno evidenziato la sua figura, proprio per esaltarne le virtù, affinché la sua esistenza, silenziosa ma decisiva, fosse un esempio per tutti noi.


SAINT JOSEPH ICON

Leggi anche:
La devozione a San Giuseppe è la migliore abitudine da prendere in primavera

Nel 1800 si realizzarono icone che rappresentano San Giuseppe con Gesù in braccio: egli non è più in disparte, pensieroso, come nelle icone classiche ortodosse, ma assume un ruolo attivo e da protagonista: è colui che si occupa di Gesù, e ce lo presenta, quasi ce lo porge.

Il culto a San Giuseppe, già presente prima dell’anno 1000, si sviluppa in Italia nei secoli XIV e XV, grazie soprattutto a San Bernardino da Siena, che ne esalta le virtù, quali l’obbedienza, la fede profonda, il suo essere “giusto” (Giuseppe, suo sposo, poiché era un uomo giusto – Mt 1,19), l’osservanza alle ispirazioni di Dio; Pio IX, a lui molto devoto, l’8 dicembre 1870 lo ha dichiarato Patrono della Chiesa universale e Pio XI, nel 1938, rivolse queste parole ad un gruppo di sposi novelli:

Le famiglie che voi avete fondato ed iniziato, queste vostre famiglie somiglino alla famiglia nella quale sedeva, proprio con autorità di padre, San Giuseppe benedetto. Che questo protettore della famiglia alla quale appartennero Maria e Gesù sia anche il protettore delle vostre famiglie; che egli, con la sua paterna provvidenza e con la sua onnipotente intercessione, vi sia di aiuto, a voi e alle vostre famiglie. È vero: l’intercessione di Maria è l’intercessione della Madre, e quindi non si può vedere che cosa il Divin Figliuolo possa negare a una tal Madre; ma l’intercessione di San Giuseppe è l’intercessione dello sposo, del padre putativo, del capo di casa della Famiglia di Nazaret, che era composta da lui, da Maria e da Gesù.
HOLY FAMILY
Zvonimir Atletic | Shutterstock

San Giuseppe lavoratore

Pio XII “cristianizzò” la festa del lavoro del I maggio istituendo la festa di San Giuseppe lavoratore; San Giovanni XXIII, anch’egli molto devoto al Santo, inserì il suo nome nel Canone romano, e lo scelse come protettore del Concilio Vaticano II.
Beato Paolo VI così ne parla:

“La sua paternità si è espressa concretamente nell’aver fatto della sua vita un servizio, un sacrificio… un dono totale di sé, della sua vita, del suo lavoro; nell’aver convertito la sua umana vocazione all’amore domestico nella sovrumana oblazione di sé, del suo cuore e di ogni capacità nell’amore posto a servizio del Messia germinato nella sua casa.” (Insegnamenti di Paolo VI, IV -1966- 100)

San Giovanni Paolo II propone ai cristiani l’esempio di San Giuseppe, affinché considerino sempre “il suo umile, maturo modo di servire e di partecipare all’economia della salvezza”. Nell’esortazione apostolica Redemptoris custos del 1989 invita a riflettere “sulla figura e sulla missione di San Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa”, collocando Giuseppe nell’ambito del mistero della redenzione, sulla scia delle encicliche Redemptor hominis e Redemptoris Mater.

San Giuseppe educatore

Anche Benedetto XVI ha reso omaggio alla grandezza dello sposo della Vergine Maria, scrivendo numerosi testi, mentre Papa Francesco, nelle sue udienze, parla spesso di San Giuseppe, prendendolo come figura di riferimento: “È il modello di educatore e di papà”. “Giuseppe era un uomo che dava sempre ascolto alla voce di Dio, profondamente sensibile al suo segreto volere, un uomo attento ai messaggi che gli giungevano dal profondo del cuore e dall’alto. Non si è ostinato a perseguire quel suo progetto di vita, ma è stato pronto a mettersi a disposizione della novità che, in modo sconcertante, gli veniva presentata.” (Angelus, 22 dicembre 2013.) Anche nell’omelia nella messa del suo inizio pontificato, Papa Francesco ha sottolineato l’importanza della figura di San Giuseppe; suo il richiamo a “custodire la Chiesa con discrezione ed umiltà”, avendo come modello Giuseppe.

A San Giuseppe si rivolgono tantissimi fedeli, certi della sua intercessione; anche Santa Teresa d’Avila consigliava di rivolgersi con fiducia a lui:

Qualunque grazia si domanda a San Giuseppe verrà certamente concessa, chi vuol credere faccia la prova affinché si persuada.
SAINT JOSEPH AND CHILD JESUS
Renata Sedmakova | Shutterstock

Invocazioni a San Giuseppe

Anche noi, con questi maestri di fede, iniziamo quindi la preghiera contemplando l’icona di San Giuseppe.
Creiamo in noi il silenzio interiore, abbandonando i nostri pensieri al Signore ed elevandoli a Lui.
Giuseppe nell’icona ci guarda con occhi umili, indicandoci Gesù che ci benedice; preghiamo con le invocazioni tratte dal Sacro Manto in onore di San Giuseppe:

S. Giuseppe, prega Gesù che venga nell’anima mia e la santifichi. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nel mio cuore e lo infiammi di carità. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nella mia intelligenza e la illumini. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nella mia volontà e la fortifichi. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei pensieri e li purifichi. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei affetti e li regoli. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nei miei desideri e li diriga. S. Giuseppe, prega Gesù che venga nelle mie operazioni e le benedica. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù il suo santo amore. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù l’imitazione delle sue virtù. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la vera umiltà di spirito. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la mitezza di cuore. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la pace dell’anima. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù il santo timore di Dio. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù il desiderio della perfezione. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la dolcezza di carattere. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù un cuore puro e caritatevole. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la grazia di sopportare con pazienza le sofferenze della vita. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la sapienza delle verità eterne. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la perseveranza nell’operare il bene. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la fortezza nel sopportare le croci. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù il distacco dai beni di questa terra. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù di camminare per la via stretta del cielo. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù di essere libero da ogni occasione di peccato S. Giuseppe, ottienimi da Gesù un santo desiderio del Paradiso. S. Giuseppe, ottienimi da Gesù la perseveranza finale S. Giuseppe, non mi allontanare da te. S. Giuseppe, fa’ che il mio cuore non cessi mai di amarti e la mia lingua di lodarti S. Giuseppe, per l’amore che portasti a Gesù aiutami ad amarlo. S. Giuseppe, degnati di accogliermi come tuo devoto. S. Giuseppe, io mi dono a te: accettami e soccorrimi. S. Giuseppe, non mi abbandonare nell’ora della morte. Gesù, Giuseppe e Maria vi dono il cuore e l’anima mia.

Brani del Vangelo

Leggiamo poi i brani del Vangelo che citano San Giuseppe, e meditiamo su di essi:

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo. (Mt 1,16) Ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati.” (Mt 1,20-21) Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa; senza che egli la conoscesse, ella diede alla luce un figlio ed egli lo chiamò Gesù. (Mt 1,24-25) Un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: Alzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta lì finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo. Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre, e si rifugiò in Egitto. (Mt 2 13-14) Morto Erode, ecco, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e va’ nella terra d’Israele… Egli si alzò, prese il bambino e sua madre ed entrò nella terra d’Israele. Ma, quando venne a sapere che nella Giudea regnava Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritirò nella regione della Galilea e andò ad abitare in una città chiamata Nàzaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: sarà chiamato Nazareno. (Mt 2, 19-23) (Gesù) Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini. (Lc 2,51-52)

San Giuseppe e l’amore per il proprio dovere

Nessuna parola esce dalle labbra di Giuseppe; avverte qualche dubbio, qualche timore, ma è pronto e sollecito nell’eseguire ciò che il Signore gli comanda: Alzati! Parte in fretta, di notte, lasciando tutto… e noi, cosa facciamo nelle nostre notti spirituali di paura, e di ansietà? Ascoltiamo le ispirazioni e la volontà del Signore mettendo a tacere i nostri dubbi?

È difficile… chiediamo a San Giuseppe che interceda affinché la nostra fede traballante si irrobustisca, affinché il nostro ego si ridimensioni, e possiamo così sentire più facilmente la voce del Signore che ci parla e ci dà consigli. Affidiamoci a San Giuseppe affinché il suo esempio ci ispiri umiltà, nascondimento, amore verso il proprio dovere, timor di Dio, semplicità, entusiasmo per le piccole cose della vita quotidiana, e soprattutto affidamento alla Divina Provvidenza.

Al nostro fianco in mezzo alla paura

Continuiamo la nostra meditazione con una preghiera tratta dai Vespri del 19 marzo:

Padre santo, che hai rivelato a San Giuseppe il mistero di Cristo nascosto nei secoli eterni, donaci di amare sempre di più il tuo Figlio fatto uomo per la nostra salvezza. Tu, che nutri gli uccelli dell’aria e vesti i gigli del campo, dona a tutti gli uomini il pane quotidiano. Hai affidato alle nostre mani l’opera della tua creazione, concedi agli operai, agli artigiani, ai contadini un’adeguata ricompensa alle loro fatiche. O fonte di ogni santità, che chiami tutti gli uomini a configurarsi a te, concedi a noi, per intercessione di San Giuseppe, di camminare in santità e giustizia tutti i giorni della nostra vita. Guarda con bontà ai moribondi e ai defunti, fa’ che siano eternamente felici con Gesù, Giuseppe e Maria.

Possiamo chiedere a San Giuseppe che ci aiuti nelle difficoltà della nostra vita quotidiana, nelle nostre miserie e nelle nostre debolezze; meditiamo sulla sua fede pronta e profonda, sulla sua apertura al progetto di Dio, che il suo atteggiamento sia per noi un consiglio su come affrontare le nostre incertezze e le nostre paure.

  • 1
  • 2
Tags:
san giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni