Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconFor Her
line break icon

Salvò 3 bambini durante la guerra, li ha ritrovati 70 anni dopo

SOLDIER, WAR, VINTAGE

Beverly Pritzi | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 15/12/20

Martin Adler ha 96 anni e cerca i 3 piccoli che salvò in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale: "Dio ci stava guardando in quel momento, eravamo pronti a sparare quando vedemmo spuntare quei bambini spaventati".

Ricongiungimento è sempre stata una delle parole natalizie per eccellenza, la pandemia ce ne sta facendo sentire la bruciante mancanza. Forse è anche per questo che un anziano ex soldato americano ha sentito il bisogno di sapere che ne è stato dei 3 bambini che incrociò mentre combatteva in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale. L’appello di Martin Adler ha mobilitato molte persone per rendere possibile un ricongiungimento a 70 anni di distanza.


ROSARY

Leggi anche:
L’arma più grande che un soldato scoprì di avere, il Rosario

Lieto fine

E sembra la perfetta storia di Natale, Martin ha ritrovato quei 3 bambini che oggi sono anziani e vivono a Castel San Pietro Terme (BO). Bruno, Giuliana e Mafalda Naldi si sono riconosciuti nella foto diffusa via web e hanno potuto salutare il soldato con un video messaggio. Con qualche difficoltà a comunicare tre italiano e inglese, si sono però abbracciati coi sorrisi.

Ma qual è la storia che li lega?

Sulla Linea Gotica

Originario del Bronx, oggi Martin Adler ha 96 anni e vive in Florida. Un ricordo lontano, di quando fu soldato in Italia nel 1944, lo ha spinto a diffondere un messaggio via web. Molti giornali italiani stanno ospitando la sua storia, che sembra proprio uscita da un libro di Dickens sul Natale.

La settimana scorsa il giornalista reggiano Matteo Incerti ha pubblicato una richiesta sulla sua pagina Facebook, facendosi portavoce insieme alla figlia dell’ ex-soldato Adler di un desiderio rimasto sempre in sospeso. C’è una foto in cui l’appena ventenne Adler, in tenuta militare, abbraccia tre bimbi sorridenti. Dietro quell’immagine c’è una storia sorprendente. Martin e il suo compagno di reggimento John Bronsky erano stati mandati a perquisire le case di un paese dell’Appennino, per verificare se ci fossero tedeschi che si nascondevano.

Entrammo in quell’abitazione. C’era un grande cestino di legno dal quale uscivano strani rumori. Io e John avevamo già il dito sul grilletto pronti a sparare, potevano esserci dei tedeschi. Poi – continua Adler – un urlo e una donna che corse incontro urlando “bambini, bambini!”. Era la loro mamma! Ci fermammo e da quel grandissimo cesto sbucarono tre splendidi fanciulli, due bimbe e un bimbo. (da Corriere)
CHILDREN, VINTAGE
Everett Collection | Shutterstock

In quell’istante decisivo, la logica brutale della guerra fu disinnescata. Ci fu un incontro, dove poteva esserci una strage. Era un giorno come tanti tra il settembre e l’ottobre del 1944 lungo la Linea Gotica nell’Appennino Tosco-Emiliano. Martin non ricorda il nome del paese, ma ricorda quei volti.

Lui e il suo compagno misero via le armi e tirarono fuori i sorrisi, chiesero alla mamma di poter scattare una foto. Lei li cambiò, facendo indossare ai figli gli abiti buoni della domenica e la foto che ne uscì è rimasta tra i ricordi indelebili di quel soldato. Che poi continuò a combattere, che poi fu ferito e che contribuì alla liberazione dell’Italia. L’incontro fortuito con quei tre bambini fu l’unico spiraglio buono nell’inferno della guerra – ricorda oggi Adler.

Sono ancora vivi?

L’anno che sta finendo è stata una specie di guerra, diversa da quella combattuta con le armi in terra straniera. Ci ha fatto fare brutalmente i conti con le perdite, con la nostra fragilità, ha fatto a pezzi il delirio di onnipotenza. Di contro, è stata l’occasione per fare un appello umano più sincero: ci siamo guardati attorno, abbiamo ringraziato anche per quei legami che davamo per scontati. Lo sfondo nero ha sempre l’effetto di mettere in evidenza le presenze luminose che si stagliano contro di esso.

Dal buio del passato l’ex soldato Martin Adler vorrebbe tirar fuori anche quei 3 bambini, che lasciò piccoli e indifesi in un’Italia in guerra:

Sono ancora vivi? – si chiede –. C’è qualcuno che si riconosce? Forse loro, o i loro figli. Mi piacerebbe parlare con loro e perché no quando finirà questo virus incontrarci di nuovo e abbracciarci. Proviamoci, sarebbe una favola di Natale ritrovarci tutti insieme.

Le loro vite si sono toccate per qualche ora, una parentesi di bene in mezzo a un orizzonte di violenza e morte, poi ognuno è andato per la sua strada. Era una storia sospesa che meritava qualche capitolo in più. Le redazioni de Il Resto del Carlino e de La Nazionesi sono date da fare per diffondere il messaggio. Adler non ricordava esattamente il luogo, doveva essere ai confini tra Emilia Romagna e Toscana tra le valli del Santerno e del Sillaro.

E dopo pochi giorni, ecco la risposta. Tre fratelli, ancora tutti vivi, di Castel San Pietro Terme (in provincia di Bologna) si sono riconosciuti nella storia e nella foto.

Sotto gli occhi di Dio

All’appello sulla pagina di Matteo Incerti ieri si era aggiunto un altro video che l’ex soldato americano ha fatto avere alla redazione del Resto del Carlino. Dalla sua casa in Florida ha ricordato una volta di più il momento dell’incontro sorprendente con quei tre bimbi usciti dalla cesta e si chiede che cosa ne sia stato della loro vita:

Spero abbiano fatto qualcosa di particolare, di spettacolare nella loro vita. Perché Dio stava guardando a noi quattro, o meglio a noi cinque in quel momento, quando quei bambini saltarono fuori così spaventati.
SOLDIER, KNEELING
Shutterstock

Dio era lì, ci guardava – nota Martin Adler. E s’intuisce che lo dica non intendendo che Dio assisteva inerte alla scena o pronto ad appuntare un eventuale gesto violento dei soldati. Dio era lì come presenza silenziosa e sempre alleata dell’uomo anche nei momenti peggiori della storia.




Leggi anche:
Afghanistan: la straordinaria nascita di 4 gemelli in mezzo alle bombe

Armati fino ai denti, noi lo siamo anche se non c’è nessun conflitto militare in corso. Siamo pronti a sparare contro quello che ostacola il sentiero su cui camminiamo. E’ una prova e una tentazione quotidiana, sparare a vista dando il nome di nemico a qualsiasi ombra.

Ma se il velo cade, se per un attimo ci si mostra che chi abbiamo di fronte è spaventato e indifeso – cioè tale e quale a noi – siamo disposti a vederlo? È questo il punto della storia di Martin Adler che più mi colpisce, quell’attimo in cui la libertà può decidere se guardare prima di sparare. Che Dio sia lì, mi viene da pregare. Che sia compagno della mia libertà, che non la lasci sola a prendere la mira come un cecchino.

Tags:
bambinicronacaguerra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni