Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

5 antipasti tipici che si cucinano nel mondo il giorno di Natale

Picanteria karol, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 14/12/20 - aggiornato il 17/12/20

Queste ricette gustose e interessanti provengono da Venezuela, Costa Rica, Croazia, Paesi balcanici, Galles

Ricette di antipasti da cucinare nel giorno di Natale, ispirate a santi e angeli. Il libro di Bianca Bianchini e Marcello Stanzione,Le ricette degli angeli – Idee e consigli per la cucina del Natale, dell’editore Tau Editrice, ci propone una serie di ricette e di spunti curiosi per cucinare con amore a Natale.

Le ricette dei cinque antipasti che vi proponiamo si cucinano nel giorno di Natale sopratutto in America Centrale e Latina, Galles, Scandinavia e Paesi Balcanici.

1) CEVICHE

Il ceviche (o cebiches) è una pietanza diffusa in tutta l’America Latina. Si tratta di un piatto povero alla cui base è la cottura a freddo di un cibo tramite marinatura con sostanze acidule, come avviene per il carpaccio italiano.

La ricetta tipica del Costa Rica è a base di pesce fresco, lime, peperone e cipolla. Per questa preparazione possono essere utilizzati vari tipi di pesce: sgombro, sardina, cernia, spigola, lampuga, trota, squalo, marlin, lenguado, pejerrey e tilapia. Non è raro trovare anche preparazioni a base di crostacei.

No machine-readable author provided. Manuel González Olaechea assumed (based on copyright claims)., CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Tempo di preparazione 20 minuti

Ingredienti per 4 persone

400 g di pesce freschissimo

3 cucchiai di peperone giallo tritato

3 cucchiai di peperone rosso tritato

2 cucchiai di cipolla rossa tritata

5 cucchiai di spremuta di arancia bionda

80 ml di succo di lime fresco

1 cucchiaio di peperoncino verde fresco tritato 2 cucchiai di foglie di coriandolo fresco

2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

1 cucchiaio di sale grosso

Pepe nero macinato q.b.

8 foglie di lattuga

Procedimento

Pulite il pesce e sfilettatelo. Dalla polpa ricava- te dei cubetti di un paio di centimetri di spessore. In una ciotola dai bordi alti mescolate pesce, lime, arancia, peperone, peperoncino e cipolla. Mescola- te con cura e coprite con della pellicola trasparente o un coperchio, quindi lasciate riposare in frigorifero per tre ore. Quando il trito avrà riposato affettate finemente le foglie di coriandolo e aggiungetele, insieme a olio, sale e pepe, al composto. Mescolate con delicatezza, quindi servite il ceviche, accompagnandolo con foglie di lattuga.




Leggi anche:
Cibi consigliati da Santa Ildegarda per avere una alimentazione sana

2) PATE’ DI BACCALA’

In Istria e Dalmazia tradizione vuole che alla vigilia di Natale non si mangi carne. Pertanto il ruolo principale è affidato al pesce, soprattutto al baccalà. Questo viene preparato in rosso o in bianco, mangiato con il cucchiaio oppure spalmato sul pane. I dalmati preparano il “bakalar na uje” (baccalà in olio), cucinato in bianco con un contorno di patate e abbondantemente condito con olio d’oliva, aglio e prezzemolo tritato. Il baccalà viene lasciato in ammollo per almeno 24 ore, spesso anche per due o tre giorni, per diventare morbido e venir trasformato in un gustoso brodetto in rosso. Nella versione istriana e in quella del Litorale croato il baccalà viene preparato in bianco con dell’aglio e olio d’oliva per ottenere un paté da spalmare su una fetta di pane appena sfornato.

In Norvegia la tradizione culinaria natalizia più antica, risalente al XV secolo, è rappresentata dal lutefisk, preparato con stoccafisso ammollato nella soda caustica (“lut”). Ogni anno a dicembre vengono consumate dai norvegesi più di 750 tonnellate di questa specialità così particolare, che è un piatto popolare anche nelle zone degli Stati Uniti con il maggior numero di discendenti norvegesi, come il Minnesota e il Wisconsin.

Jonathunder, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Tempo di preparazione 30 minuti

Tempo di cottura 20 minuti (baccalà) + 30 minuti (patate)

Ingredienti per 4 persone

400g di baccalà ammollato

1 litro di latte intero

6 cucchiai di olio extravergine di oliva 100 g di patate

Sale q.b.

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

2 spicchi di aglio

Una macinata di pepe

200 g di pancarré

Procedimento

Tagliate a pezzi la polpa del baccalà, dopo aver eliminato la pelle. Portate a bollore il latte con uno spicchio di aglio intero e i gambi del prezzemolo. Immergeteci il baccalà e fatelo cuocere a fuoco dolce 20 minuti. Lessate le patate per 30 minuti, quindi sbucciatele e passatele allo schiacciapatate. Sgocciolate il baccalà e asciugatelo con carta per la casa. Frullate gli ingredienti insieme ad uno spicchio di aglio, aggiungete l’olio a filo fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite pepe e prezzemolo tritato. Spalmate sui crostini di pane preventivamente tostati.


VERDUZCO

Leggi anche:
La youtuber che conquista con i suoi dolci e ispira con la sua storia di vita

3) RAREBIT DEL GALLES

Tra le ricette di antipasti da cucinare a Natale, c’è quella deI rarebit, piatto tipico della tradizione gastronomica natalizia del Galles. Il nome rarebit è composto da due parole chiave, “rare”, che deriva da rabbit e “bit”, piccolo pezzo o porzione Questo piatto è infatti fatto di crostini al formaggio Cheddar, un formaggio a pasta dura, tipico del villaggio inglese del Somerset in cui viene prodotto. Se aveste difficoltà a trovarlo potete sostituirlo con dell’ottima italianissima fontina.

Jiel Beaumadier, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Tempo di preparazione 10 minuti

Tempo di cottura 6 minuti

Ingredienti per 4 persone

4 fette di pancarré

250 g di formaggio Cheddar o fontina 2 cucchiaini di senape in polvere

sale q.b.

peperoncino di cayenna in polvere q.b. 20 g di burro

6 cucchiai di latte intero

2 cucchiaini di salsa Worcester

una macinata di pepe

2 cucchiaini di prezzemolo tritato

Procedimento

Grattugiate il formaggio Cheddar in un piatto e lasciate che il burro si ammorbidisca a temperatura ambiente. Mettete il Cheddar grattugiato in una pentola, aggiungete il latte, scaldate a fuoco basso e sciogliete il formaggio mescolando con un cucchiaio di legno, quindi spegnete il fuoco. Aggiunge- te la senape in polvere e la salsa Worcester, aggiustate di sale e pepe e mescolate bene. Cuocete fino a far addensare il composto e poi spegnete il fuoco. Tostate il pancarré in forno per 4 minuti. Spalmate il burro sul pancarré, versate il formaggio fuso e poi tostate ancora per 2 minuti. Tagliate a metà le fette di pancarré ed insaporitele con il peperoncino di Cayenna, guarnite con il prezzemolo tritato e servite.




Leggi anche:
Storie e gusti di un pranzo di Natale “stellato”. In carcere

4) PAN DE JAMON

Un piatto tradizionale del Natale venezuelano è il Pan de Jamón, un gustosissimo pane ripieno di prosciutto, pancetta affumicata, olive verdi e uvetta, che sembra sia nato all’inizio del XX secolo per mano di Gustavo Ramella che possedeva un panificio a Caracas.

Ogni Vigilia di Natale gli abitanti di Caracas si recano in chiesa nelle prime ore del mattino sui pattini a rotelle. Per questo motivo le strade vengono chiuse al traffico automobilistico.

Wilfredor, CC BY-SA 4.0  via Wikimedia Commons

Tempo di preparazione 30 minuti

Tempo di cottura 40 minuti

Ingredienti per 6 persone

550 g di farina 00

5 g di lievito in polvere per panificazione 200 ml di latte intero tiepido

50 g di zucchero semolato

2 uova

50 g di burro fuso

1 cucchiaino di sale

Per la farcitura

500 g di prosciutto cotto alla brace

150 g di pancetta affumicata

150 g di olive verdi snocciolate (preferibilmente ripiene di peperone rosso)

100 g di uvetta sultanina

Per decorare

1 uovo sbattuto (per spennellare la superficie)

Procedimento

In un recipiente mischiate insieme tutti gli ingredienti per la massa del pane e lavorateli fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo ed elastico. Coprite con pellicola trasparente e fate lievitare in un luogo caldo per almeno due ore. Stendete l’impasto con un mattarello cosparso di farina fino a formare un rettangolo più o meno dello spessore di mezzo centimetro e della dimensione di circa 45 cm per 35 cm. Disponete le fette di prosciutto su tutta la superficie del rettangolo, poi le fette di pancetta affumicata, le olive e l’uvetta fatta rinvenire in un po’ di acqua. Arrotolate il rettangolo su sé stesso e sigillate le estremità inumidendo i bordi con un po’ di acqua.

Adagiate il Pan de Jamón su una leccarda foderata con carta da forno, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare per altre due ore. Passato il tempo della seconda lievitazione spennellate la superficie del Pan de Jamón con dell’uovo sbattuto; bucherellate la superficie con una forchetta ed infornate a 180o per 40 minuti circa. Lasciate raffreddare il Pan de Jamón quindi tagliatelo a fette sottili. Se il cuore del Pan de Jamón non dovesse essere cotto bene dopo averlo tagliato a fette infornatelo di nuovo per qualche minuto.


DINNER

Leggi anche:
Frati e suore in difficoltà in cucina: il pranzo lo preparano gli angeli

5) BUREK (ROTOLO CROATO)

Nei Paesi Balcanici, ed in particolare in Crozia, un tradizionale e antico dono natalizio croato era la mela decorata, chiamata bozicnica (Bozic, in croato Natale), regalata dai giovanotti alle fidanzate. Altra tradizione è la seminatura di grano natalizio come simbolo della rinascita e della fertilità. Questo grano, fatto crescere prima di Natale in una ciotola con acqua, viene posato sulla tavola natalizia e durante tutto il periodo delle feste sta sotto l’albero o vicino al presepe. Dopo il Natale viene dato agli uccelli.

Tra le ricette tradizionali da cucinare a Natale spicca un antipasto: il burek. E’ una torta salata tipica dei paesi balcanici. Il nome burek significa rotolo.

Creative Commons - Wikimedia

Tempo di preparazione 30 minuti

Tempo di cottura 35 minuti

Ingredienti per 12 persone

Per la pasta

500 g di farina 00 25 g di burro Acqua calda q.b.

Per il ripieno

700 g di carne tritata di manzo 4 cipolle tritate

2 tuorli d’uovo

25 g di burro fuso

Sale q.b.

Una macinata di pepe nero

Procedimento

Impastate farina, burro ed acqua fino ad ottenere un impasto liscio. Dividete l’impasto in 4 parti per fare 4 burek. Tenete da parte coperto con pellicola trasparente. Preparate intanto il ripieno mescolando tutti gli ingredienti. Stendete la sfoglia molto sottile e lasciatela seccare per qualche minuto. Spennellate la pasta con poco burro fuso, quindi distribuite un po’ del ripieno ad una estremità della sfoglia e arrotolatela in modo da formare un rotolo. Iniziando dal centro di una teglia fate una spirale iniziando dal centro. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 35 minuti. Servite caldo.


BAGNA CAUDA

Leggi anche:
L’apparizione degli angeli cuochi che prepararono il pranzo di Natale

Tags:
cibonatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni