Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconStile di vita
line break icon

La tecnica segreta dei genitori Inuit per far fronte ai capricci

ESKIMOS

Shutterstock

Cerith Gardiner - pubblicato il 09/12/20

Questa tradizione del Nord è uno strumento efficace per gestire la rabbia, soprattutto con i più piccoli

In buona parte del mondo occidentale, i genitori tremano di fronte ai “terribili due anni”, quello splendido momento nella vita di un bambino in cui trova la voce per esprimere il proprio disappunto con chiunque stia lì ad ascoltarlo. Può essere snervante, ma c’è un modo per affrontare questo dilemma genitoriale, e viene dal Nord.

Negli anni Sessanta del secolo scorso, un’antropologa 34enne, Jean Briggs, partì per un viaggio di 17 mesi al Circolo Polare Artico. Vivendo in un ambiente in cui mancavano tutti i comfort a cui era abituata, compreso un tetto sulla testa, la Briggs è sopravvissuta grazie alla gentilezza di una famiglia Inuit che l’ha accolta in casa propria. Durante il suo soggiorno tra gli Inuit, la Briggs ha constatato un fenomeno sorprendente: quel popolo ha una capacità straordinaria di controllare la rabbia.

“Non hanno mai agito con rabbia nei miei confronti, anche se erano molto arrabbiati con me”, ha affermato la Briggs in un’intervista al Canadian Broadcasting Corp.

L’antropologa ha scoperto che mostrare segni di rabbia veniva visto come una debolezza, o considerato un atteggiamento infantile, riferisce NPR.

La Briggs ha documentato alcune occasioni in cui perdere le staffe sarebbe sembrato più che comprensibile. Una lenza che aveva richiesto giorni per essere realizzata si è rotta al primo utilizzo. La risposta misurata: “Cucila”.

Una teiera bollente è caduta su tutto il pavimento di un igloo danneggiandolo, ma non ci sono state reazioni estreme. La persona che l’ha rovesciata l’ha solo ripresa e ne ha preparata un’altra. Sono entrambe reazioni particolari quando si pensa al lavoro manuale che richiede la realizzazione di igloo e lenze.

In confronto a questi atteggiamenti, la Briggs sentiva i suoi accessi d’ira come antisociali, paragonandoli a quelli di un “bambino capriccioso”, e si chiedeva come facessero gli Inuit a crescere adulti con queste caratteristiche.

La Briggs ha riferito di un’occasione in cui ha visto una madre giocare con un bambino piccolo sulla spiaggia. La mamma ha detto al bambino di colpirla con una pietra, e poi di colpirla più forte (potrebbe non essere una lezione che volete scegliere per i vostri figli…) Ha detto semplicemente: “Oh, fa male”. La risposta calma della madre quando si è fatta male è stata la lezione che cercava di insegnare al figlio. Non si è arrabbiata e non ha alzato la voce.

Nel resoconto di NPR, un altro viaggio al Circolo Polare Artico ha rivelato più elementi dietro queste pratiche genitoriali apparentemente singolari. In un incontro con gli anziani, è stato rivelato che gli Inuit hanno una regola genitoriale d’oro: “Non gridate con i bambini piccoli”.

Una mamma, Lisa Ipeelie, che ha 12 fratelli, ha spiegato: “Quando sono piccoli, alzare la voce non serve. Vi farà solo aumentare la pressione”. È perfino il caso in cui un bambino morde o fa male a un genitore. La logica dietro questo fatto è se il bambino sta ricorrendo a questo comportamento è perché c’è una questione sottostante che dev’essere affrontata, e con calma.

Questo è stato confermato dalla ricerca della Briggs: “Tradizionalmente, gli Inuit ritengono umiliante gridare con un bambino piccolo. È come se l’adulto facesse un capriccio; fondamentalmente si tratta di abbassarsi al livello del bambino”.

La psicologa clinica e autrice Laura Markham sostiene l’efficacia di questo approccio calmo. “Quando gridiamo con un bambino – o lo minacciamo con cose del tipo ‘Sto iniziando ad arrabbiarmi’, stiamo allenando il figlio a gridare. Lo stiamo allenando a gridare quando si arrabbia e a pensare che gridare risolva i problemi”. I genitori insegnano ai loro figli la regolamentazione emotiva, e quindi più è positiva la lezione, migliore è il risultato finale.

  • 1
  • 2
Tags:
genitori e figli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni