Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 24 Gennaio |
Santa Marianne (Barbara) Cope di Molokai
home iconChiesa
line break icon

Vaticano, il cardinale Pell avverte: la stagione degli scandali non è finita

Cardinal George Pell

Alberto PIZZOLI | AFP

Anche il Cardinale George Pell, nelle scorse ore, è stato prosciolto dall'accusa di abusi sessuali.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/12/20

Il cardinale australiano Pell, assolto e scagionato dopo essere stato condannato in primo grado per abusi sessuali su minori, scrive un nuovo libro sui mesi vissuti in carcere e non solo. Ecco un'anticipazione

Un nuovo libro in cui racconta come è stata la sua vita nei primi cinque mesi di carcere (27 febbraio – 13 luglio 2019). Il cardinale australiano George Pell, ex prefetto della Segreteria per l’Economia, è l’autore di “Prison Journal (Ignatius).

Il libro, già uscito negli Stati Uniti, è una sorta di diario che raccoglie riflessioni, meditazioni spirituali e dettagliate osservazioni della routine carceraria (La Stampa, 5 dicembre), Pell se ne andò dall’Italia nel 2017 per difendersi dalle accuse di pedofilia subite in Australia. Venne condannato e poi imprigionato per oltre 404 giorni. Infine fu assolto dalla Corte suprema.

“La festa non è finita”

Il cardinale, presentando il libro all’Associated Press, dice di sentirsi «scagionato» da ogni accusa e, insieme, spiega che «può darsi» che sull’acquisto da parte della Segreteria di stato vaticana di un immobile a Londra si sia verificata «solo una sconcertante incompetenza». Pell avverte anche che la stagione degli scandali, la «festa», così la chiama, «non è finita».

“Mai più deve accadere quello che è successo a me”

In un’altra intervista su Prison journal, rilasciata al National Catholic Register, il cardinale australiano ha aggiunto: «Ho scritto questo libro per aiutare la gente a comprendere un po’ meglio il cristianesimo. Inoltre, vorrei che ciò che è successo a me non riaccada in Australia troppo velocemente. Cioè che un membro di un gruppo molto impopolare che sposa idee politicamente scorrette venga spazzato via da una marea di opinioni ostili». (Tempi.it, 1 dicembre).


Cardinal George Pell

Leggi anche:
Il cardinale Pell prosciolto dalle accuse di abusi: verdetto unanime dei giudici

La preghiera della prima notte

Nel libro, il cardinale Pell riporta una inedita invocazione al Signore.

«Dio nostro Padre, dammi la forza per superare questo, e possa la sofferenza essere unita alla redenzione di tuo Figlio Gesù per la diffusione del Regno, la guarigione di tutte le vittime di questa piaga della pedofilia, la fede e il benessere della nostra Chiesa, e soprattutto per la saggezza e il coraggio dei vescovi».

Era questa la preghiera che il cardinaleha recitato la sera del 27 febbraio del 2019, prima notte trascorsa dietro le sbarre nel carcere di Melbourne. Quel giorno il Tribunale di Victoria aveva ordinato l’arresto dell’ex prefetto della Segreteria per l’Economia vaticana. Fu revocata la libertà su cauzione, accordatagli dopo l’incriminazione del dicembre 2018 per abusi sessuali su due chierichetti minorenni negli anni ’90. Fu la notte più lunga della vita di George Pell.


PELL

Leggi anche:
Papa Francesco ha incontrato il cardinale Pell e lo ha ringraziato

“Non era l’Hilton, ma non era così male”

Ritornando con la mente al periodo passato in cella, senza perdere la consueta ironia («non era l’Hilton ma neanche così male»), e agli altri prigionieri («alcuni erano arrabbiati, angosciati e infelici in modo terribile»), il cardinale Pell racconta nel suo libro:

«I secondini facevano davvero un buon lavoro. Ogni tanto sentivo altri carcerati che gridavano il mio nome, mi insultavano e mi accusavano. A volte c’era qualcuno che mi difendeva. Un carcerato di lungo corso mi disse che era la prima volta che in prigione un prete accusato di pedofilia veniva difeso da altri detenuti».

In quel periodo difficile, riporta Tempi.it, citando le dichiarazioni del cardinale riportate in Prison journal, «una grande consolazione per me era la consapevolezza che Cristo sarebbe tornato e che ci sarebbe stato un giudizio finale».


MOLESTOWANIE SEKSUALNE

Leggi anche:
Come comportarsi se un prete è accusato di abusi sessuali su minori?

Tags:
cardinale george pell
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
LIBBY OSGOOD
Sandra Ferrer
Libby Osgood, la scienziata della NASA diventata suora
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni