Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconStile di vita
line break icon

Cosa dire e non dire nelle conversazioni cattoliche con persone LGBTQ

outing

ABC Television

Catholic Link - pubblicato il 04/12/20

di Anna Carter

Viviamo in tempi difficili per il dialogo, soprattutto sulla sessualità. Può sembrare che “verità” e “carità” si litighino la nostra attenzione e applicazione. Sappiamo che le preoccupazioni LGBTQ sono più di semplici “questioni” che emergono nelle notizie, e molti di noi hanno amici o familiari che sperimentano un’attrazione per persone dello stesso sesso o discordano con il proprio genere. E valorizziamo questi rapporti! Possiamo sapere come articolare l’insegnamento della Chiesa, ma magari non sappiamo sempre come accogliere la persona. Ecco qualche suggerimento per varie situazioni!

Quando un amico di lunga data ve lo confessa per la prima volta

Dite questo: “Grazie per aver avuto fiducia in me al punto da dirmi questo”

Non questo: “Siamo amici da anni. Perché me lo dici solo ora?”

Quando ho detto per la prima volta ai miei genitori che ero attratta più dalle donne che dagli uomini, hanno avuto bisogno di un po’ di tempo per assimilarlo. All’inizio fa male! Poi mia madre ha detto: “Tu hai processato questa cosa per più di un decennio, noi abbiamo avuto solo un giorno!” Aprire a qualcuno questa parte della propria vita è una cosa seria. Deve avvenire con i suoi tempi, non con quelli di altri. Nessuno “deve” a un’altra persona la sua profonda vulnerabilità – è un dono offerto gratuitamente.

Quando la notizia colpisce

Dite questo: “Come sono state le ultime 24 ore per te? Come stai prendendo tutto questo?”

Non questo: “Cosa pensi di quello che X ha detto o fatto?”

Sono esperta di poche cose, se mai ce ne sono. Quando voglio sapere qualcosa di più su una notizia, tendo a rivolgermi a qualcuno che penso sia esperto della materia. Se qualcuno ha un’esperienza a livello LGBTQ, vedere “notizie” collegate è più di un elemento semplicemente intellettuale. Spesso tocca un nervo scoperto. Fate attenzione a non trasformare amici o familiari in “esperti da salotto”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
lgbt
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni