Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconSpiritualità
line break icon

Perché pregare, se Dio sa già tutto?

MODLITWA

Jonas Allert/Unsplash | CC0

Adilson Júnior - pubblicato il 03/12/20

Quando preghiamo, ci apriamo all'azione dello Spirito Santo, che ci santifica e ci rende capaci di rispondere alla chiamata di Dio

Nelle sue catechesi, Papa Francesco parla spesso del tema della preghiera. L’intento è chiaro: promuovere nella Chiesa nuovo coraggio, speciale apprezzamento ed enorme affetto per questo mezzo – il più nobile – mediante il quale si realizza il nostro rapporto con Dio. Ed ecco che la richiesta del Sommo Pontefice nell’affrontare questa materia è diventata così espressiva che una volta, quando una persona gli ha detto “Lei parla troppo sulla preghiera. Non è necessario”, la risposta del Papa è stata decisa: “Sì, è necessario. Perché se noi non preghiamo, non avremo la forza per andare avanti nella vita. La preghiera è come l’ossigeno della vita. La preghiera è attirare su di noi la presenza dello Spirito Santo che ci porta sempre avanti. Per questo, io parlo tanto sulla preghiera”.

Ma alla fin fine a cosa ci sta esortando il Papa? Perché si parla tanto del fatto di pregare quando potremmo fare qualcosa di più concreto, che dia risultati immediati e visibili?

Attualmente si constata una tendenza crescente a sminuire la vita spirituale, la cui base è senz’altro la preghiera. Questa indifferenza si basa fondamentalmente su questa domanda: “Se Dio sa tutto, perché dovrei esporgli le mie necessità, frustrazioni, gioie? Perché sprecare tempo dicendo a Dio quello che sa già?”

Pregare non presuppone il fatto di dubitare dell’onniscienza di Dio. Di fatto, essendo Egli il Creatore di tutte le cose, il Sommo Bene che sostiene l’esistenza in Sé, è impossibile che esistano barriere che offuschino il Suo sapere, e Gli è noto assolutamente tutto.

Dipendenza da Dio

Preghiamo, quindi, non per informare Dio delle varie vicissitudini della nostra vita quotidiana – come se Egli ne avesse bisogno. No! Preghiamo perché di fatto ci riconosciamo creature, e questo fatto implica dipendenza da Dio; anzi, implica la nostra sincera volontà di abbandonarci nelle Sue mani, come chi aspetta tutto sapendo di non meritare nulla, confidando senza riserve nella Sua Provvidenza, come ci ricorda il Pontefice: “La preghiera di Gesù infine è abbandonarsi nelle mani del Padre, come Gesù nell’Orto degli Ulivi, in quell’angoscia: ‘Padre se è possibile …, ma si faccia la tua volontà’. L’abbandono nelle mani del Padre. È bello quando noi stiamo agitati, un po’ preoccupati e lo Spirito Santo ci trasforma da dentro e ci porta a questo abbandono nelle mani del Padre: ‘Padre, si faccia la tua volontà’”.

Nonostante quello che credono molti, pregare non è una ripetizione superflua di formule pronte, né una pratica frivola e imprescindibile destinata in modo ristretto alle anime contemplative. Per tutti coloro che cercano di configurarsi a Cristo e di edificare in Lui la vita, sulla base della Verità, è una cosa intrinsecamente necessaria alla fortificazione della fede mediante la quale siamo salvi e la cui ascesa non si verifica in modo soddisfacente solo in ambito intellettuale, ovvero ha bisogno di essere coltivata nello spirito, in cui Dio ci parla. In questo senso, pregare non è altro un gesto di conformità nei confronti del progetto salvifico di Nostro Signore che si instaura nella storia di tutti i battezzati.

Quando preghiamo, ci apriamo all’azione dello Spirito Santo che ci santifica e ci rende capaci di rispondere alla chiamata di Dio, di ordinare la nostra vita all’ascolto e all’obbedienza alla Sua Parola.

  • 1
  • 2
Tags:
preghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni