Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconStile di vita
line break icon

Come rimanere mentalmente sani durante la pandemia di Covid-19?

HEALTHY

Shutterstock | New-Africa

Jim Schroeder - pubblicato il 03/12/20

Non diventate una statistica – fate tutti i passi per stare bene e fiorire in questo periodo difficile

Mentre la pandemia continua a diffondersi, anche se la speranza di un vaccino si profila all’orizzonte, diventa sempre più chiaro che il Covid-19 rappresenta ben più di una malattia infettiva nelle nostre comunità. In cima alla lista ci sono maggiori difficoltà mentali, anche sul posto di lavoro. Uno studio recente indica che il 35% degli impiegati degli Stati Uniti lotta con la depressione nella pandemia, ma pochi cercano davvero un’assistenza professionale.

I dati sono significativi: in primo luogo sembra che la generazione più giovane di lavoratori, che include i membri della Generazione Z, sia quella che lotta di più, soprattutto rispetto alle controparti più anziane (Baby Boomers). I giovani hanno riferito tra il doppio e il triplo di difficoltà a concentrarsi sul lavoro, sentendosi anche in preda al burnout o emotivamente prosciugati dal lavoro. I risultati indicano anche che le donne riferiscono difficoltà di concentrazione ed energia ridotta più degli uomini, mentre il 65% degli impiegati che riferiscono di sentirsi cronicamente distratti a lavoro vive con un individuo vulnerabile. Nel frattempo, tra quanti citano sintomi legati alla depressione, solo uno su dieci ne ha parlato con un collega, e solo il 7% ha cercato un aiuto professionale.

Ci sono sempre più prove del fatto che i risultati a lungo termine a livello di salute mentale del Covid potrebbero essere tremendi se nelle prossime settimane e nei prossimi mesi non daremo priorità alla salute mentale. Per fare questo, dobbiamo iniziare con i “Big 4” relativi alla salute mentale: sonno, dieta, attività e tempo trascorso davanti agli schermi.

Moltissimi studi indicano che questi settori hanno un impatto diretto sul nostro funzionamento psicologico, e la pandemia ha solo amplificato la questione. Per i principianti, è fondamentale notare che può essere difficile controllare certi risultati (ad esempio dormire di più), ma possiamo sempre influire sulle nostra abitudini – i processi che mettiamo in atto per fare una differenza a breve e a lungo termine. L’Avvento è un ottimo periodo per dar vita a nuove abitudini.

Consideriamo i “Big 4”…

Non importa a che punto siate in questo momento a livello di esercizio: prendete in considerazione un obiettivo ragionevole e impegnatevi in esso. Potrebbe trattarsi di aggiungere una camminata di 20 minuti al mattino due volte a settimana o di aumentare di dieci il tempo che trascorrete abitualmente in bicicletta.

Quando si tratta della dieta, l’obiettivo è sempre aumentare il consumo di acqua e di cibi naturali, e quindi potreste pensare a consumare un pasto completamente naturale al giorno o di bere solo acqua nei giorni feriali.

Cambiare le proprie abitudini di sonno potrebbe consistere anche solo nell’andare a dormire dieci minuti prima del solito e chiudere tutti i dispositivi tecnologici 30 minuti prima di andare a letto (gli schermi tendono a rendere più difficile addormentarsi).

E infine, parlando di schermi, magari si potrebbe limitare a dieci minuti al giorno il fatto di seguire compulsivamente le notizie. Qualunque sia l’obiettivo, dev’essere ragionevole e pratico a confronto delle abitudini attuali, perché ci sia la possibilità che diventi parte di una routine più sana.

  • 1
  • 2
Tags:
coronaviruspandemiasalute mentale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni