Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconFor Her
line break icon

Il Natale di mia mamma con gli esuli istriani risuonava di canti

STARRY NIGHT,

peresanz | Shutterstock

Chiara Bertoglio - pubblicato il 02/12/20

Sono malata di Natalite ma quando parlo con mia madre penso che forse tutti i miei pacchettini sotto l'albero danno meno gioia di quella che riceveva lei, cui mancava tutto, quando cantava "Che magnifica notte di stelle" a squarciagola nel campo profughi con i suoi amici.

Ormai lo sanno tutti: non appena il calendario avverte che è decente cominciare a preparare la casa per il Natale, acquistare i regali, confezionare i pacchetti, accendere le lucine ed allestire il presepio, Chiara è lì pronta allo scatto come una centometrista vorace di vittoria.

Poco da fare, sono malata di natalite. Mi conforto pensando sempre che, tutto sommato, come patologia è piuttosto innocua.

Come vivo il Natale

Mi incanto come una bambina pregustando la gioia dei miei cari nello spacchettare i pensierini che ho preparato per loro; nel complottare con i diversi membri della famiglia escogitando sorprese per gli altri; nel gustare la poesia di un albero illuminato nella sera buia di dicembre; nel fare tappa tutte le sere davanti al presepio per attendere il Natale con una piccola preghiera in famiglia; nel pensare e ripensare al pranzo di Natale, dal menu alle decorazioni.

In questo devo essere rimasta bambina, ma in fondo non me ne vergogno.

Parlavo di tutto ciò ieri con la mia mamma, che mi conosce meglio di chiunque altro e tollera pazientemente tutte le mie follie decembrine.

Con l’occasione, si rievocavano Natali lontani, e in particolare quelli di tanti anni fa, molto prima che io nascessi.

Come viveva il Natale mia mamma

Esule istriana, la mia mamma ha vissuto anni durissimi nell’adolescenza, avendo dovuto abbandonare casa, beni, affetti e terra amata, ed avendo trovato miseria estrema ed accoglienza gelida nell’Italia tanto sognata.


NONNA NIPOTE PREGHIERA

Leggi anche:
Cara Nonna, oggi è il giorno del Ricordo. E io di te ricordo e amo tutto

Mi colpiva un elemento della sua narrazione: in quei Natali in cui non c’era nemmeno un dolce per i bambini né un regalo da scambiarsi, c’era comunque tanta gioia, e il campo profughi risuonava di canti.

Canti che popolavano anche tutte le celebrazioni in chiesa, e che, ancora adesso, non smettono di emozionarla nel ricordo.

Il ruolo della musica nella notte di Natale

Mi viene da pensare che la musica, ed in particolare la musica sacra che abbelliva le celebrazioni di tante Chiese cristiane, sia stata veramente creatrice di felicità per tutti, e in particolare per i più poveri.

Nella Storia, anche chi non possedeva nulla poteva entrare in una chiesa, persino in una cattedrale, e godere gratuitamente di musica bellissima, fatta per amore di Dio ma anche delle persone più indigenti.

La povertà forse aiuta a gustare sempre di più le cose belle, ed anche a cercarsi, a tessere relazioni; chi ha troppo in casa sua, tende a rintanarvisi senza condividere e senza incontrare gli altri.

Chi ha una vita troppo piena rischia di non incantarsi più.

I canti di Natale degli esuli istriani

E forse tutti i miei pacchettini sotto l’albero danno meno gioia di quella che riceveva un’adolescente istriana, cui mancava tutto, quando cantava “Che magnifica notte di stelle” a squarciagola nel campo profughi con i suoi amici.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
cantonataleprofughi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni