Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconSpiritualità
line break icon

Come imitare il cammino d'infanzia spirituale di Santa Teresina

TERESA Z LISIEUX, CAVALIER

AFC / CNC / Films A2/Collection Christophel/East News

Catholic Link - pubblicato il 28/11/20

di Silvana Ramos

Avrete sicuramente sentito parlare di Santa Teresina del Bambin Gesù e del suo cammino di infanzia spirituale, un cammino che consiste nell’assumere l’atteggiamento dei bambini e nel lasciarsi guidare nella vita abbandonati tra le braccia del Padre.

Diventare bambini di fronte a Dio, affidare la nostra esistenza a Lui, è un cammino esigente. Seguirlo risponde a una chiamata che dobbiamo discernere.

È uno splendido mezzo che abbiamo a disposizione per percorrere la via della santità, e costituisce l’eredità d’amore di questa santa nei confronti di Dio, la sua missione.

“Sento che la mia missione sta per cominciare: la mia missione di far amare il Signore come io l’amo, e dare alle anime la mia piccola via”, disse. “Sì, voglio passare il mio cielo a fare del bene sulla terra. Ciò non è impossibile: nel seno stesso della visione beatifica gli Angeli vegliano su di noi”.

“Ma quando l’Angelo avrà detto: ‘Il tempo non è più!’, allora mi riposerò, potrò gioire, perché il numero degli eletti sarà completo”.

Diamo un’occhiata a questo cammino spirituale.

1. Piccolezza e debolezza

“Mamma, non posso. Sono piccolo”. Quante volte lo abbiamo sentito dire dai nostri figli! Senza volerlo, siamo testimoni di una pedagogia che ci mostra cosa significa sapersi piccoli e deboli, bisognosi dei genitori.

Questa piccolezza e debolezza è quella di cui ci parla la santa, e costituisce un vero cammino di umiltà. Come un bambino piccolo stupito da un mondo enorme davanti al quale si sente quasi insignificante.

Bisognosi della grandezza e del sostegno di Colui che ci ha donato l’esistenza. Una piccolezza che non affligge, ma si rallegra nella cura del Padre.

“Non mi affliggo – diceva – vedendo che sono la debolezza stessa, al contrario, in essa mi glorifico e mi aspetto giorno per giorno di scoprire in me nuove imperfezioni. Lo confesso: queste luci su di me non mi fanno meno bene di quanto ne farebbero se fossero luci sulla fede”.

2. Povertà

Come i bambini che in casa dei genitori sanno di non possedere niente, ma che comunque hanno tutto perché basta loro l’amore provvidente dei genitori. Quella consapevolezza di sapersi senza niente.

Di non possedere niente di proprio, di capire che tutto nella nostra vita è un dono gratuito dato da Dio. Santa Teresina ci chiama a questa povertà di bambini.

Sapendosi poveri, potersi aspettare tutto dal Padre. Poter vivere senza attaccamenti, dimenticando anche se stessi. Senza essere legati alle cose materiali, perché non si ha nulla, e poter così corrispondere pienamente ai mandati di Dio.

Essere come bambini che vivono nel momento presente e che non hanno bisogno di altro che della presenza vigilante del Padre che garantisce la propria vita e la propria sicurezza.

“Ho notato molte volte”, scriveva la santa, “Ho notato molte volte che Gesù non vuole darmi provviste, mi nutre ad ogni istante con un cibo freschissimo, lo trovo in me senza sapere in che modo è presente.

Credo semplicemente che sia Gesù stesso nascosto nel fondo del mio povero cuore a operare in me in modo misterioso e a ispirarmi tutto ciò che vuole che faccia nel momento presente”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
santa teresa di lisieux
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni