Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconCultura
line break icon

Archeologo britannico pensa di aver trovato la casa in cui Gesù trascorse l'infanzia

FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE

Copyright K.R.Dark

John Burger - pubblicato il 26/11/20

La casa porta tutti i segni di un artigiano esperto, com'era San Giuseppe

Cinque anni di ricerche intensive sui dati archeologici hanno consolidato le prove secondo le quali una casa di Nazareth del I secolo apparteneva alla Sacra Famiglia, ha concluso un archeologo britannico.

L’abitazione, scoperta tempo fa sotto un convento, è stata oggetto per la prima volta di scavi negli anni Ottanta dell’Ottocento, ma non a livello professionale.

Le Suore di Nazareth hanno costruito un convento, scoperto un’antica cisterna ed effettuato un piccolo scavo, assistite da operai e scolari.

Il convento è ancora in funzione, vicino alla basilica dell’Annunciazione di Nazareth.

In un nuovo libro, The Sisters of Nazareth Convent: A Roman-period, Byzantine and Crusader site in central Nazareth, il professor Ken Dark, archeologo dell’Università di Reading (Regno Unito), ha affermato che è probabile che sia stato San Giuseppe a costruire la casa, un’abitazione di pietra e malta parzialmente scavata in una collina calcarea.

FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
Copyright K.R.Dark

Dark, che ha trascorso 14 anni a studiare il sito, ha affermato che San Giuseppe sarebbe stato capace di costruire la casa. I racconti evangelici si riferiscono al padre putativo di Gesù come a un tekton, termine greco che significa sia falegname che artigiano associato alle costruzioni.

“È chiaro che chiunque abbia costruito la casa avesse una buona conoscenza della lavorazione della pietra”, ha detto Dark al Daily Mail.

Vari elementi della casa mostrano che il suo costruttore “aveva una buona conoscenza delle proprietà della pietra locale e di come lavorarla”, ha dichiarato.

Copyright K.R.Dark

La storia del sito suggerisce che aveva un grande significato per i seguaci di Gesù. Nel IV secolo vi venne costruita una chiesa rupestre, decorata con mosaici e contenente uno “schermo” che separava il santuario.

Quasi trascurata

Al di là di alcuni artefatti esposti dalle suore nel loro museo, è stata prestata poca attenzione al sito, tranne che per alcuni studi effettuati nel 1936 da un Gesuita francese, Henri Senès. Le sue annotazioni erano state rese note solo alle suore fino al 2006, quando le religiose le hanno condivise con Dark e il suo Nazareth Archaeological Project. Alcune prove interessanti hanno iniziato ad emergere mentre il team di Dark riesaminava tutto il sito.

Ad esempio, hanno trovato “probabili frammenti di vasi calcarei” sul sito. Secondo una legge ebraica, i vasi calcarei non sono soggetti a impurità, a indicare che gli abitanti della casa del I secolo erano probabilmente ebrei.

FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
Copyright K.R.Dark

Il vasellame offre anche prove di un ampio divario culturale nella zona di Nazareth in cui Gesù è cresciuto. I siti archeologici a nord mostravano un’ampia gamma di artefatti, includendo vasellame importato, a indicare il mondo metropolitano dell’Impero romano, mentre nei siti più vicini a Nazareth c’erano artefatti come i vasi calcarei menzionati, che indicavano la cultura ebraica, a suggerire “un atteggiamento più conservativo nei confronti delle convinzioni religiose e dei concetti di purezza e un rifiuto della cultura ‘romana’ nel suo insieme”, ha affermato Dark in passato.


ST HELENA

Leggi anche:
Le incredibili reliquie ritrovate da sant’Elena in Terra Santa

Da nessun’altra parte nell’Impero romano c’è un confine apparentemente così netto tra chi accettava e chi rifiutava la cultura romana, anche alle frontiere della Roma imperiale. Questo suggerisce che la zona di Nazareth era insolita per la forza del suo sentimento antiromano e/o della forza della sua identità ebraica.

Tags:
casagesùnazareth
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni