Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconFor Her
line break icon

Storie di donne salvate dalla violenza grazie alla Chiesa (FOTOGALLERY)

MŁODA KOBIETA W KOŚCIELE

Rachel Lees/Unsplash | CC0

Paola Belletti - pubblicato il 25/11/20

A volte gli hashtag si impongono con violenza, pur volendo combatterla. Non per obbedienza al mainstream ma per offrire un benefico contributo al bene comune vorremmo offrire un piccolo scampolo di violenza superata, lenita dall'amore portato dalla Chiesa alle donne ferite.

Ogni mattina un utente accede ai sociale e si chiede: per cosa devo indignarmi oggi?

Non è per fare i bastian contrari – chi è apertamente a favore della violenza sulle donne? – ma l’indignazione prescritta e a reti unificate negli uomini liberi è capace ancora di suscitare un moto di ribellione.

Eppure ci si può porre in modo intelligente e costruttivo anche davanti ad una proposta obbligatoria. Cosa possiamo offrire di bello e costruttivo sul tema della dignità femminile?

No alla violenza sulle donne ma per canali tematici?

Poco fa su Twitter e omologhi è scoppiata la polemica sull’inutilità di promuovere la difesa della donna e della sua dignità e nel frattempo mandare in onda su Rai2 un bel tutorial su come essere sensuali e accattivanti tra le corsie del supermercato. Siamo su Detto Fatto, che, come dice il titolo, non prevede una fase di ponderata riflessione.

In parte hanno ragione: cosa si blatera di difesa della dignità della donna se poi ci si balocca con la rivisitazione del burlesque nel reparto surgelati?

Ecco un tweet indicatore del clima.

Sono le relazioni ad essere malate, non il maschio (da solo)

Il fenomeno dei cosiddetti femminicidi, comunque, esiste ed è orribile. Lo è sempre stato, ma oggi colpisce di più perché è come un inatteso –  e invece prevedibile – ritorno alla barbarie. Ciò che è ammalato non è il maschio, non è il maschio da solo. Sono le relazioni. Ma è anche in quelle che possiamo trovare la strada per la guarigione. Ne abbiamo parlato in questo lungo contributo a firma di Rachele Sagramoso per La Croce quotidiano.

La Chiesa, che porta in sè l’uomo nuovo, può aiutare a rinascere

Sarebbe bello dalle nostre pagine, anziché unirci al coro che ha già nutrito di voci che urlano contro l’uomo brutto e cattivo, raccontare come la Chiesa si sia fatta vicina in tanti modi alle donne colpite da violenza e le abbia aiutate a rinascere.

La Chiesa è il pronto soccorso migliore per far fronte a queste e altre emergenze perché è il solo dove sia possibile, anche se faticosamente, iniziare a guarire la natura umana, maschile e femminile, sfregiata dal peccato. E’ quella malattia ontologica che ha dato in dono all’uomo la tendenza alla prevaricazione e al dominio, e il desiderio di ridurre la donna a oggetto di cui godere. E quella stessa malattia che ha permesso alle donne di trovarsi capaci di manipolare l’altro, di controllarlo fino a soffocarlo, di umiliarlo con parole affilate e non di rado anche con coltelli veri (Il fenomeno della violenza femminile a danno degli uomini esiste eccome, ne parleremo attingendo dal contributo del sociologo Giuliano Guzzo, da poco edito per la Franco Angeli).

Tags:
donneviolenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni