Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconChiesa
line break icon

Francesco: la Chiesa non è un mercato o un partito, la fa lo Spirito Santo

Pape François audience

HANDOUT / VATICAN MEDIA / AFP

Vatican News - pubblicato il 25/11/20

All'udienza generale il Papa parla della prima comunità cristiana descritta negli Atti degli Apostoli che vive e "persevera nella preghiera". Non c'è ecclesialità, ha detto, se mancano l'ascolto della Parola, la comunione fraterna, l'Eucaristia e la preghiera: "E’ Dio che fa la Chiesa, non il clamore delle opere"

Una Chiesa in cammino, operosa, perseverante nella preghiera: è “l’immagine della primitiva comunità cristiana di Gerusalemme” che viene descritta dagli Atti degli Apostoli e che “è punto di riferimento per ogni altra esperienza cristiana”. Papa Francesco dedica la catechesi odierna alla preghiera della Chiesa nascente partendo dal brano degli Atti dove si racconta di come Pietro e Giovanni, rimessi in libertà, si radunarono subito con gli altri fratelli nella fede e terminata la preghiera “il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono colmati di Spirito Santo”. (At 4,23-24.29.31)

Parola, comunità, Eucaristia, preghiera nella prima Chiesa

Dal racconto dell’evangelista Luca emergono, afferma Papa Francesco, “quattro caratteristiche essenziali della vita ecclesiale: l’ascolto dell’insegnamento degli apostoli, la custodia della comunione reciproca, la frazione del pane e la preghiera”. Sono caratteristiche che dicono che la Chiesa “ha senso se resta saldamente unita a Cristo”. Tutto in essa attinge agli insegnamenti e ai gesti di Gesù, l’Eucaristia lo rende presente in mezzo alla comunità, la preghiera è lo spazio del dialogo con il Padre. E il Papa prosegue:

Tutto ciò che nella Chiesa cresce fuori da queste “coordinate”, è privo di fondamenta. Per discernere una situazione dobbiamo chiederci queste quattro coordinate, come in questa situazione ci sono queste quattro coordinate: la predicazione, la ricerca costante della comunione fraterna, la carità, la frazione del pane – cioè la vita eucaristica – e la preghiera. Qualsiasi situazione dev’essere valutata alla luce di queste quattro coordinate. Quello che non entra in queste coordinate è privo di ecclesialità, non è ecclesiale. è come una casa costruita sulla sabbia. È Dio che fa la Chiesa, non il clamore delle opere. (…) La Chiesa non è un mercato; la Chiesa non è un gruppo di imprenditori che vanno avanti con questa impresa nuova. La Chiesa è opera dello Spirito Santo che Gesù ci ha inviato per radunarci. 

Senza lo Spirito Santo non c’è la Chiesa

Francesco ribadisce che è dalla parola di Gesùche prendono senso gli sforzi della Chiesa e a braccio fa una lunga aggiunta per spiegare il suo pensiero:

Alle volte, sento una grande tristezza quando vedo qualche comunità che, con buona volontà, ma sbaglia la strada perché pensa di fare la Chiesa in raduni, come se fosse un partito politico. “Ma, la maggioranza, la minoranza, cosa pensa di questo, di quello, dell’altro … E questo è come un Sinodo, una strada sinodale che noi dobbiamo fare …”. Io mi domando: “Ma dove c’è lo Spirito Santo, lì? Dove c’è la preghiera? Dove c’è l’amore comunitario? Dove c’è l’Eucaristia?”. Per valutare una situazione, se è ecclesiale o non è ecclesiale, domandiamoci su queste quattro coordinate. (…) Se manca questo, manca lo Spirito e se manca lo Spirito, noi saremo una bella associazione umanitaria, di beneficienza, bene, bene … anche un partito, diciamo così, ecclesiale. Ma non c’è la Chiesa.

La Chiesa non cresce per proselitismo, ricorda ancora il Papa, che cita una frase di Benedetto XVI: “La Chiesa non cresce per proselitismo, cresce per attrazione”. E prosegue: “Se manca lo Spirito Santo, che è quello che attrae a Gesù, non c’è la Chiesa, lì. C’è un bel club di amici, bene, con buone intenzioni, ma non c’è la Chiesa, non c’è sinodalità”.

E’ lo Spirito il motore della Chiesa

Per i cristiani della prima comunità l’incontro con Gesù non si è fermato con la sua salita al Cielo, continua lungo la loro vita, osserva Francesco, raccontando ciò che ha fatto il Signore, tutto per loro “diventa vivo”. E nella preghiera trovano luce, calore e fervore. Il Papa indica a questo proposito un’espressione del Catechismo in cui si dice che lo Spirito Santo è motore di ogni cosa nella Chiesa e la conduce alla “Verità tutta intera”. Poi continua:

Ecco l’opera dello Spirito nella Chiesa: ricordare Gesù. Ma non come un esercizio mnemonico. I cristiani, camminando sui sentieri della missione, ricordano Gesù mentre lo rendono nuovamente presente; e da Lui, dal suo Spirito, ricevono la “spinta” per andare, per annunciare, per servire. Nella preghiera il cristiano si immerge nel mistero di Dio, che ama ogni uomo, quel Dio che desidera che il Vangelo sia predicato a tutti. Dio è Dio per tutti, e in Gesù ogni muro di separazione è definitivamente crollato: come dice san Paolo, Lui è la nostra pace, cioè “colui che di due ha fatto una cosa sola”.Gesù ha fatto l’unità.

Nella preghiera la forza della missione

La vita della Chiesa di Gerusalemme vede “un continuo susseguirsi di celebrazioni” e di momenti di preghiera, fa notare ancora Papa Francesco, ed è lo Spirito Santo che dà forza e coraggio a quanti si mettono in viaggio per annunciare Gesù “che per amore di Gesù solcano mari, affrontano pericoli, si sottomettono a umiliazioni”.

Dio dona amore e chiede amore. È questa la radice mistica di tutta la vita credente. I primi cristiani in preghiera, ma anche noi che veniamo parecchi secoli dopo, viviamo tutti la medesima esperienza. Lo Spirito anima ogni cosa.

Il Papa conclude con l’invito a ogni cristiano a non aver “paura di dedicare tempo alla preghiera”, ricordando ancora che è “il fuoco vivo dello Spirito che dà forza alla testimonianza e alla missione”.

Qui l’originale

Tags:
papa francescoudienza generale

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni